Treviso scappa nel terzo quarto, Epifania amara per Roseto

Treviso scappa nel terzo quarto, Epifania amara per Roseto

Commenta per primo!

DE’ LONGHI TREVISO – MEC-ENERGY ROSETO 87-73 (21-23; 40-42; 67-51)

De’ Longhi Treviso: Abbott 30 (8/8, 4/10), Moretti (0/1), De Zardo ne, Malbasa 3, Fabi 3 (0/1, 1/6), Busetto ne, Legnaro ne, Fantinelli 15 (6/8, 0/1), Powell 19 (6/14, 2/2), Rinaldi 6 (1/6, 1/2), Negri 3 (0/2, 1/3), Ancellotti 8 (4/7, 0/1). All: Pillastrini

Mec-Energy Roseto: Allen 11 (1/8, 3/9), Borra 7 (2/5), Ferraro 3 (0/1, 1/4), Papa, Marini 14 (5/7), Mariani ne, Trevisan ne, Bryan 5 (0/5), Marulli 13 (2/3, 3/5), Moreno 9 (3/4 da tre), Weaver 11 (1/1, 1/3). All: Trullo

Arbitri: Perciavalle, Bongiorni e Di Toro

Nulla da fare per Roseto, costretta ad arrendersi alla De’ Longhi. Per gli uomini di Pillastrini ennesima prova di forza davanti al pubblico amico, con un Abbott versione deluxe: per l’americano ben 30 i punti a referto.

La befana porta al Palaverde gli Squali di Roseto, vittoriosi l’anno scorso. Treviso recupera finalmente capitan Fabi in quintetto, di fornte al consueto pienone sugli spalti (4724 spettatori). Apre il capitano con palombella che Abbott trasforma in un canestro al volo. Il secondo assist di Fabi è invece per Ancellotti che schiaccia. Treviso più che convinta: Fantinelli stoppa Bryan e apre per il secondo contropiede che manda ancora Abbott a canestro. Roseto non ci sta e risponde in sequenza con Allen e Ferraro, aggiungendo anche una stoppatona di Bryan su Powell Weaver firma il sorpasso (6-7) a 7′ dal termine. Riprende coraggio Treviso con Ancellotti che lavora bene sul perno e con Powell che serve in post basso Fantinelli per il 10-7. Accorcia Bryan con due liberi. Azione insisitita di Treviso: realizza Fabi dall’arco. Segue una rubata di Fantinelli che serve un no-look per Powell. (15-9 a 4’16”). Treviso attentissima in difesa e l’ennesima rubata costringe Roseto all’antisportivo e porta Treviso sul 16-9. Roseto lavora bene e trova il pareggio con Allen a quota 16. Il nuovo vantaggio trevigiano è di Powell, il controsorpasso di Moreno. Un gioco da tre punti di Fantinelli riporta Treviso avanti di 2 unità, subito recuperate da Weaver su fallo del neoentrato Malbasa per il nuovo pareggio a quota 21 con meno di un minuto da giocare. L’ultimo canestro è di Marini per Roseto che chiude avanti di due un tempo giocato quasi in tempo reale, con minime interruzioni.

Moreno subito da tre punti per l’apertura delle marcature. Treviso pasticcia in attacco, ma Roseto non riesce a concretizzare i possessi a disposizione. Il classico piazzato di Rinaldi accorcia le distanze (23-26 a 8’25”).
Non intende cedere Roseto che risponde ancora da tre con Weaver. Sui passi (più che dubbi) di Rinaldi, Pillastrini opta per il timeout. Due liberi di Malbasa riportano Treviso ad un tiro di distanza (26-29) a 6’45”, ma Roseto riallunga subito con Marini al quale risponde Abbott con una bomba. Powell sbaglia i liberi del pareggio, ma Treviso recupera ancora una palla in difesa che Rinaldi concretizza con una tripla dall’angolo per il +1 DeLonghi. Un gioco da 4 punti (libero + tripla) genera il nuovo controsorpasso rosetano. Abbott, in palla, firma il -1, Marini riallunga per gli ospiti in due momenti per il break rosetano che porta gli abruzzesi a +5 con 3′ da giocare. Ancora Abbott, da due ci mette una pezza mentre un impreciso Powell spreca altri due liberi (1/6 per lui). Roseto può quindi riallungare a +5, vantaggio ridotto dal lob di Abbott e dal contropiede “Fantinelli to Ancellotti”. Chiamata discutibile degli arbitri che a tempo scaduto regalano due liberi a Borra che con una realizzazione sancisce il risultato finale all’intervallo lungo sul 40-42.

Serve un minuto e mezzo per vedere muoversi il tabellone, grazie a due liberi di Bryan per fallo di Ancellotti.
Fantinelli prima e Abbott poi firmano il pareggio a 7′ 33″. Un ottima circolazione di palla con extrapass di Fabi per Ancellotti che schiaccia riporta avanti Treviso, che si fa sorpassare subito da Roseto per poi tornare in vantaggio con una tripla di Abbott (49-47 a 6’18”). Uno scomposto Bryan si carica di falli offensivi (già 4) e costringe Trullo a far entrare Borra. Ne approfitta Treviso che allunga con tripla dall’angolo di Powell e liberi di Abbott (+7 a metà quarto).
Roseto accorcia con Borra su carambola, ma Treviso trova due punti dell’all-around Fantinelli che riportano il vantaggio a sette lunghezze. L’inchiodata a due mani di Powell su contropiede aumenta il divario (58-49 a 2’30”) che si fa ancora più ampio con la tripla di Abbott cercato e trovato da Fantinelli. Abbott inarrestabile colpisce ancora dall’arco, Powell lo imita dopo un canestro da sotto di Borra per il 67-51 che chiude il quarto.

Roseto parte bene recuperando tre punti di divario, sfruttando anche la fallosità difensiva trevigiana. Treviso sembra però consapevole del proprio valore e gioca con sicurezza: dopo 2′ di gioco un libero di Rinaldi porta la DeLonghi a +14 (70-56). il divario aumenta grazie ad una scorribanda di Abbott sulla linea di fondo e a ad un canestro da sotto di Powell. Con 5′ da giocare i punti che Roseto deve recuperare sono 15 (74-59). Trova il canestro anche Negri, piuttosto trasparente nei primi 30 minuti, mentre Roseto si affida alla linea della carità per restare in carreggiata, prima con marini, poi con Borra. Una tripla di Marulli e un passi di Moretti suggeriscono il timeout a Pillastrini che ne approfitta per rimandare in campo Abbott proprio per lo spento Moretti. Powell si esibisce in un rovesciato, Roseto si affida a Marulli che peràò esagera innescando il contropiede di Fantinelli che manda a schiacciare Abbott (81-68). Lo stesso Fantinelli ruba e segna ancora.  Allen prova ad accorciare il divario, ma ancora Fantinelli spegne le flebili speranze rosetane (85-71 con un minuto da giocare). Partita in ghiaccio, risultato finale 87-73.

Primo quarto che premia Roseto soprattutto grazie ad una maggiore precisione al tiro (specie da tre con 4/6). Primato confermato nel secondo quarto che vede ancora i rosetani avanti, grazie anche ad una ingombrante presenza nel pitturato. Il terzo quarto segna l’allungo trevigiano che corrisponde all’uscita dal parquet di Bryan, che aveva assicurato fino a quel momento pericolosità offensiva e intimidazione difensiva. La valutazione parziale di squadra del quarto è eloquente: 43-3. Non mutano gli equilibri nell’ultimo periodo, nel quale Treviso semplicemente amministra, mentre Roseto, priva per gran parte del quarto di Bryan, non riesce a trovare contromisure.
Stellare Abbott (30 punti, 12/18 al tiro), impressionante Fantinelli (11 assist, 6 rubate, 15 punti): per entrambi 32 di valutazione.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy