Treviso batte Imola con un gran secondo tempo

Treviso batte Imola con un gran secondo tempo

La tripla doppia di capitan Fantinelli guida la De’ Longhi alla vittoria nell’anticipo dell’undicesimo turno.

Commenta per primo!

DE’ LONGHI TREVISO BASKET – ANDREA COSTA IMOLA 77-56 (14-19, 30-34, 54-51)

DE’ LONGHI TREVISO: Perry 11 (4/7, 0/3), La Torre 7 (1/1, 1/1), Moretti 14 (3/4, 2/2), Malbasa, Fantinelli 14 (2/7, 3/4), Saccaggi 6 (1/2, 1/6), Rinaldi 8 (3/6, 0/1), Poser, Ancellotti 8 (3/6 da 2), Marini, DeCosey 9 (3/9, 1/4), ne: Negri.

ANDREA COSTA IMOLA: Tassinari 9 (2/4, 1/4), Cohn 17 (6/11, 1/3), Cai, Maggioli 10 (5/10, 0/1), Borra (0/1 da 2), Ranuzzi 13 (2/6, 1/4), Preti, Hassan 7 (2/4, 1/7), Hubalek 9 (0/2, 2/3), ne: Prato.

NOTE: pq 14-19, sq 30-34, tq 54-51. Tiri liberi: Treviso 13/16, Imola 13/15. Rimbalzi: Treviso 42 (Fantinelli 2+10), Imola 31 (Ranuzzi 1+5). Assist: Treviso 21 (Fantinelli 10), Imola 13 (Ranuzzi 4).

Dopo una serie di tre trasferte consecutive (Virtus Bologna – Roseto – Imola) finalmente la De’ Longhi riabbraccia il proprio pubblico, accorso in massa per questo anticipo infrasettimanale dell’undicesimo turno. Una partita dai due volti, caratterizzata da una prima metà all’insegna di una maggiore energia per Imola, con Treviso che chiude con due triple un po’ fortunose che forse le danno morale per il secondo tempo. Seconda metà di gara che vede finalmente i ragazzi di Pillastrini produrre una pallacanestro al proprio livello all’insegna di un ispiratissimo Matteo Fantinelli, un Rinaldi gladiatore e Moretti cecchino dalla lunga, con i due americani da ottimi comprimari. Una vittoria forse più sofferta del previsto per questa De’ Longhi che però mette altri due punti in classifica e si consacra a capolista momentanea.

PRIMO PERIODO: il quintetto di Treviso vede in campo il classico starting five formato da Fantinelli, Moretti, DeCosey, Perry e Ancellotti. Imola parte con Cohn, Ranuzzi, Maggioli, Hassan e Hubalek. Dopo una serie di errori da parte di entrambe le formazioni, la situazione viene sbloccata da due liberi di Ancellotti guadagnati grazie ad un bel pick ‘n’ roll con Fantinelli. Dall’altra parte risponde Maggioli dal post basso, ed è 2-2 dopo 3 minuti. il vantaggio imolese è firmato dal neo arrivo Hubalek da 3 punti, al quale risponde Moretti con due canestri in fila (6-5, 5:30). Dopo una prima fase di studio la partita si fa più vivace e anche le percentuali al tiro si alzano, con Imola che grazie a Maggioli e Cohn rimane sul +3 (8-11, 3:20). La girandola di cambi vede entrare per Treviso La Torre, Saccaggi e Rinaldi, mentre tra le fila biancorosse fanno il proprio ingresso Borra, Tassinari e Preti. La Andrea Costa sembra più attiva e grintosa soprattutto a rimbalzo guadagnandosi molti secondi tiri e punendo dall’arco prima con Hassan e poi con Tassinari arrivando al massimo vantaggio di +5 (12-17 con 20 secondi sul cronometro). Ancora Tassinari in chiusura di quarto si procura due liberi che realizza per il 14 a 19 finale.

SECONDO PERIODO: la seconda frazione si apre con una palla perse di DeCosey capitalizzata al meglio da Ranuzzi che in zingarata chiude un gioca da 3 punti (14-22, 8:50). Risposta immediata di DeCosey che si riscatta con una tripla dall’angolo e riporta i suoi a -5. Treviso si stringe in difesa e costringe Imola ad un’infrazione di 24 secondi, la De’ Longhi sembra aver ritrovato slancio e Ancellotti cattura un importantissimo rimbalzo offensivo che trasforma in due punti (19-22, 7:43). I biancoblu sembrano aver ritrovato il filo del gioco e mettono a referto un parziale di 8 a 2 grazie ad ottime difese e ad una maggiore grinta a rimbalzo offensivo, arrivando a -1, ma è proprio a questo punto che una tripla di Cohn ridà fiato ad Imola (23-27, 5:00). Treviso va a sprazzi e non riesce a trovare la mira dalla lunga distanza, ne approfitta Imola che allunga nuovamente con un parziale di 4 a 0 (23-31, 2:40). Pillastini prova a trovare il quintetto migliore e rimette in campo Moretti e La Torre, ma la piega non cambia e dopo due palle perse Tassinari in contropiede firma il massimo vantaggio dell’Andrea Costa, 23-33 con 1:15 da giocare. In chiusura di quarto due bombe, la prima di La Torre e la seconda di Fantinelli sulla sirena, sigillano il risultato su un menzognero 30 a 34, con Imola che fin qui è riuscita ad esprimere una qualità di gioca più elevata rispetto alla De’ Longhi.

TERZO PERIODO: Treviso rientra dalla pausa lunga schierando il quintetto base con Saccaggio al posto di Moretti gravato da 3 falli, Imola riparte con il proprio starting five. Finalmente la De’ Longhi riesce a correre e trova prima due punti in contropiede con Fantinelli assistito da Saccaggi e poi in transizione con Perry, riportandosi dopo molti minuti in parità a quota 36, ma Treviso non si ferma e dopo due grandi difese capitalizzate al meglio in attacco con DeCosey e Ancellotti torna in vantaggio (40-36, 7:17). Imola è in rottura prolungata e in attacco non trova più le soluzioni del primo tempo, il parziale trevigiano viene interrotto da una tripla di Ranuzzi soltanto sul 45 a 39 di metà frazione. Imola però non vuole andare al tappeto e torna a -2 grazie ad una tripla di Hubalek (47-45, 3:00), ed è sempre Hubalek che riporta i suoi a -1 con due liberi causati da un antisportivo di Saccaggi. Il quarto si chiude con un altro buzzer beater di Fantinelli per il 54 a 51.

QUARTO PERIODO: l’ultima frazione si apre all’insegna degli USA trevigiani che siglano un parziale di 5 a 0 (59-51, 8:30), cui risponde immediatamente Maggioli di grande esperienza dal post basso per il 59 a 53. La De’ Longhi ora sembra decisamente più energica e produce una migliore circolazione di palla in attacco anche se in difesa concede ancora qualcosa di troppo, nel frattempo arriva anche il massimo vantaggio sul 70 a 59 grazie a due triple di Davide Moretti, subito ritoccato da Fantinelli sempre dalla lunga (73-59, 4:47). I ragazzi di Pillastrini stringono ulteriormente le maglie in difesa costringendo Imola a diverse palle perse e conclusione altamente contestate, mentre in attacco Fantinelli ha ritrovato la vena creativa e Moretti ha una marcia in più di tutti (77-59, 1:40). La partita si conclude con due punti di Cohn in entrata che sigillano il risultato sul 77 a 65 per la vittoria della De’ Longhi.

MVP BASKETINSIDE: Matteo Fantinelli tripla doppia con 14 punti, 12 rimbalzi e 10 assist.

Fotogallery a cura di Thomas Barea

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy