Ritorno alla vittoria della Fortitudo Agrigento, il Cus Bari rimane in coda a quota zero

Ritorno alla vittoria della Fortitudo Agrigento, il Cus Bari rimane in coda a quota zero

Commenta per primo!
FOTO CALOGERO MONTANA LAMPO – BASKETINSIDE 2013

Il verdetto è inequivocabile, Bari si arrende nettamente alla Fortitudo Agrigento pagando l’inesperienza e la evidente differenza del tasso tecnico. Gli uomini di coach Raho vengono sconfitti dalla compagine siciliana del Presidente Moncada con un netto 84 a 61 e rimangono ancora a zero punti in classifica. Agrigento mette a segno la seconda vittoria di quest’anno, si inserisce nel folto gruppo di squadre a 4 punti e si pone in una buona condizione psicologica per potere affrontare con più serenità il doppio impegno in trasferta della prossima settimana. Partita non bella, caratterizzata da una prima parte frenetica con ritmo veloce, ma con numerosi errori dall’una e dall’altra parte al tiro. Nella seconda parte la Fortitudo di Franco Ciani rientra in campo alzando l’intensità in difesa e scegliendo di attaccare con ordine e con la difesa avversaria schierata, riuscendo a creare il primo solco importante raggiungendo il + 23 al 6°minuto di gioco.  Con un super Vaughn, il migliore della squadra con 21 punti, imitato da Fabio Mian sempre con 21 punti e i 16 aggiunti da Di Viccaro ( 10 nell’ultimo quarto) la squadra biancoazzurra mette in difficoltà i ragazzi di coach Raho. Piazza (5) e Mocavero  (6) non hanno contribuito, come al solito, in termini di punti, ma hanno messo a disposizione della squadra 8 assist e 5 recuperi il play bolognese, 10 rimbalzi il pivot ex Barcellona. La squadra pugliese trova punti dalla giovane coppia Monaldi (18) – Spissu (10) e dal serbo Jovanovic autore di 14 punti.

Si inizia con Piazza, Vaughn, Mian, Chiarastella, Mocavero per i biancoazzurri di coach Ciani; con Monaldi, Spissu, Iannone, Iovanovic, Infante per la squadra di coach Raho.

LA CRONACA

I° QUARTO (18-12)

Inizio partita con il piede sull’acceleratore,ma costellato da errori al tiro. Primo attacco efficace lo porta in back door Mian che conclude con una schiacciata, seguito da Piazza per il primo parziale. Infante dimenticato sotto canestro riesce ad appoggiare un comodissimo layup del 4 a 2, la squadra di casa risponde con un break di 6 a 0. Mian prima mette dentro il 4° punto personale della serata, poi fornisce l’assist a Chiarastella e Mocavero chiude il parziale con un sotto canestro per il 10 a 2. Monaldi ne realizza 5 consecutivi e costringe il coach di casa ad usufruire del primo minuto di sospensione. Alla ripresa Chiarastella e Vaughn allungano  a 7 punti di distanza dagli ospiti, rimasta invariata dopo il botta e risposta tra Latinovic e Piazza (2/2). Il periodo termina sul risultato di 18 a12 per la Fortitudo con un canestro in step back di Vaughn dopo una tripla frontale di Iannone.

II° QUARTO (20-18)

La Fortitudo Agrigento inizia il secondo quarto con Di Viccaro da guardia, con l’asse play – pivot formato da Anello e De Laurentiis e confermando le ali Vaughn e Chiarastella.  Per la Liomatic di coach Raho confermati gli esterni Monaldi e Iannone, da ala piccola schiera Latinovic e vicini a canestro Zaharie e Jovanovic.  Dopo gli errori di inizio periodo di Anello con un tentativo dalla lunga fuori misura ed una palla persa di Zaharie, la Fortitudo prova a fare la voce grossa con un parziale di 7 a 0 realizzato da Vaughn con due positivi viaggi in lunetta ed una tripla su scarico di Anello e da De Laurentiis che, cattura di un rimbalzo in attacco e mette 2 punti del + 13  ( 25-12). Il coach ospite chiama time out ed alla ripresa del gioco, Latinovic fa 0 su 2 dalla lunetta, mentre Di Viccaro incendia la retina con una tripla. I biancorossi provano a rientrare in partita con un contro parziale di 7 a 0 firmato da Jovanovic con un semigancio, Infante con un attacco a canestro concluso con successo e da Monaldi con una conclusione dai 6.75, portando lo svantaggio dai padroni di casa sotto la doppi cifra (28-19). Mian fa 2/2 a cronometro fermo, Di Viccaro tira un air ball, catturato da Didonna che va a depositare a canestro in contropiede, poi, si fa perdonare con una conclusione dall’arco per il + 12 .  Spissu batte in 1 vs 1 Piazza e deposita la palla a canestro per il -10, risponde Mian con la seconda schiacciata della serata. La squadra di casa non sfrutta al meglio  il fallo antisportivo fischiato a Latinovic su Piazza (1/2),  ne approfitta Jovanovic autore di 7 punti interrotti da un canestro di tabella di Mian per il 38 a 30 con cui si conclude il parziale.

III° QUARTO (24-12)

Dopo la pausa lunga scende in campo una Fortitudo diversa rispetto a quella vista nella prima parte della partita. Più ordinata ed intensa nei due lati del campo e mette a segno il parziale di 15 a 0 che decide la gara.  Per assistere al primo canestro degli ospiti si attende il 6° minuto di gioco con Monaldi che mette dentro un canestro dalla lunga distanza, imitato da Latinovic dall’angolo e da Spissu per il -13 (53-40). Vaughn sale in cattedra e  dopo un 1/2 di Mocavero, realizza 6 punti e  fornisce l’assist a De Laurentiis che chiude il periodo sul risultato di 62 a 42 per la squadra di casa

IV° QUARTO (22-19)

Ad inizio quarto periodo i biancoazzurri riescono a portarsi sul + 25 con Vaughn e Mian, ma gli ospiti con due triple di Monaldi e con un gioco da 3 punti di Spissu si portano sul -16. Coach Raho prova con la zone press, ma Vaughn riesce a perforare la difesa ospite attaccando con successo il canestro. Per la Fortitudo grazie allo show di Di Viccaro autore di 10 punti mantiene a distanza gli avversari e chiude di fatto la partita. Il tempo di vedere l’esordio in campo del giocatore locale Andrea Portannese, fratello di Marco guardia del Capo d’Orlando,  autore dell’assist a Chiarastella per la tripla del 84 a 61 finale.

SALA STAMPA

“Sapevamo che era una partita difficile, esordisce in sala stampa Vincenzo Di Viccaro, perchè Bari, nonostante sulla carta è considerata tra le squadre più deboli del campionato, ti porta a giocare in un modo che non è nostro. Ci hanno fatto correre tanto provocando tanti errori,  palle perse e molta fatica. Abbiamo avuto dei momenti di difficoltà, ma siamo stati bravi a riprenderci. Dobbiamo imparare dai nostri errori, perché nel nostro cammino ritroveremo squadre ancora più organizzate di Bari. Per quanto mi riguarda, continua la guardia della Fortitudo,quest’anno è un campionato diverso, più fisico, a volte per le mie caratteristiche può essere più difficoltoso per me stare in campo. Il coach fa le sue scelte ed io devo mettere in pratica il lavoro della settimana e quello che mi si chiede. Non sempre ci riesco al 100%, ma mi sforzo tutti i giorni per poter migliorare e portare a casa un buon risultato”.

“Oggi era una partita nella quale l’unico imperativo vero in un modo o nell’altro era quello di vincere.-  a parlare è coach Ciani – Vincere per trovare un pò di morale, un pò di serenità, per non perdere il contatto con la prima metà della classifica, per continuare a starci dentro e, soprattutto, perché andiamo in contro a due trasferte molto impegnative consecutive. La partita l’avevamo iniziato molto bene, poi, come spesso accade, le cose che sembrano troppo facili sono infide e traditrici. Ci siamo fatto prendere la mano da un ritmo troppo alto e questo non era il nostro piano che ci ha fatto soffrire. I secondi due quarti sono stati nettamente migliore dei primi due sotto il profilo dell’intensità difensiva e delle scelte in attacco”.

Nella prossima settimana, doppio impegno in trasferta per la Fortitudo Agrigento: nel turno infrasettimanale, in programma giovedì prossimo 31 ottobre, sarà di scena a Ferrara contro La Mobyt; domenica 3 Novembre a Chieti contro “le furie” della Proger. Il Liomatic Bari si trasferirà a Codogno nel turno infrasettimanale per affrontare l’Assigeco di Coach Zanchi, domenica ritornerà a giocare al PalaFlorio per ospitare la Viola Reggio Calabria.

Moncada Energy Group Agrigento – Liomatic Cus Bari: 84-61 (18-12; 38-30; 62.42)

Moncada Energy Group Agrigento: Piazza 5 (1/3 0/1), Vaughn 21 (7/11 1/7), Mian  21(6/13 2/7), Chiarastella 9 (3/5 1/1), Mocavero  6 (2/5), Di Viccaro  16 (2/2  4/10),  Anello (0/1), Giovanatto (0/1 0/1),  De Laurentiis  6 (3/5), Portannese. Coach Ciani.

Liomatic Cus Bari: Monaldi 18(1/5  5/7), Iannone 3 (01 1/5), Latinovic  5 (1/3 1/5), Zaharie 3 (0/0 1/2), Infante 6 (3/7), Spissu  10 (3/3 1/5), Jovanovic  14 (6/9 0/6), Didonna 2 (1/1 0/2) Piccolo n.e., Intino n.e.. Coach Raho.

Fotogallery a cura di Claudio Degaspari

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy