Ravenna batte Treviso in volata, Giachetti manda in delirio il Pala De André

Ravenna batte Treviso in volata, Giachetti manda in delirio il Pala De André

I giallorossi soffrono tantissimo a rimbalzo (27 a 46), ma grazie a una tenace difesa e alla grande prova dei due americani Grant e Rice (48 punti in due) la spunta in un finale infuocato.

di Luca Bolognesi, @lucabolla33

OraSì Ravenna – De Longhi Treviso 75-73 (19-23, 39-37, 55-50)

Ravenna: Scaccabarozzi ne, Montano 8, Sgorbati 4, Giachetti 9, Chiumenti 2, Raschi 2, Esposito 2, Masciadri, Cinti ne, Vitale, Rice 22, Grant 26. All. Martino.
Treviso: Brown 18, Sabatini 6, Rota ne, Bruttini 4, Swann 13, Musso 10, Antonutti 5, Barbante ne, Imbrò 15, Fantinelli 2, Negri ne, Lombardi. All. Pillastrini.

Al termine di una partita equilibrata è un canestro di Giachetti a un secondo dalla sirena finale a permettere all’OraSì Ravenna di battere per 75-73 la De Longhi Treviso. I giallorossi soffrono tantissimo a rimbalzo (27 a 46), ma grazie a una tenace difesa e alla grande prova dei due americani Grant e Rice (48 punti in due) la spunta in un finale infuocato e non ben gestito dagli arbitri. Treviso porta quattro giocatori in doppia cifra contro i soli due ravennati, ma si disunisce quando perde la regia di Fantinelli per cinque falli. Grazie al successo Ravenna torna tra le prime otto e sarà padrona del proprio destino nelle ultime tre partite della volata playoff.

LA PARTITA

Alla palla a due Coach Antimo Martino conferma il solito quintetto con Giachetti, Rice, Sgorbati, Masciadri e Grant, mentre Coach Pillastrini presenta da titolare il grande ex Sabatini, con Fantinelli, Musso, Antonutti e Brown. Proprio la tripla del bolognese vale il primo vantaggio ospite sul 2-3, ma la risposta di Giachetti è immediata per il 5-3. Nei primi minuti di match sono gli attacchi a prevalere sulle difese, ma il match resta equilibrato. Brown con il canestro e fallo firma il 9-10, ma un Sgorbati positivo e aggressivo segna al ferro il 13-10. Il canestro del neo entrato Chiumenti vale il 17-13, ma i due prematuri falli di Giachetti costano un calo nel finale di quarto per i padroni di casa. Ravenna contesta un’interferenza a canestro non sanzionata su un layup di Montano e si disunisce, subendo le triple di Swann e Imbrò per il 17-21. Il canestro dello stesso Swann sulla sirena chiude infine il primo parziale sul 19-23 in favore degli ospiti.
In apertura di secondo quarto si alza decisamente l’intensità difensiva di entrambe le squadre e il punteggio resta fermo sul 2-0 per oltre 3’. L’OraSì suo malgrado spende rapidamente tutti e 5 i falli del bonus e la bomba di Swann vale il 21-26. Montano risponde però prontamente per il 24-26 e Grant impatta il match a quota 26 al 15’. Un’ingenuità difensiva giallorossa regala a Imbrò la tripla del 26-29, ma Rice replica subito per il 29-29. Treviso sfrutta la sua lunga panchina, ma la differenza in favore dei padroni di casa la fa l’ottimo Grant, che con il canestro e fallo tiene a contatto i suoi sul 32-33. Brown e lo stesso figlio d’arte si scambiano schiacciate per il 36-37, poi è Rice a 1’ dall’intervallo lungo a firmare il sorpasso sul 38-37 e a mandare le squadre negli spogliatoi sul 39-37 convertendo un libero sul possesso successivo.

La bomba di Rice apre le danze nel secondo tempo per il 42-37, ma entrambe le difese continuano a farla da padrone in una partita dal tasso di intensità molto alto. A metà terzo quarto il parziale è appena di 5-6 e Treviso resta attaccata alla partita sul 44-43 grazie soprattutto ai moltissimi rimbalzi in attacco conquistati. A 2’ dall’ultimo intervallo è Musso a firmare con la tripla il pareggio a quota 48, ma Montano prima riporta avanti i suoi, poi con un bel recupero propizia la gran schiacciata in contropiede di Rice per il 52-48. Lo stesso Rice chiude poi il quarto come l’aveva cominciato e con la tripla fissa il parziale sul 55-50.
Il quarto periodo è inaugurato dalla bomba di Imbrò per il 55-53 e lo stesso playmaker ospite pareggia poco dopo sfruttando un’amnesia difensiva giallorossa. Ancora i rimbalzi offensivi puniscono l’OraSì e Bruttini segna il sorpasso sul 57-59, prima che il canestro di Musso dalla lunga distanza lanci l’allungo ospite sul 59-62. A 4’ dalla sirena finale l’episodio che cambia un po’ la partita con un’informazione di campo non fischiata a Treviso su un tap out a rimbalzo d’attacco. Il tecnico fischiato alla panchina ravennate e l’and 1 realizzato da Brown sul possesso conseguente scavano un piccolo solco in favore della De Longhi sul 63-68. Fantinelli griffa il massimo vantaggio ospite, ma commette in sequenza quarto e quinto fallo, entrambi fischi contestati da Treviso. In un Pala De André caldissimo Ravenna si riporta sotto sul 68-70, ma la bomba di Swann ricaccia indietro i padroni di casa sul 68-73 a 1’ e 30” dalla fine. Spinta da un grande pubblico l’OraSì non si da per vinta e Grant prima accorcia le distanze, poi con il canestro e fallo impatta il match sul 73 pari. Ravenna difende alla grande un altro possesso e si guadagna l’opportunità di vincere la partita, che Giachetti, in isolamento, trasforma in realtà segnando l’arresto e tiro della vittoria a 1” dalla sirena. L’ultimo tiro disegnato da Treviso per Musso è stoppato da Rice e Ravenna si porta a casa una vittoria importantissima in chiave playoff.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy