Roseto rischia, ma abbatte Recanati (senza Smith)

Roseto rischia, ma abbatte Recanati (senza Smith)

Roseto, malgrado l’assenza di lusso di Smith causa distorsione, riprende in mano la partita nell’ultimo periodo e strappa il successo, restando in tanto alla classifica.

Commenta per primo!

ANCONA – E’ arrivata ad un passo dal colpaccio Recanati, che stava riuscendo ad arginare la superiorità di una Roseto priva di Adam Smith per infortunio e ben poco convincente per quasi 30 minuti di gioco. La gara è svoltata al quarto fallo di Travis Bader, che fino alla metà del terzo quarto aveva trascinato i marchigiani infilando 22 punti e risultando letale dalla lunga distanza. I ragazzi di coach Di Paolantonio hanno così recuperato un gap di 13 punti di distacco, guidati dal duo Amoroso-Fultz, che hanno chiuso entrambi con 25 punti a referto (di cui 7 a testa solo nell’ultimo periodo). Era auspicabile che con l’assenza di Smith i giochi sarebbero stati più difficile per gli abruzzesi, che forse sono arrivati ad Ancona sottovalutando un po’ l’avversario, ma in pochi avrebbero mai scommesso su una Ambalt per larghi tratti sulla doppia cifra di vantaggio. Ciononostante, è bastato il parzialone di 23-11 del quarto periodo per strappare il succeso e lasciare Recanati a bocca asciutta e relegarla all’ultimo posto in classifica, dove l’aria è sempre più rarefatta. Gli Sharks, trascinati da un pubblico meraviglioso, giunto in massa al PalaRossini, hanno tutto il diritto di sognare.

Starting Five

Ambalt Recanati: Reynolds, Bader, Pierini, Loschi, Sorrentino
Roseto Sharks:
Fultz, Radonjic, Mei, Amoroso, Sherrod.

La cronaca:

Partenza ad altro ritmo, con entrambe le formazioni ad attaccare forte e a ballare parecchio in difesa. Roseto, spinta dal pubblico accorso in massa in territorio marchigiano, fatica nei primi minuti, con Reynolds e capitan Pierini a tenere avanti i gialloblu (14-9 al 6’). L’Ambalt infila addirittura tre triple di fila, con un Loschi in palla, e il vantaggio inizia a essere importante sul finir del primo quarto, quando i padroni di casa imbeccano il +8 con una tap-in in schiacciata di Reynolds. Gli Sharks non ci stanno e provano a tornare a contatto: Amoroso riporta a distanza ravvicinata i suoi (14’ 33-28), ma proprio quando gli abruzzesi tornano a contatto, la situazione si ribalta: Radonjic rimedia un antisportivo, la panchina di Roseto fallo tecnico e Recanati riprende la distanza (41-34 a 3’ dall’intervallo). Gli ospiti ritornano in difficoltà, e Bader punisce, chiudendo un parziale di 8-1 che contribuisce al 52-37 della pausa lunga.

Al rientro in campo Roseto riparte con un altro piglio e ritorna sul -10 (23’, 58-48), spinta da Radonjic e dal solito Amoroso. Gli uomini di coach Di Paolantonio hanno il vento in poppa, e con l’ennesima tripla di Amoroso tornano ad un possesso di distanza (25’, 59-56). Ma quando tutto sembra tornato in totale equilibrio, ci pensano Sorrentino e Bader a contribuire a un parziale di 11-2 con cui i leopardiani si portano di nuovo a distanza di sicurezza (12’ dalla fine, 71-58). Il gioco di parziali e contro-parziali però continua, gli abruzzesi tornano a -4 (30’, 71-67). Ed è sempre Amoroso a trascinare i suoi: l’ex Fortitudo infila due tripla consecutive ed è 73-74 a poco meno di 8’ dalla sirena. Recanati è ormai in confusione, Roseto costruisce il suo vantaggio a cronometro fermo e allunga oltre il possesso di vantaggio, trovando il +8 (75-83, 4’ dalla fine) con Fultz. Spinta da capitan Pierini, l’Ambalt si rifà sotto e va sul -5, ma sbaglia il tiro del potenziale -2. Roseto, a quel punto, chiude la pratica allungando il margine negli ultimi istanti. Finisce 82-91, gli Sharks continuano a volare al comando dell’A2 Est.

MVP Basketinside.com: Valerio Amoroso – 25 punti, 3/6 da 2 punti, 5/7 da 3 punti, 4/5 ai liberi, 5 rimbalzi, 29 di valutazione.

Ambalt Recanati 82-91 Roseto Sharks 

Ambalt Recanati: Travis Bader 24 (2/3, 6/8), Attilio Pierini 14 (4/5, 2/5), Jalen Reynolds 13 (5/10, 0/0), Federico Loschi 12 (0/3, 3/8), Gennaro Sorrentino 10 (2/5, 0/3), Riccardo Bolpin 5 (1/1, 1/2), Stefano Spizzichini 4 (2/3, 0/0), Giacomo Maspero 0 (0/3, 0/2), Leonardo Marini 0 (0/0, 0/0), Massimiliano Fossati 0 (0/0, 0/0), Gianmarco Armento 0 (0/0, 0/0), Nicolas Breccia 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 18 – Rimbalzi: 31 7 + 24 (Jalen Reynolds 15) – Assist: 19 (Federico Loschi, Gennaro Sorrentino 8)

Roseto Sharks: Valerio Amoroso 25 (3/6, 5/7), Robert Fultz 25 (6/11, 3/8), Brandon Sherrod 13 (4/6, 0/0), Nicola Mei 12 (1/1, 2/4), Todor Radonjic 8 (0/2, 2/4), Riccardo Casagrande 4 (0/2, 0/0), Giovanni Fattori 4 (2/2, 0/1), Paolo Paci 0 (0/0, 0/0), Gianmarco Mariani 0 (0/0, 0/0), Adam terrell Smith 0 (0/0, 0/0), Domenico Fasciocco 0 (0/0, 0/0), Maurizio Cantarini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 23 / 32 – Rimbalzi: 28 4 + 24 (Brandon Sherrod 6) – Assist: 16 (Robert Fultz 10)

Fotogallery a cura di Alfonso Alfonsi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy