Re James di Omegna difende la fortezza, dopo 30′ Firenze crolla

Re James di Omegna difende la fortezza, dopo 30′ Firenze crolla

Commenta per primo!

Il PalaBattisti resta inviolato, e nell’anticipo della 6a giornata di DNA Silver, la Paffoni resta in vetta al girone, e fa il poker casalingo ai danni di una Enegan Firenze comunque positiva vista la panchina vacante (Corpaci o Salieri, sembra questo il ballottaggio), e che regge tre quarti prima di crollare nel finale.

98-71 che quindi non rende tutti i meriti all’Affrico, i leoni sono però costretti ad uscire a mani vuote da Verbania grazie all’ennesima, impressionante performance di Mike James: il play di Portland scrive a referto 32 punti con 6 rimbalzi, 5 assist, 5 palle recuperate, 12/20 dal campo e 7/9 dalla lunetta. Bene anche capitan Saccaggi, con 14 punti, chirurgico al tiro e impeccabile dalla lunetta (9/10), in scia Shepherd, molto positivo nei quarti dispari, anche se meno tonico (6/11 al tiro, 4 assist, in 31′); a crescere invece sono anche Max Farioli con i suoi 6 rimbalzi, ma soprattutto Jajo Borra, che parte bene per poi essere dominante sotto le plance nel secondo quarto, chiuderà con 21 punti in 21′ e 6 rimbalzi, conditi da 8/11 dal campo e 3 stoppate.

Per una Firenze che è invece è troppo USA-dipendente (53 dei 78 punti segnati sono di marca oltre-oceano; Simoncelli 0/9 dal campo e -4 di valutazione in 35′; Pazzi 2/5 dal campo in 21′), si fa eccezione per l’ottimo contributo dalla panchina di Cosimo Fontani e Marco Cucco, specie nel secondo quarto (6 punti il primo con 2/3 dal campo in 14′; 3/5 eda 3 e 9 punti sempre in 14′), mentre ovviamente spiccano uno Swanston mostruoso (31 per lui, di cui 14 nel terzo quarto, 10/16 dal campo, 5/10 da 3 e 5 palle perse in 33′), e un Wood che però, salvo gli 8 punti del primo quarto (3/6 dal campo), rimpolpa il tabellino a partita finita. Ma quando nell’ultimo quarto si è spento, per la Enegan è calato il buio.

LA CRONACA.

Primo tempo che vede chiudere avanti la Paffoni per 51-46, grazie ai 16 punti di James e i 15 si Borra, mentre nelle file degli ospiti che devono ancora scegliere chi sarà il nuova allenatore, 17 punti a referto per Swanston e 12 per Wood nei primi venti minuti di gioco, con James che e’ stato premiato prima della gara come miglior giocatore del mese di ottobre.

Paffoni che dopo aver chiuso il terzo periodo 73-68, nell’ultimo e decisivo periodo piazza il parziale che indirizza la gara a proprio favore con il punteggio che vede Omegna avanti 93-74, con alcune schiacciate spettacolari da parte di James, partita che viene vinta e va in archivio per la compagine allenata da coach Di Lorenzo che ottiene i due punti grazie al successo 98-81.

Prossimi impegni apparentemente leggeri per la Fulgor (in trasferta a Recanati, poi ospite Bari), Firenze avrà tra le sue grinfie Ravenna tra sette giorni, quindi una dura trasferta ad Agrigento.

Paffoni Omegna – Enegan Firenze 91-78

Paffoni : Lasagni 1, James 32 , Borra 21 , Farioli 6, Saccaggi 14, De Nicolao 2, Shepherd 14 , Masciadri 4, Paci 4 , Sacchettini , All: Di Lorenzo.

Firenze: Swanston 31 , Cucco 9 , Fontani 6 , Simoncelli , Pazzi 6 , Schiano ne , Severini , Conti 2 , Wood 23 , Castelli 4, All : Caimi.

Paffoni 34-56 al tiro, Firenze 27-63;
Tiro da tre: 4-11 Paffoni, 9-25 Firenze;
Rimbalzi: 31 Paffoni, 23 Firenze;
Assist: 17 Paffoni. 11 Firenze;
Palle perse : 14 Paffoni, 14 Firenze;
Palle recuperate: 10 Paffoni. 7 Firenze;
Valutazione: Paffoni 122 (42 James), Firenze 81 (Swanston 28)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy