Treviglio lotta ma non basta, Mantova passa al PalaFacchetti

Treviglio lotta ma non basta, Mantova passa al PalaFacchetti

Commenta per primo!

Non basta una grande reazione rabbiosa nell’ultimo quarto alla Remer Treviglio per portare a casa il difficilissimo scontro interno contro la Dinamica Generale Mantova: 67-78 il risultato al termine di un match che ha visto la BluBasket restare in gioco per due quarti prima che gli ospiti piazzino l’allungo alla fine decisivo sfruttando la buona serata di Hurtt, Moraschini e Ndoja; per Treviglio il rammarico di aver lasciato scappare gli Stings nel terzo parziale ma anche il grande merito di averci creduto fino alla fine rientrando alla grande negli ultimi 10’, fattore dal quale i biancoblu devono prendere forza e ispirazione per le prossime uscite.

Treviglio si schiera per la palla a due con Marino in cabina di regia, Turel e Kyzlink sugli esterni, Sorokas e Rossi sotto canestro; dall’altra parte coach Martellossi manda in campo Di Bella in regia, Hurtt e Moraschini sugli esterni, Ndoja e Simms sotto le plance.

Rompe il ghiaccio subito Turel con una tripla dall’angolo, Mantova risponde subito con il 2/2 ai liberi del capitano Ndoja; la partita è subito viva con Treviglio che attacca senza paura la difesa mantovana con 4 punti di Lele Rossi mentre gli ospiti si tengono a contatto con i canestri della sua coppia statunitense. La difesa della BluBasket è molto efficace e provoca due palle perse consecutive in attacco per la Dinamica, situazioni che i bergamaschi sfruttano però solo in parte con il canestro di Sorokas mentre Mantova si riprende e infila dall’angolo la tripla del pareggio con Hurtt (9-9); Marino colpisce due volte in penetrazione ma, nonostante un’ottima pressione difensiva, non riesce a scappare nel punteggio con gli ospiti che rimangono lì con la tripla di Ndoja (canestro che da’ agli Stings il loro primo vantaggio del match sull’11-12). La Remer non riesce a essere così efficace in copertura sull’arco e Moraschini ne approfitta infilando la prima bomba del suo match, canestro che carica i mantovani che compiono il sorpasso con il gancio di Ndoja (15-17) a fronte di una Treviglio meno lucida in attacco che porta Vertemati a chiamare il primo time out della partita; al rientro Ndoja colpisce dalla media distanza, Treviglio alza le marce in attacco e torna a segnare con la penetrazione di Tambone ma Moraschini è caldo e infila un’altra tripla e chiude il primo quarto sul 17-22 a favore degli ospiti, con un parziale a loro favore di 4-10 negli ultimi tre giri di orologio.

Secondo quarto che si sblocca dopo 1’15’’ con il canestro da sotto di Chillo che da’ il via al mini-parziale della Remer proseguito dalla penetrazione vincente di Kyzlink che porta Treviglio a -1 (21-22) e spinge Martelossi a chiamare il primo time out per gli ospiti; al rientro si svegliano gli ospiti con la tripla di Amici e la stoppata di Simms su Kyzlink, Treviglio risponde con la tripla di tabella di Tambone e aggredisce con decisione gli avversari in difesa provocando due falli in attacco consecutivi del duo statunitense della Dinamica ma senza riuscire a piazzare il sorpasso nelle successive azioni offensive. È ancora Amici a colpire dall’angolo, Kyzlink risponde in penetrazione e da’ il via a 2’ senza canestri dove sono le difese aggressive di entrambi a farla da padrone; a 3’50’’ l’arcobaleno di Di Bella  riapre il discorso, Treviglio risponde con Chillo da sotto e, dopo tre azioni offensive consecutive concesse agli avversari e buttate all’aria dai mantovani, trova il pareggio con la penetrazione vincente di Marino (30-30). La partita ora si gioca a ritmi molto alti con Mantova che in un amen piazza un parziale di 7-0 aperto dal contropided di Moraschini e chiuso dalla tripla di Ndoja per il 30-37 che spinge Vertemati al time out con 57’’ sul cronometro; al rientro la Remer riduce il distacco con il 2/2 dalla lunetta di Sorokas e il gioco da tre punti di Tambone ma dorme letteralmente sulla successiva rimessa con 4’’ da giocare quando Di Bella attraversa indisturbato il campo e segna in penetrazione sulla sirena (35-39).

Al ritorno sul parquet è Sorokas a riaprire le danze con un canestro da sotto, risponde Moraschini schiacciando in contropiede per Mantova che in questo inizio di quarto schiaccia il piede sull’acceleratore e piazza un parziale di 9-0 condito da un gioco da tre punti di Hurtt e 4 punti di Simms che spingono gli Stings a +11 (37-48); la Remer reagisce con il piazzato di Kyzlink e la tripla di capitan Rossi mentre la Dinamica mantiene gli avversari a distanza di sicurezza grazie ad altri 4 punti Simms e a un altro gioco da tre punti di Hurtt che valgono il massimo vantaggio a +13 (42-55 con 4’36’’ sul cronometro). Marino va a segno per Treviglio ma Mantova continua a fare il buono e il cattivo tempo allungando con Simms, Moraschini e Hurtt che infila il +18 (44-62) cadendo all’indietro, mentre dall’altra parte la BluBasket ha troppa foga di rientrare in partita e butta via troppi tiri (tre errori consecutivi per Marino); Sorokas muove il punteggio dei bergamaschi con 4 punti mentre la Dinamica risponde con il 2/2 ai liberi di Gergati e la schiacciata di Hurtt (11 punti per lo statunitense nel terzo parziale di gioco) andando all’ultimo quarto avanti (48-66).

La musica non cambia al ritorno sul parquet con l’1/2 dalla lunetta di Hurtt e la tripla di Gergati per il +22 Stings (48-70), reazione di Treviglio con Kyzlink che infila 5 punti consecutivi (tripla + contropiede vincente) e la penetrazione di Turel per il 7-0 biancoblu che spinge Martellossi al time out; dopo il minuto di sospensione, retine bianche per quasi 2’ prima che la Remer riprenda la sua marcia di riavvicinamento con 4 punti di Tambone per il -11 bergamasco (59-70) a 5’49’’ dal termine e nuovo time out Mantova. Ora i trevigliesi ci credono davvero, mordono le caviglie agli avversari con gran foga e il primo farne le spese è Sims che si fa fischiare un fallo tecnico; la Remer accorcia ancora con il libero aggiuntivo di Tambone, non sfrutta le successive quattro azioni offensive ma, complice il momento di totale black out degli ospiti, si spinge fino al -6 (64-70) grazie alla tripla più libero aggiuntivo di super-Tambone a 3’ dal termine. Dopo quasi 8’ di agonia gli Stings tornano a segnare con il 2/2 ai liberi di Gandini e Di Bella, seguono due possessi sterili da entrambe le parti con Treviglio che a seguire fa 1/2 dalla lunetta con Turel e non riesce a far fruttare la stoppata difensiva di Sorokas con un attacco vincente. L’ultimo giro di lancette si apre con il 2/2 ai liberi di Gergati, Treviglio risponde con il contropiede di Tambone ma è Ndoja a chiudere la contesa con un 2/2 dalla lunetta che vale il 67-78 finale a favore di Mantova.

MVP condiviso assegnato a Klaudio Ndoja (decisivo nella prima parte di partita, chiude con 17 punti, 5 rimbalzi, 2 assist e 3/5 da 3 punti) e Justin Hurtt (la vera marcia in più dei mantovani nel terzo quarto, top scorer con 19 punti, 3 rimbalzi e 7/14 totale al tiro); positivi anche Moraschini (12 punti, 5 rimbalzi, 2/5 da 3 punti) e Simms (12 punti e 9 rimbalzi).

Per Treviglio non basta la grande prestazione di Tambone (19 punti, 6 rimbalzi, 2/3 da 3 punti e 3 palle recuperate partendo dalla panchina) e la doppia cifra di Sorokas (10 punti, 3 rimbalzi), Kyzlink (11 punti, 5 rimbalzi) e Marino (10 punti, ma anche 5 palle perse).

Remer Treviglio 67–78 Dinamica Generale Mantova (parziali: 17-22, 35-39, 48-66)

Remer Treviglio: Savoldelli, Chillo 4, Kyzlink 11, Sorokas 10, Marino 10, Spatti n.e., Mezzanotte n.e., Tambone 19, Rossi 7, Turel 6. All. Vertemati

Dinamica Generale Mantova: Ndoja 17, Alviti n.e., Fumagalli n.e., Moraschini 12, Di Bella 6, Simms 12, Hurtt 19, Gandini 2, Amici 3, Gergati 7. All. Martelossi

StatisticheTreviglio: 22/53 da 2, 5/16 da 3, 27/69 totale, 8/9 ai liberi; Mantova: 18/36 da 2, 9/22 da 3, 27/58 totale, 15/16 ai liberi.

Arbitri dell’incontro: Giulio Pepponi di Spello (PG), Guido Giovannetti di Terni (TR) e Alessandro Perciavalle di Torino (TO)

Fotogallery a cura di Luca Conti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy