Ravenna ferma la Fortitudo: la capolista non passa al Pala de Andrè

Ravenna ferma la Fortitudo: la capolista non passa al Pala de Andrè

Dopo una battaglia lunga 45 minuti, l’Orasì batte 83 a 77 la Fortitudo Bologna grazie a 4° quarto da favola. Protagonisti indiscussi della partita sono i due americani: Rice autore di 27 punti e Grant con 21 punti e 11 rimbalzi. Nella squadra allenata da Boniciolli prove maiuscole di Amici 19 punti e Chillo 16 punti.

di Giuseppe Mele

Tutto esaurito al Pala de André di Ravenna, con 800 tifosi giunti da Bologna per sostenere la capolista e cercare di battere la bestia nera della Effe di quest’anno.

La partita si apre con un botta e risposta da tre, Rice da un lato e Cinciarini dall’altro. Ravenna cerca di sfruttare Grant in post basso, dove a marcarlo nella prima fase Pini lo soffre un po’, e infatti dopo 3 minuti commette 2 falli e Boniciolli è costretto a sostituirlo. È una partita contraddistinta da molti errori e dopo 5 minuti di gioco il punteggio è di 9 a 7 per i padroni di casa. Mancinelli entra in campo e si fa subito sentire, fornendo il primo allungo alla sua squadra: con la sua tripla la Fortitudo si porta al +5. Allo scadere della prima frazione di gioco è Grant a riportare i giallorossi a 4 lunghezze di distanza.

Ravenna continua ad avere percentuali bassissime al tiro, 5 su 17 dopo 12 minuti di gioco. In questo momento è solo Grant a tenere la squadra di Martino attaccata alla partita, per l’americano 9 punti su 17 totali. La squadra di casa aggiusta la mira e grazie a due triple consecutive si porta sul -1. Nell’azione successiva Amici punisce dalla lunga distanza, fissando il punteggio sul 29 a 25 per i bolognesi. Ora il clima è caldissimo, complice una fischiata incomprensibile da parte dell’arbitro. Ritorna a segnare anche Rice che con un gioco da tre punti riporta sotto i suoi. A 1:47 dal termine del secondo quarto Chiumenti, con una penetrazione con fallo, riesce a portare avanti la sua squadra per la prima volta durante la partita 35 a 33. Ora Bologna è in confusione, con due palle perse consecutive permette alla squadra di Martino di chiudere il secondo quarto in vantaggio di 5 punti. 

Il terzo quarto si apre con la stessa intensità con cui si è chiuso il precedente, dopo 3 minuti e mezzo e un parziale di 7 a 2 per la squadra ospite il punteggio è di nuovo in perfetta parità sul 43 a 43. Per la Effe il protagonista assoluto è Amici, autore di 8 punti consecutivi che permettono ai bianco-blu di andare di nuovo sul +5. La crisi di canestro da parte di Ravenna ora è un problema serio e la Fortitudo non fa sconti: il canestro di Chillo fissa il risultato sul 54 a 45 per la squadra di Boniciolli. L’emorragia si ferma solo grazie a un tiro da tre di Rice, che permette ai romagnoli di sbloccarsi, ma nell’azione successiva è ancora Amici a punire sempre dalla lunga distanza. Matteo Italiano chiude la terza frazione con una tripla che allontana a 8 punti la squadra di casa.

L’ultima frazione si apre con Rice che prende per mano la squadra: sono suoi i primi quattro punti; il parziale di 6 a 0 dei ravennati li porta nuovamente a sole due lunghezze. Un super rimbalzo in attacco per Chiumenti con successivo canestro permette ai padroni di casa di riportarsi avanti sul punteggio di 64 a 63. L’Orasì vuol rimanere attaccata alla partita e cerca di farlo in tutti i modi, la presenza di Grant a rimbalzo è fondamentale, un suo rimbalzo permette a Rice di andare in contropiede e di subire fallo, ma oggi dalla lunetta ha delle pessime percentuali (5/11). Nell’altra metà campo Chillo segna il +4 a 1 minuto e mezzo dal termine. A 22 secondi dal termine Bologna è avanti di due lunghezze, la palla va nelle mani di Grant che segna e riporta tutto in parità con 9 secondi ancora da giocare. Il tiro di Cinciarini non va, un grande quarto quarto dei ragazzi di Martino obbliga la squadra ospite ad andare ancora una volta ai supplementari.

A segnare è Rice che grazie a una penetrazione dal centro porta Ravenna sul 73 a 71; nell’altra metà campo è Chillo che punisce l’Orasì; un uno due dei due americani di Ravenna permette alla squadra di casa di allungare sul +4 a due minuti dal termine. Un fallo di Chiumenti porta McCamey alla lunetta a segnare due liberi. Una stoppata di Grant su McCamey chiude la partita: commette fallo su Rice che va in lunetta e con due liberi fissa il risultato sul 83 a 77.

OraSì Ravenna – Lavoropiù Bologna 83 -77 dts

OraSì Ravenna: Rayvonte Rice 27, Jacopo Giachetti 10, Jerai Grant 21, Stefano Masciadri 7, Giacomo Sgorbati 3, Matteo Montano 4, Alberto Chiumenti 10, Andrea Raschi 1, Donato Vitale, Alessandro Esposito. All. Antimo Martino

Lavoropiù Bologna: Daniele Cinciarini 6, Alessandro Amici 19, Guido Rosselli 3,Stefano Mancinelli 8,Matteo Chillo 16, Robert Fultz, Demetri Mccamey 12, Giovanni Pini 4, Nazzareno Italiano 9, Marco Morabito, Pietro Boniciolli. All.Matteo Boniciolli

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy