Trieste ci mette tre quarti per trovarsi, poi è vittoria contro Chieti

Trieste ci mette tre quarti per trovarsi, poi è vittoria contro Chieti

Finisce 82-68, per Trieste due punti d’oro in chiave play off senza fare troppo i sofistici, Chieti vede allontanarsi il treno delle pretendenti alla post season.

Commenta per primo!

ALMA AGENZIA DEL LAVORO TRIESTE – PROGER CHIETI 82-68

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste: Jordan Parks 16 (7/13, 0/2), Stefano Bossi 12 (2/3, 2/5), Andrea Coronica 4 (2/3 da due), Enrico Gobbato, Roberto Nelson 13 (1/1, 3/4), Andrea Donda, Andrea Pecile 11 (4/7, 1/3), Lorenzo Baldasso 7 (2/2, 1/1), Aristide Landi 11 (3/5, 1/3), Roberto Prandin 4 (2/4, 0/2), Vincenzo Pipitone 3 (1/2 da due), Matteo Canavesi (1/2 ai liberi).

Tiri Liberi: 10/14 – Rimbalzi: 38 24+14 (Jordan Parks 11) – Assist: 12 (Andrea Pecile 4)

Proger Chieti: Andrea Piazza 8 (2/7 da due), Marco Allegretti 16 (3/6, 1/4), Matteo Piccoli 2 (1/1 da due), Jacopo Vedovato, Luigi Sergio 6 (2/2, 0/4), Ivan Lilov 12 (3/6, 1/6), Diego Monaldi 9 (2/3, 1/5), Isaiah Armwood 15 (6/9, 0/2) N.E.: Damiano Marchetti, Andrea Sipala. All. Galli

Tiri Liberi: 21/26 – Rimbalzi: 26 15+11 (Isaiah Armwood 6) – Assist: 9 (Diego Monaldi 3) – Cinque Falli: Ivan Lilov

Parziali: 26-18, 14-20, 20-19, 22-11

Arbitri: Nicolini, Pazzaglia, Chersicla

Spettatori: 2.620

QUINTETTI

TRIESTE: Bossi, Pecile, Nelson, Parks, Landi

CHIETI: Piazza, Monaldi, Lilov, Sergio, Armwood

Una sola parola in casa Trieste, “reazione”, dopo l’imbarazzante finale di Matera; per Chieti una grande occasione per agganciare i giuliani a quota 20 in classifica.

Inizio di partita discretamente intenso per i padroni di casa, non cattivi ma volitivi, Chieti vive di pick’n roll con il trottolino piazza a creare gioco: 8-6. Jordan Parks fa e disfa nel consueto moto schizofrenico che gli è proprio, risponde dalla parte opposta un super Armwood; l’Alma tampona offensivamente quello che in fase difensiva lascia per strada, quanto basta per il primo parziale a favore dei padroni di casa: 22-13. Nonostante il vantaggio la squadra triestina non da l’impressione di spezzare in due la partita, pur considerando che Chieti è Armwood e poco Lilov, nulla più: primo quarto chiuso sul 26-18. Match che prosegue senza una lettura definibile, l’anestetizzazione dell’ambiente giova agli ospiti che si rifanno sotto, giungendo a -1; arbitri molto attenti alle infrazioni offensive (4 comminate in pochi minuti), Allegretti da tre punti pareggia la sfida a quota 30. Se c’è una squadra in confusione mentale questa è quella di Dalmasson: Nelson viene sbattuto (ed è il termine giusto) sul pino, in attacco Trieste muore con la palla in mano, inevitabile il vantaggio esterno. La Proger esegue penetrazioni centrali senza ostacoli, men che meno “aiuti” difensivi; le squadre vanno all’intervallo sul 40-38 grazie all’ultimo colpo di reni giuliano targato Pecile-Bossi (estemporaneo).

Canovaccio già visto alla ripresa delle ostilità, con Trieste a “fare la partita” (e a disfarla), e Chieti sorniona aggrappata al match: 46-44 e time out chiamato da coach Dalmasson. Lilov non sarà un atleta dal fisico tersicoreo ma ha tanta conoscenza cestistica, esattamente come Aristide Landi dalla parte opposta; zona ordinata da Massimo Galli per fermare l’inerzia impercettibilmente sbilanciata verso i padroni di casa: 53-46. Jordan Parks torna a mettersi in proprio con discreto costrutto, ma come nel primo tempo la Proger pareggia. Terza frazione chiusa sul 60-57. Fantasmi materani al Palatrieste, l’Alma getta dei palloni in modo scriteriato, Andrea Pecile prova a riallineare i suoi. Roberto Nelson, dopo essere stato in punizione tutto il terzo quarto, non fa nulla per riconquistare la fiducia del coach; nonostante tutto Trieste è avanti 65-59. Lilov ingenuamente saluta il match commettendo il quinto fallo in attacco, Nelson da tre punti porta al massimo vantaggio i padroni di casa sul +11 a 4 minuti dal termine.  La  che lucra sul bonus speso dai triestini, esito finale rimandato da qualche gita in lunetta in più degli ospiti: finisce 82-68, per Trieste due punti d’oro in chiave play off senza fare troppo i sofistici, Chieti vede allontanarsi il treno delle pretendenti alla post season.

Fotogallery a cura di Dario Cechet

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy