Verona sa solo vincere: ottava di fila contro una buona Udine

Verona sa solo vincere: ottava di fila contro una buona Udine

La Tezenis non si ferma davanti a una buona Udine e conquista l’ottava vittoria consecutiva

di Jacopo Burati

Tezenis Verona-G.S.A. Udine 77-66

Otto vittorie consecutive: la marcia della Tezenis non si ferma neppure davanti a una buona Udine, che crolla solo nel finale dopo una gara tenuta a lungo in equilibrio e con ampi tratti in vantaggio.

Severini inaugura la partita ma l’ex Cortese risponde prontamente. Verona impone ritmo alla gara, piazza qualche stop difensivo e allunga con le triple di Dieng, Henderson e ancora Severini: 15-8 a metà quarto. Udine non si impressiona e compila un contro break di 9-0 corroborato dai punti di Pellegrino e coronato dalla tripla di Penna per il +2 (17-15). Il festival delle triple veronesi risolleva la Tezenis coinvolge anche Ikangi. Nonostante il flash di Powell, Verona chiude avanti il primo quarto a +3 (23-20).

L’accelerata veronese a inizio secondo quarto firmata Amato-Quarisa vale il +8 (28-20). Vantaggio peraltro tamponato dal primo squillo di Simpson e dall’impatto di Powell che con Spanghero prima firmano la nuova parità (28-28) e poi il +3 (31-28) compilando un impressionante 11-0 di parziale. Verona prova a reagire con un break firmato Ferguson-Candussi, ma Udine trova ritmo offensivo con Cortese e peso in area con Pellegrino e chiude il primo tempo a +3 (37-34). Il parziale aggiornato è 17-6.

La vena offensiva di entrambe le squadre non si placa all’alba del terzo periodo. Da una parte Penna e Cortese, dall’altra Henderson (due triple) e la carica di Severini mantengono in equilibrio una gara godibile, che vede Udine sul +1 (45-44) a metà quarto. Cortese spinge ancora salendo a quota 14 per il +5 (49-44), Ferguson e Ikangi ricuciono subito lo strappo (49-49). Il livello difensivo e d’intensità si alza. Pinton con l’acuto pesante dall’angolo fissa il +4 (55-51) per la G.S.A. dopo 30′ di gioco.

Un paio di prodezze degli americani di Verona più un appoggio di Quarisa e una schiacciata in contropiede di Ferguson: la squadra di casa ribalta subito il punteggio (59-55) con un 8-0 rapido all’inizio del quarto decisivo. Cio pensano Mortellaro e Powell a non far perdere la bussola a Udine. Anche quando Ferguson affonda il colpo del +6 (67-61), Pinton gli risponde dalla lunga. La squadra di Cavina è generosa, ma all’ultimo assalto firmato Candussi-Ferguson (6-0 di parziale), che dà il +9 (75-66) a 1′ dalla sirena, non si sa più rialzare.

Tabellini.

Verona: Amato 5, Henderson 15, Severini 14, Dieng 3, Candussi 13, Ferguson 15, Ikangi 8, Quarisa 4.

Udine: Penna 6, Simpson 5, Cortese 14, Powell 16, Pellegrino 12, Spanghero 3, Genovese, Mortellaro 4, Nikolic.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy