Qui Chieti: la BLS riapre la serie e si va a gara 5

Qui Chieti: la BLS riapre la serie e si va a gara 5

Una BLS Chieti fantastica demolisce ancora una volta una Dinamica in palla. Sarà il calore di casa, sarà che davanti al proprio pubblico i ragazzi di Coah Sorgentone raccolgono l’entusiasmo, sarà che finalmente si sono resi conto del potenziale che hanno nelle mani, si sa solo che la BLS in queste gara 3 e gara 4 ha dimostrato di essere un gradino sopra la Dinamica. Attacco mantovano neutralizzato dal primo all’ultimo minuto, i ragazzi di Coach Tinti trovano grandi difficoltà nel chiudere a canestro, la squadra teatina invece attacca a raffica, difende su ogni pallone come fosse quello decisivo, neppure l’alternanza della difesa a uomo e a zona salva la squadra ospite che si vede trafiggere il proprio canestro dalle schiacciate di Rossi, dai piazzati dalla lunga distanza di Gialloreto, dalle penetrazioni di Raschi e Diomede. Il match si chiude con la squadra abruzzese che riapre la serie e la porta a Mantova per la grande finale che deciderà chi delle due rimarrà il Lega Silver il prossimo anno. Il tabellone si spegne con il punteggio che dice BLS 85- Dinamica 63.

Partono subito forte sia la squadra di casa che gli ospiti, il ritmo di gara è alto già dalle prime battute di gioco, però la BLS ha una marcia in più e riesce sin da subito a portare il naso avanti. Per la Dinamica si mette male sin da subito visto che Coach Tinti si vede a dover rinunciare al suo lungo Mancin a causa di tre falli spesi subito, dunque messo a sedere in panchina, mancano i centimetri del numero 17 in campo e Rossi comincia a far festa nelle parti vicino al ferro. Sul finale del primo quarto la partita è in equilibrio, sino a quando la squadra di casa con un break di Rossi, Gialloreto, Severini e Diomede si porta in vantaggio chiudendo la prima frazione di gioco con il punteggio che dice 24-16 BLS.

Il secondo periodo si apre con due bombe dalla lunga distanza di Gatti e Diomede che fanno allarmare la squadra mantovana, la quale risponde con le penetrazioni di Fantinelli e Pilotti, ma la risposta dura poco perché dal 15° minuto c’è solo una squadra sul parquet di gioco ed è la BLS Chieti, che con una serie di buonissime giocate, piazzati da media e lunga distanza, penetazioni si porta addirittura sul +19. La partita si innervosisce e Piunti si dimostra un giocatore poco professionale, prima dando una gomitata a Rossi, gli arbitri non vedono, e poi continuando ancora con le parole contro il lungo di origini romane, non si capisce bene il perché di tutto ciò, forse perché Rossi poco prima aveva fatto un canestro proprio contro lo stesso Piunti e al lungo mantovano non è andata giù, comunque sia Piunti fuori perché nervosissimo e non rientrerà più per tutto il match.

Il terzo periodo si apre con la BLS che deve cercar di tenere il vantaggio preso nel primo tempo, ma la Dinamica non ci sta e tira fuori l’orgoglio, recuperando ben 11 punti alla squadra di casa e chiudendo il terzo periodo solo a -8 con grandi giocate di Venturelli, Pilotti e Losi, e con la difesa alternata uomo-zona per spegnere gli attacchi teatini. Il terzo periodo si chiude 60 a 52 con gli stings carichissimi per la rimonta fatta e pronti a concretizzarla nel quarto periodo.

L’ultima frazione si apre con la BLS scatenata però, non ne vogliono sapere di una rimonta i ragazzi teatini e tirano fuori l’orgoglio dinanzi al proprio pubblico, realizzando subito 11 punti con tre bombe di Gialloreto che scalda la mano e il piazzato da due di Diomede. Mirandola è costretta al time-out per cercar di far mente locale e provare l’ennesima rimonta nel match, ma la BLS vuole questa vittoria, vuole arrivare a questa gara5 per poter rimanere in Lega Silver il prossimo anno e chiude con 85 a 63 gara 4 con una carica che sicuramente servirà per la finale.

Ancora una volta ottima la partita e ottima la gestione di gara per Coach Domenico Sorgentone. Da sottolineare le prestazioni di Gialloreto (quando comincia a segnare da tre non lo ferma più nessuno, 17 punti realizzati con 50% dalla lunga distanza); Manuel Diomede (quando parte in velocità è quasi un’impresa fermarlo, segna in penetrazione, segna i piazzati, fenomenale, miglior realizzatore con 19 punti messi a referto); Lele Rossi (non manca mai all’appello dei migliori in campo, approfitta subito dell’uscita di Mancin, ma anche quando il lungo mantovano è sul parquet non ci sono problemi, lotta come un leone e fa sua ogni palla, segna 14 punti, strappa 16 rimbalzi, subisce 7 falli e serve 2 assist); Raschi (12 punti realizzati e tanta organizzazione in campo). La BLS ha tirato con il 53% dai due punti ed il 44% dalla lunga distanza per un totale del 49% dal campo.

Per la squadra della Dinamica buona prestazione però manca sempre qualcosa per arrivare a mettere in equilibrio il match. Da sottolineare soprattutto la partita di Pilotti (miglior realizzatore con 16 punti e 5 falli subiti) e Venturelli (15 punti messi a referto). Mirandola ha tirato con il 43% dai due punti ed il 35% dalla lunga distanza per un totale del 40% da campo.

Dunque si riapre la serie e ormai rimane solo gara 5 che ci dirà chi tra le due squadre meriterà di rimanere in lega Silver.

BLS Chieti – Dinamica-DWB Mirandola 85-63 (24-16, 25-14, 11-22, 25-11, -85–63)

BLS CHIETI: ROSSI 14, RASCHI 12, MICEVIC 4,GIALLORETO 17, RAJOLA 8, DIOMEDE 19, GATTI 6, BOLLETTA 5,SEVERINI3, SPERA.All. Coach Domenico Sorgentone.

DINAMICA MIRANDOLA: LOSI12, PIGNATTI 6, PILOTTI 16, VENTURELLI 15, MANCIN 4, FANTINELLI 8, SGOBBA 2, PIUNTI, MANTOVANI, SOLIANI ne. All. Coach Antonio Tinti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy