Verona ancora ko: Treviglio gode al PalaOlimpia

Verona ancora ko: Treviglio gode al PalaOlimpia

Commenta per primo!

Tezenis Verona – Remer Treviglio 66-68

 Verona esce sconfitta per la seconda volta stagionale dal PalaOlimpia: a condannare gli uomini di Crespi è una percentuale raccapricciante da tre (5/29) e la costante sensazione di un inseguimento senza successo. Ad uscire in trionfo è una Treviglio dignitosa, che lotta fino in fondo e porta a casa un successo fondamentale per la classifica.

Primo quarto a due facce: nei primi 5’ Verona approccia male la gara e, parte un paio di sprazzi di Da Ros, è passiva e deconcentrata. Ne approfitta un’ottima Treviglio, che va a segno con tutti gli uomini del quintetto e mette a segno 16 punti (contro i 7 degli avversari), gran parte dei quali telecomandati dalla coppia Marino-Rossi. Nei restanti 5’, invece, smossa da un timeout di Crespi, la Tezenis risorge: una tripla di Spanghero guida la riscossa, l’energia di Michelori e Ricci fa il resto. Il contro-parziale è di 10-2, e alla sirena del primo periodo Verona è a -1 (17-18).

All’alba del secondo quarto, due triple di Marino mantengono avanti Treviglio. Ma ora l’intensità difensiva della squadra di Crespi è definitivamente cresciuta. Due stop difensivi di qualità sfociano nelle schiacciate di Chikoko e Cortese. Poco dopo Spanghero, in palleggio arresto e tiro, fissa il massimo vantaggio veronese fino a quel momento (33-28 a 3’ dall’intervallo). Peraltro la Remer lotta, trova due punti insperati anche da Tambone e chiude il quarto con due liberi “gratis” per fallo ingenuo di Rice: la Tezenis è avanti soltanto di 1 punto (37-36) dopo i primi 20’.

Il terzo quarto corre sul filo dell’equilibrio. All’inizio Verona rinuncia a Chikoko (gravato di 3 falli), così Treviglio serve con più puntualità sotto canestro Sorokas, che si fa trovare pronto. Per la Tezenis si riaffaccia nella partita Da Ros, ma la squadra di casa è tradita dalla percentuale al tiro da tre. Il rientro di Chikoko è positivo: il centro fa valere la sua stazza segnando due volte da sotto, ma la Remer ha ancora buone risorse da Chillo e Marino e mantiene tre punti di vantaggio all’ultimo intervallo (53-50).

La gara sembra cambiare con due canestri di fila di Cortese, tra cui una schiacciata in campo aperto su recupero di Rice. Qui però 5 punti filati di Kyzlink raffreddano un ambiente che si stava scaldando e mantengono il +5 ospite (63-58) a 4’ dal termine. Neppure la tripla di Da Ros riesce a sbloccare la Tezenis, perché Kyzlink è mortifero e le percentuali rimangono scarse. Marino con un paio di scelte discutibili e un sanguinoso 1/3 dalla lunetta nega la fuga ai suoi, ma la Remer è comunque sopra di 3 (66-63) a 31” dalla fine. Boscagin segna subito, Tambone è freddo dalla lunetta (2/2), Verona molto meno (1/4): un paio di “suicidi” di Treviglio permettono a Cortese di avere la palla del supplementare, ma l’ala scaligera la perde malamente.

Tabellini:

Verona: Spanghero 9, Rice 12, Boscagin 4, Da Ros 14, Chikoko 13, Saccaggi 5, Cortese 9, Ricci 2, Michelori 5.

Treviglio: Marino 14, Kyzlink 16, Turel 5, Sorokas 14, Rossi 8, Tambone 4, Savoldelli, Chillo 7.

Fotogallery a cura di Andrea Marocco – Marco Castelletti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy