Verona, buio pesto: Recanati vince con autorità

Verona, buio pesto: Recanati vince con autorità

Nessun problema al PalaOlimpia di Verona per Recanati che, a parte una piccola crisi nel quarto periodo, supera con autorità una Tezenis acciaccata, corta e monotematica in attacco (troppe triple tentate dalla squadra di Crespi).

Commenta per primo!

Tezenis Verona-Basket Recanati 74-83

Nessun problema al PalaOlimpia di Verona per Recanati che, a parte una piccola crisi nel quarto periodo, supera con autorità una Tezenis acciaccata, corta e monotematica in attacco (troppe triple tentate dalla squadra di Crespi).

Recanati approccia alla grande la gara, difende bene, sporca le percentuali avversarie e vola in attacco sulla regia di Traini, i punti di Sollazzo e la presenza in area di Lawson. Il terzo canestro proprio di Sollazzo spinge la squadra di Sacco sul 15-8 , vantaggio che sai dilata fino al 22-13 grazie ad una tripla del’ex di turno Lauwers. In attacco Verona è sorretta da Boscagin (8 punti nei primi 10’), ma infila solo 6 canestri su 19 tentativi (3/11 da tre) e non ha nulla da Rice e Da Ros. Il canestro del capitano porta Verona sotto di 7 (15-22) al termine del primo quarto.

Nel secondo quarto i canestri di Lauwers sono frecce avvelenate. La difesa veronese non trova risposte sulla varietà di soluzioni di Recanati, che sfrutta gli spazi creati col pick and roll e con gli scarichi dietro l’arco dei tre punti. Crespi è costretto a chiamare timeout sul -13 (25-38) a metà periodo, ma al rientro Bonessio punisce ancora col tiro pesante. L’attacco Tezenis continua a vivere di folate e improvvisazioni: le triple di Ricci e Cortese sono lampi poco rumorosi. Bonessio e Lawson invece seguono il flusso e sono letali, firmando addirittura il +18 (50-32) per Recanati a fine primo tempo.

Arriva ad inizio terzo quarto il primo canestro di Rice. L’attacco di Recanati però sembra non smettere di colpire: Triani e Maspero non esitano. Ma una buona serie attacco-difesa permette a Verona di riavvicinarsi a -14 (40-54), grazie alla presenza ingombrante di Michelori. Ci pensa Pierini a mettere il silenziatore a un PalaOlimpia peraltro ben disposto a sostenere la squadra di casa. Verona ci prova col quintetto piccolo e aggressivo con Ricci unico lungo: la pozione non funziona. Traini mostra flash del suo talento, la Tezenis sparacchia e il disavanzo non si smuove (67-49) a fine terzo quarto.

Verona prova a giocarsi tutto nel quarto periodo. Il parziale iniziale di 10-3, suggellato dalla tripla di Ricci del -11 (59-70), è un sussulto d’orgoglio che spaventa Sacco. Al rientro dall’ovvio timeout, i suoi ragazzi non si svegliano dal torpore di un attacco che produce 1 punto in oltre 5’. Da Ros accorcia a -9 (61-70), ma stavolta è Maspero con una tripla dal’angolo a togliere Recanati dall’imbarazzo e restituire colore al suo coach. Il finale fugge via leggero, con la squadra ospite che torna a +18 (80-62) e veleggia tranquilla verso i due punti.

Tabellini:

Verona: Saccaggi 13, Rice 14, Boscagin 15, Da Ros 11, Michelori 5, Cortese 7, Ricci 9.

Recanati: Traini 9, Sollazzo 12, Pierini 9, Lawson 23, Bonessio 3, Maspero 11, Lauwers 9, procacci 6.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy