Un incredibile Lawson trascina Bologna nella vittoria su Piacenza

Un incredibile Lawson trascina Bologna nella vittoria su Piacenza

La Virtus soffre nei primi due quarti poi prende il largo nel secondo tempo, chiudendo in relativa tranquillità, trascinata da una prestazione superlativa dell’ex centro di Recanati.

Commenta per primo!

Buona la prima per la Segafredo Bologna che si impone per 72 a 63 su una combattiva Assigeco Piacenza nella prima giornata della LNP A2 Est. A trascinare la squadra di coach Ramagli è stato Kenny Lawson, autore di una prova eccellente condita da 26 punti e 10 rimbalzi. Ottimo anche l’apporto del classe 1998 Lorenzo Penna: il prodotto del settore giovanile virtussino, di fatto all’esordio a questo livello, si è dimostrato pronto per questo livello, producendo una performance da 10 punti. Non è bastata a Piacenza una partita maiuscola del fischiatissimo ex di turno Kenny Hasbrouck, protagonista di una prestazione da 22 punti, 5 rimbalzi e 3 assist.

Quintetti

Bologna: Spissu, Umeh, Rosselli, Petrovic, Lawson

Piacenza: De Nicolao, Hasbrouck, Raspino, Jones, Infante

Davanti alla discreta cornice di pubblico dell’Unipol Arena (“Pronti a ricominciare senza dimenticare, quest’anno si gioca per vincere, non per partecipare”, tuonano i Forever Boys), i padroni di casa (in maglia nera) partono forte in difesa, sfruttando in attacco la versatilità di Lawson, ma Piacenza rimane attaccata (9 a 8 dopo 7′), grazie soprattutto all’ex Hasbrouck. Spizzichini esce dalla panchina e mette subito una tripla che, assieme ad un altro cesto di Lawson, permette alla Virtus di chiudere il primo quarto in vantaggio 16 a 11. Le Vunere ora vogliono premere sull’acceleratore: 5 punti in fila di Penna e +9 dopo i liberi di Michelori (23 -14 al 13′). L’Assigeco torna subito a -3 con le bombe di Hasbrouck e De Nicolao. I bianconeri alzano ulteriormente il livello di intensità, ma, qualche palla persa d i troppo ed alcuni errori ai liberi permettono a Hasbrouck (già 12 punti per lui) di tenere i suoi a galla all’intervallo, 32 a 27. Piacenza prova a rispondere sul livello dell’intensità: arrivano i tecnici a Umeh e Jones, mentre si accende il duello tra i soliti noti Hasbrouck e Lawson (18 punti a testa), che sembra favorire gli ospiti che tornano a – 3 sul 40 a 37 (27′) dopo l’antisportivo di Rosselli. I biancorossi però sprecano alcune occasioni importanti e devono incassare i canestri di Penna e Lawson, per il 48 a 39 della terza sirena. L’Assigeco tenta l’assalto con Borsato e Rossato, ma va a sbattere contro la solidità difensiva dei bolognesi, che volano sul +16 (62 – 46 al 36′), trascinati da un incredibile Lawson e dalle triple siderali di Spizzichini e Umeh. Piacenza prova a rientrare con De Nicolao ma non c’è più tempo per una rimonta: vince la Virtus 72 a 63.

Segafredo Bologna – Assigeco Piacenza 72 – 63 (16 – 11; 32 – 27; 48 – 39)

Segafredo Bologna: Spissu, Umeh 14, Pajola, Spizzichini 8, Graziani NE, Petrovic, Rosselli 8, Michelori 6, Oxilia, Penna 10, Lawson 26. All. Ramagli.

Assigeco Piacenza: De Nicolao 7, Jones 11, Raspino 6, Infante 10, Persico, Rossato 4, Brigato NE, Livelli NE, Gaadoudi NE, Zucchi NE, Hasbrouck 22, Borsato 3. All. Andreazza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy