Verona rinasce: la capolista Mantova è al tappeto

Verona rinasce: la capolista Mantova è al tappeto

Commenta per primo!

Tezenis Verona – Dinamica Mantova 86-55

Dopo due sconfitte consecutive amare (a Brescia e in casa contro Treviglio), Verona rinasce schiantando Mantova al termine di una gara sempre al comando e indirizzata da un primo quarto devastante.

L’approccio alla gara per la capolista è scioccante: nei primi 6’30” la squadra di Martelossi compila 5 palle perse e 5 tiri tentati. Verona invece vola sull’energia di Saccaggi (promosso titolare con Spanghero sesto uomo) e scappa sul 18-5 grazie ai 7 punti a testa da parte di Boscagin e Rice. Crespi perde Chikoko, che commette due falli, ma anche senza il centro la difesa funziona alla grande, tanto che l’ex Reggio Emilia non metterà più piede in campo per tutto il primo tempo. La tripla di Ndoja prova a scuotere Mantova, ma due contropiedi di Da Ros e Cortese la fanno precipitare di nuovo. L’arresto e tiro di Spanghero fissa il 28-11 dopo i primi 10’.

Ad inizio secondo periodo una bomba di Gergati sembra poter invertire la tendenza della gara. Ma Cortese spinge i suoi a +18 (33-15). Rice è incontenibile in penetrazione, la Dinamica prova ad aggrapparsi a Hurtt, ma Simms sbaglia troppo da sotto. Dall’altra parte la squadra di Crespi è assatanata: due canestri pesanti di Cortese e Spanghero danno a Verona il massimo vantaggio sul +22 (41-19). Qualche segnale di vita di Mantova produce un 6-0 di break, ma la tripla di tabella da parte di Ricci porta il punteggio sul 44-25 dopo un primo tempo a senso unico.

Non cambia la storia all’alba del terzo periodo: Rice e Chikoko confezionano subito un 7-0 tramortente e Verona dilaga sul +26 (51-25). Di Bella cerca di fermare l’emorragia con una bomba, ma la Tezenis ha più energia ed è più reattiva a rimbalzo e sulle palle vaganti. Unico cruccio la percentuale ancora deficitaria da tre: ma è proprio una tripla di Boscagin a fissare il massimo vantaggio (54-27) a 4’30” dalla fine. Qui un parziale di 10-2 tutto firmato da Ndoja, propiziato da un paio di chiamate arbitrali discusse, riaffaccia la Dinamica sulla gara (37-56). Ma Rice è ispirato, Spanghero si conquista un fallo “furbo”, Gergati è beffato dal ferro: 61-41 Verona dopo 30’.

Il buon impatto sul quarto periodo dell’ex Gandini (5 punti) non porta frutti per Mantova. La Tezenis è troppo concentrata, troppo decisa a vincere e convincere: Cortese (tre triple in fila) e Rice incendiano retina e PalaOlimpia, così Mantova abbandona ogni tipo di velleità. Ne nasce un parziale devastante di 16-2 che porta la squadra di casa sul +34 (82-48) a 2’30” dalla fine. La schiacciata finale di Rice completa il capolavoro.

Tabellini:

Verona: Saccaggi 2, Rice 23, Boscagin 17, Da Ros 4, Chikoko 8, Spanghero 5, Cortese 18, Ricci 3, Michelori 5.

Mantova: Di Bella 4, Hurtt 11, Moraschini 4, Ndoja 15, Simms 7, Gergati 6, Amici, Gandini 7, Alviti 2, Fumagalli.

Fotogallery a cura di Andrea Marocco – Marco Brondi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy