Trieste doma una coriacea Forlì

Trieste doma una coriacea Forlì

Gli ospiti privi del play Naimy rimangono in partita per 35′ per poi cedere solo di fronte agli scatenati Fernandez e Green.

Commenta per primo!

Nella seconda giornata di LNP all’Alma Arena va in scena la sfida tra i padroni di casa dell’Alma e l’Unieuro Pallacanestro Forlì. Recupero importante per coach Dalmasson che potrà contare sull’apporto del secondo americano Laurence Bowers, che smaltisce così l’infortunio patito durante la preseason. Non è, purtroppo, del match il play ospite Naimy, seduto in panchina coi compagni, ma in borghese.

Primo quarto che comincia con Coronica, Fernandez, Cittadini, Green e Prandin in campo per Trieste; Castelli, Bonacini, Diliegro, Severini, Jackson i cinque uomini scelti da coach Valli per questo inizio. I primi punti della sfida vengono messi a segno da capitan Coronica in penetrazione per il 2 a 0 giuliano. Cittadini e Prandin rimpinguano il tabellino dei padroni di casa che in un amen si trovano avanti 7-0; ci pensa Castelli, con un jumper, a sbloccare l’iniziale en passe degli ospiti. I triestini continuano a variare le proprie soluzioni offensive, prima Prandin converte la seconda tripla di questo primo quarto, poi Cittadini appoggia il punto del momentaneo +10 (12-2). Diliegro e Jackson non ci stanno ad alzare subito bandiera bianca e guidano la rimonta forlivese che, dopo il 2/2 segnato dalla linea dei liberi dall’ex della partita, aggiornano la contesa sul punteggio di 12-8. Janelidze appoggia il quattordicesimo punto dei suoi a cui seguono i primi punti, sotto le volte dell’Alma Arena, di Juan Fernandez per il momentaneo 16-8. I due liberi segnati da Bonacini servono per concludere le prime ostilità sul 16 a 10.

Secondo periodo ricomincia col primo punto stagionale di Bowers in casacca biancorossa. Janelidze ne mette a segno altri due convertendo l’ottimo assist di Green prima della risposta targata Jackson (19-12). Green schioda la voce 0 dalla casella punti, ma Forlì con un mini break di 4 a 0 si riavvicina sul -6 (21-16). L’ala di Memphis, questa sera in maglia rossa, è preciso dalla linea dei 6 metri e col 2 su 2 riporta +7 il vantaggio dell’Alma. Thiam prima, Bonacini poi aggiornano il minimo svantaggio dei liviensi sul -3 (23-20). Janelidze e Castelli si rispondono per le rime, ma il divario rimane inalterato prima del -1 firmato dall’appoggio di Severini (25-24) a cui Dalmasson corre ai ripari prontamente chiamando un minuto. Scelta ampiamente ripagata dal parziale di 5 a 0 firmato dalla tripla messa a segno da Fernandez e dall’appoggio al vetro di Cittadini. Questa volta è il coach ospite, Valli, a chiamare time-out per arginare la foga dei padroni di casa. Fernandez però, è di tutt’altro avviso e continua nel suo show personale mettendo a referto altri due punti personali (32-24). Jackson e Green continuano ad ingrassare i tabellini personali ma lo scarto rimane costante sulle 8 lunghezze; ci pensa il jumper di Bonacini a scrivere il -6 prima che le squadre vadano all’intervallo sul parziale di 34-28.

Terza frazione che tarda a decollare, le difese sono arcigne e gli attacchi non hanno la continuità mostrata nei primi 20′ di gioco. E’ il solito Bonacini a togliere l’ideale tappo che si era posizionato sopra i due canestri a cui segue a ruota la replica targata Cittadini (36-30). Jackson ne mette altri due dalla lunetta rimettendo i soliti due possessi di differenza tra le due formazioni; gap che dura giusto l’arco di un’azione grazie alla perfetta intesa mostrata dall’inedito asse Green-Cittadini. Castelli segna il trentottesimo punto dei suoi, ma Fernandez ha pronta la risposta per continuare la solita altalena che si è instaurata in questo momento nel match. Green con il suo solito volo sopra il ferro risponde per le rime al precedente canestro di Diliegro, ma Forlì non indietreggia e produce il parziale di 8 a 2 con cui pareggia l’incontro a quota 44. Green e Jackson provano a portare l’inerzia dell’incontro dalla parte dei propri colori, ma la competizione continua a viaggiare sui binari dell’equilibrio (46-46). Castelli e Bonacini rispondono alla tripla di Green e per la prima volta nell’incontro l’Unieuro si trova avanti nel punteggio (49-50). Il solito Green coadiuvato da Lorenzo Baldasso firmano il mini break di 5 a 0 con cui Trieste si riprende la leadership sul 54-50 punteggio con cui le squadre vanno all’ultimo riposo.

Quarto ed ultimo quarto che si apre col 4 a 0 firmato dalla coppia Diliegro-De Laurentiis per la nuova parità a quota 54. Il momento d’oro ospite continua e poco più tardi Jackson infila il siluro che consegna il massimo vantaggio agli ospiti (54-57). Toccato il fondo i giuliani reagiscono con due degli uomini di maggior classe a disposizione di Dalmasson, prima Green accorcia dai liberi poi Fernandez firma il contro sorpasso in contropiede sul 58-57. Diliegro si esclude dal match con due falli consecutivi che portano in lunetta Bowers; il lungo con il numero 21 sulle spalle ringrazia e firma il nuovo +3 (60-57). Fernandez col tredicesimo punto della sua partita rimette addirittura due possessi tra le contendenti, ma una distrazione difensiva permette a Severini di castigare la disattenta difesa alabardata rimettendo solo un possesso di gap (62-60). C’è tempo di assistere ad una bellissima azione da highlights firmata dal duo Fernandez-Green con la chiusura in schiacciata da parte di quest’ultimo dell’alley-oop fornitogli dal play argentino. Gli ospiti però non demordono e credono ancora nell’impresa; Bonacini e Jackson firmano l’ennesimo break di 4 a 0 impattando il match a quota 64. Fernandez e Green però, nei momenti caldi sembrano avere una marcia in più e riescono a mettere a segno punti con alto peso specifico che permettono così a Trieste di riprendere saldamente le redini del match. I sigilli finali di Bowers e Loschi sono il punto esclamativo sulla contesa che regala altri due punti in classifica ai padroni di casa che rimangono così a punteggio pieno dopo due giornate. Forlì esce battuta ma per nulla ridimensionata da questa sfida.

TRIESTE 75-66 FORLI’

Spettatori: 4800 paganti

MVP Basketinside.com: Javonte Green. L’ala della Virginia sonnecchia oer più di due quarti, ma quando la sfida incomincia a scaldarsi esce il notevole tasso tecnico di cui è dotato. Chiude la partita con 23 punti 4 rimbalzi e 21 di valutazione

ALMA TRIESTE: A. Coronica (K) 2 (1/2 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), J. Fernandez 16 (5/10 da 2, 2/5 da 3, 0/0 tl), J. D. Green 23 (7/12 da 2, 1/5 da 3, 6/6 tl), M. Babich n.e., M. Schina n.e., L. Baldasso 3 (0/1 da 2, 1/5 da 3, 0/0 tl), G. Janelidze 6 (3/4 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), R. Prandin 6 (0/1 da 2, 2/3 da 3, 0/0 tl), L. Bowers 7 (1/1 da 2, 0/0 da 3, 5/7 tl), F. Loschi 2 (0/1 da 2, 0/3 da 3, 2/2 tl), A. Cittadini 10 (5/6 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), All. E. Dalmasson

UNIEURO FORLI’ : D. Diliegro 10 (4/8 da 2, 0/1 da 3, 2/2 tl), R. Castelli 13 (3/9 da 2, 1/1 da 3, 4/6 tl), M. Fallucca n.e., Y. Naimy n.e., J. D. Jackson 15 (1/3 da 2, 1/8 da 3, 10/10 tl), F. Gallera Malvolti 0 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), D. Bonacini 17 (5/8 da 2, 1/4 da 3, 4/4 tl), G. Severini 5 (1/4 da 2, 1/2 da 3, 0/0 tl), K. I. Thiam 4 (2/2 da 2, 0/0 da 3, 0/0 tl), Q. De Laurentiis 2 (1/2 da 2, 0/1 da 3, 0/0 tl), All. G. Valli

Fotogallery a cura di Eleonora Piccarreta

Green

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy