Ravenna ok, battuta una Bawer sempre più ultima

Ravenna ok, battuta una Bawer sempre più ultima

Commenta per primo!

Al PalaSassi di Matera va in scena il secondo incontro casalingo consecutivo per una Bawer che non guadagna punti in classifica da un mese esatto, nonostante la buona prova della scorsa settimana in cui i lucani hanno venduto cara la pelle alla Tezenis Verona.

Ospite di turno l’OraSì Ravenna, squadra che sta viaggiando in acque più tranquille rispetto alla Bawer con 10 punti in classifica, anche se reduce da un paio di passi falsi in quel di Bologna ed in casa contro Trieste.

Coach Gresta può finalmente contare su Francesco Guarino, ma dovrà fare a meno dell’infortunato Daniele Mastrangelo. Perciò il quintetto titolare materano è composto dal capitano, Cantagalli, Okoye, Hamilton e Corral.

Coach Martino risponde schierando lo starting five formato da Rivali, Deloach, Malaventura, Masciadri e Smith.

PRIMO QUARTO

Palla a due vinta da Taylor Smith. Parte forte la formazione ospite che piazza subito un mini-break di 5-0 firmato da Deloach e Malaventura. Il primo materano a trovare il canestro è proprio il rientrante Guarino. Ancora Malaventura risponde con una tripla al gancio realizzato da Diego Corral. È proprio l’italo-argentino a trascinare i suoi in fase offensiva, servendo un assist per i due punti di Cantagalli e mettendo a segno un altro gancio, ma dall’altra parte fatica a contenere l’atletismo di Taylor Smith che a tre minuti dal termine inchioda la poderosa schiacciata del vantaggio (13-15) dopo i canestri di Masciadri e Hamilton. Okoye segna la tripla del +1 ma arriva il controsorpasso firmato da Masciadri. Ultimi due minuti del quarto caratterizzati da canestri e repliche da una parte e dall’altra fino ai due punti di Cantagalli sulla sirena. Dopo i primi dieci minuti il punteggio vede l’Olimpia in vantaggio minimo sul 22-21. Da segnalare un buon avvio di Corral che in questo periodo ha messo a referto 8 punti.

SECONDO QUARTO

Nel secondo periodo la Bawer alza ulteriormente il ritmo e arriva il break che porta la formazione locale al massimo vantaggio (30-21) con la tripla di Cantagalli e cinque punti di Hamilton. La coppia “made in USA” ravennate permette agli ospiti di accorciare le distanze sul 30-25. A metà del periodo il ritmo sale alle stelle, con la Bawer che cerca punti veloci per ampliare il divario mentre l’OraSì li cerca per rientrare in partita il prima possibile. La Bawer riesce a trovare la doppia cifra di vantaggio grazie ai punti di Okoye e Guarino (37-25), ma gli ospiti si fanno di nuovo sotto con i punti di Rivali, Raschi e Masciadri. È ancora Raschi a trovare il canestro per la squadra di coach Martino, ma questa volta arriva addirittura il gioco da quattro punti a causa di un ingenuità difensiva di Zaharie che commette fallo sulla tripla segnata. Zaharie sbaglia un facile layup sotto canestro ma si fa perdonare prendendo un buon rimbalzo e ribadendo così a canestro un tiro sbagliato di Cantagalli. Sono di Masciadri gli ultimi quattro punti del quarto (41-37).

TERZO QUARTO

Hamilton infila i primi due punti del terzo periodo, ma arriva la risposta dall’arco di Masciadri. È ancora il britannico bianco-azzurro a rispondere ai tentativi di rimonta dei ravennati, ma a sette minuti dal termine arriva il sorpasso da parte degli ospiti con la tripla di Masciadri. Corral firma il controsorpasso ma Raschi mette a segno quattro punti consecutivi. Le triple di Okoye e Cantagalli riportano i lucani in vantaggio, ma gli ultimi tre minuti del periodo diventano un monologo dell’OraSì che mette a segno un parziale di 10-0 che vale la doppia cifra di vantaggio. Okoye mette a segno due punti sul finire del quarto. Si va all’ultimo mini-intervallo sul punteggio di 58-64.

ULTIMO QUARTO

Nell’ultimo periodo si verifica un clamoroso calo della Bawer sotto tutti i punti di vista, gli uomini di Gresta non sembrano non essere scesi in campo e i ravennati ne approfittano mantenendo la doppia cifra di vantaggio. Sale in cattedra Michael Deloach che si scalda e segna qualsiasi tiro che riesce a prendere. Matera è incapace di reagire ai colpi della guardia americana e continuano a non trovare spazio per i tiri, andando sempre a forzare le azioni. A quattro minuti dalla fine Deloach nuovamente trova il canestro, ma arriva finalmente la risposta di Okoye che riporta i suoi alla singola cifra di svantaggio (70-79). Nell’ultimo minuto i ravennati riescono a resistere al vano tentativo di rimonta da parte dei locali e alla fine riescono ad espugnare il PalaSassi. Finisce 79-87. Ravenna si porta a 12 punti in classifica, mentre la Bawer rimane ultima e si vede nuovamente soffiare dalle mani la vittoria, sempre a causa del solito calo mentale nell’ultimo quarto. Calo che dovranno evitare nelle prossime partite, se vorranno uscire dalla zona retrocessione.

BAWER MATERA-ORASÌ RAVENNA 79-87

MATERA: Hamilton 19, Guarino 4, Mastrangelo ne, Corral 10, Okoye 25, Cantagalli 14, Rugolo 5, Santarsia ne, Bertocco, Zaharie 2. Coach Gresta

RAVENNA: Smith 17, Deloach 21, Malaventura 9, Casini 3, Rivali 10, Raschi 13, Manetti ne, Masciadri 14, Smorto, Sech ne, Salari ne. Coach Martino

Fotogallery a cura di Roberto Linzalone e Galileo De Iudicibus

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy