Verona è super al Pala De Andrè di Ravenna, la OraSì deve cedere

Verona è super al Pala De Andrè di Ravenna, la OraSì deve cedere

OraSì Ravenna – Tezenis Verona 76-88 (12-19, 39-46, 57-63)

di Luca Bolognesi, @lucabolla33

Arriva la sesta vittoria consecutiva per la Tezenis Verona, che espugna il Pala De Andrè per 76-88 grazie a un’ottima prestazione collettiva. L’OraSì Ravenna insegue per tutto il match, ma non riesce quasi mai a trovare la giusta solidità difensiva per agganciare gli avversari. Top scorer del match è Ferguson, che trascina gli ospiti con 27 punti e 5 triple nel solo secondo quarto, quando Verona crea il solco decisivo.

LA PARTITA

Il match si apre con la tripla del 3-0 di Laganá, ma il vantaggio dell’OraSì non dura molto perché Amato punisce la difesa giallorossa troppo passiva con 3 bombe che valgono l’allungo ospite fino al 5-15. Non basta il timeout di Coach Mazzon a fermare Verona, che grazie a Candussi si porta sul 6-19. Ravenna reagisce stringendo le maglie in difesa e, nonostante qualche tiro aperto sbagliato di troppo, chiude il quarto con un parziale di 6-0 per che fissa il punteggio del primo quarto sul 12-19.
In apertura di secondo periodo si accende Ferguson con un’incredibile tripla allo scadere dei 24” per il 12-22. La risposta di Smith per il 19-26 accende il festival del tiro da dietro l’arco, che vede uno scatenato Ferguson firmare le triple 19-31 prima e del 23-37 poi. Lo stesso play americano risponde poi anche al canestro pesante di Laganá e a quello di tabella di Smith, nel secondo caso conquistando anche un gioco da 4 punti per il massimo vantaggio di +15 sul 29-44. Nel finale di tempo finalmente l’OraSì, dopo 5 bombe subite da Ferguson, trova una soluzione in difesa e, con altri due canestri da 3 di Jurkatamm e Masciadri, riesce a chiudere la frazione sotto solo di 7 sul 39-46.
Ravenna parte bene nel secondo tempo e si riporta a -3 sul 43-46 grazie a un ottimo Hairston, ma le triple solitarie di Udom e Candussi bloccano la rimonta dei padroni di casa sul 45-52. Ancora il centro ospite regala in contropiede l’highlight della partita con una gran schiacciata, poi nel possesso successivo realizza il nuovo +11 sul 47-58. L’OraSì reagisce nuovamente torna sotto con la tripla di Smith per il 53-58, riportandosi anche a un solo possesso di distacco sul 55-58, ma la facile bomba dall’angolo di Henderson manda le squadre all’ultimo intervallo sul 57-63.
Nei primi minuti del quarto periodo si spengono le speranze di rimonta dei padroni di casa, che incassano i canestri da 3 di Ikangi e Maspero per nuovo +15 sul 59-74. L’ulteriore bomba di Amato conferma il vantaggio sul 64-79 e chiude sostanzialmente i conti, nonostante nel finale Ravenna riesca a tornare in singola cifra di distacco sul 72-81 dopo una tripla di Montano. Il match termina sul 76-88 in favore di Verona, che infligge ai giallorossi la seconda sconfitta casalinga della stagione.

 

Ravenna: Tartamella ne, Hairston 16, Smith 22, Montano 5, Jurkatamm 3, Cardillo 6, Masciadri 3, Rubbini, Seck ne, Gandini 6, Baldassi ne, Laganá 15. All. Mazzon.
Verona: Dieng ne, Ferguson 27, Amato 16, Candussi 20, Henderson 7, Maspero 3, Udom 9, Quarisa, Severini 3, Ikangi 3. All. Dalmonte

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy