Ruvo di Puglia batte Latina: passata la tempesta?

Ruvo di Puglia batte Latina: passata la tempesta?

 

Ma Ruvo c’è, reagisce di squadra ed è arrembante nel primo quarto, nonostante Latina non demeriti e proponga un buon basket impostato dal nuovo playmaker, Simone Ferrarese, e finalizzato da un Cristian Villani in formato playoff.

I quintetti proposti dai due coach vedono in campo Bonfiglio, Bonacini, Pilotti, Ihedioha e Zerini per i padroni di casa, e Ferrarese, Ruini, Rossetti, Amoroso e Rotondo per i pontini, tra i quali va segnalata l’assenza per scelta tecnica di Mattia Soloperto (Latina è obbligata al turn-over di un senior, avendone tesserati sette); per Ruvo l’assenza è quella di Stefano Simeoli, infortunatosi in allenamento durante la settimana.

Come detto, Ruvo domina sin da subito con una prestazione offensiva massiccia: è Simone Bonfiglio il simbolo dello spirito di riscatto ruvese. Il play bolognese, idolo del pubblico eppure, come altri, sotto accusa per le brutte prestazioni dell’ultimo periodo, ci tiene a mostrare l’attaccamento alla maglia e l’amore per la città, e ne mette 15 nel solo primo quarto, con tanto di bacio alla maglia e dedica alla tifoseria organizzata in sciopero del tifo. Latina risponde come può, ma il parziale al ’10 è impietoso: 32-18 per i padroni di casa.

Latina non ci sta, e principalmente con i canestri di Villani cerca di rosicchiare progressivamente il vantaggio ai ruvesi, di fatto “aggiudicandosi” i restanti tre quarti senza però mai raggiungere il contatto con gli uomini di Cadeo: i successivi parziali sono 52-41, 73-63 e 86-81 finale.

E’ un bel basket quello proposto dalle due compagini, che si affrontano conscie dell’importanza di fare punti in questa fase della stagione, in una gara che potrebbe rappresentare una delle possibili finali di Coppa Italia in programma a Montecatini la settimana seguente: i due coach si sfidano in un duello a  distanza fatto di adeguamenti difensivi e difese miste (per Ruvo si alterna la solita zone-press ad una più classica 2-3 mentre coach Salzano propone anche accenni di box&one per limitare Bonfiglio), mentre i giocatori si affrontano a viso aperto ma correttamente, mostrando numeri spettacolari (la schiacciata a una mano di Zerini, o la stoppata con palla quasi in tribuna di Ihedioha).

La spunta un Ruvo più determinato a vincere, più lucido nella gestione del vantaggio accumulato in un primo quarto letteralmente troppo perfetto perché Latina potesse opporvisi. Dal canto loro i pontini hanno dimostrato di essere una squadra caparbia, che ha in Villani e Ferrarese le sue pedine più importanti tanto in termini di qualità quanto di equilibrio, mentre Ruini continua a deludere rispetto alle aspettative che un giocatore del suo calibro aveva giustamente generato. Sottotono il resto del gruppo, e molto male Rossetti che perde 7 delle complessive 18 palle perse dai suoi, soffrendo oltremodo la marcatura di Pilotti, Provenzano e Marzoli.

Con questa vittoria Ruvo conquista la matematica salvezza, una formalità che sebbene scontata può rappresentare uno stimolo ulteriore per la squadra, attesa nel prossimo week-end a giocarsi la Coppa Italia con Latina, Trento e Siena. L’appuntamento è per sabato, alle ore 18.00 con la sfida contro i giovani toscani, mentre l’eventuale finale sarà giocata domenica alle ore 19.00.

Tabellini:

Adriatica Industriale Ruvo: Bonfiglio 25, Bonacini 11, Pilotti 12, Ihedioha 7, Zerini 11, Marzoli 5, Provenzano 8, Modica 11, Di Salvia n.e., De Leo n.e. All: Cadeo

Benacquista Latina: Ferrarese 9, Ruini 13, Rossetti 7, Amoroso 10, Rotondo 9, Panzini, Villani 22, Fattori 11, Emejuru, Gregori n.e. All: Salzano

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy