I numeri della stagione della Dinamica Mantova

I numeri della stagione della Dinamica Mantova

Commenta per primo!

Terminata la regular season di A2 Gold domenica scorsa con la vittoria su Napoli, cerchiamo di capire se, almeno ai numeri, la Dinamica sarebbe stata effettivamente una squadra da playoff.

Il primo dato che viene da guardare è senza dubbio il saldo tra punti fatti e subiti, con la squadra di Morea che con 1920 punti realizzati sarebbe fuori dalle prime otto. Tuttavia, se escludiamo la prima partita della stagione, vinta per 20-0 a tavolino contro Trapani, il dato passa a 1900 e i punti a partita da 73.8 a 76, collocando effettivamente i biancorossi in zona playoff. Per quanto riguarda la difesa, contando la partita di Trapani sarebbero 73.9 i punti subiti a partita, mentre senza la trasferta siciliana, 76.8, e anche in questo caso la Dinamica sarebbe nel treno delle prime otto classificate, contando anche il fatto che Trieste e Torino sono rispettivamente l’ultima e la terzultima in questa speciale classifica delle difese, con 81 punti subiti a giornata per i friulani e 80.7 per il roster di Luca Bechi.

Aria d’alta classifica per quanto riguarda anche le statistiche del tiro da due e da 3, che pongono nel primo caso Mantova al terzo posto col 53% dietro a Verona e Torino ma davanti a Brescia, e nel secondo caso addirittura in cima alla graduatoria col 38% davanti a tutte le prime 8 di Gold che hanno effettivamente acceduto al post-season. Per quest’ultimo dato bisogna, in ogni caso, considerare l’ultima partita degli Stings che li ha visti prevalere su Napoli per 103-77 con un formidabile 58% nei tiri oltre l’arco.

Altre soddisfazioni arrivano nelle statistiche degli assist (particolarmente influenzata, anche in questo caso, dai 32 assist della 30esima giornata contro Napoli), con Mantova sul podio con 15 “passaggi decisivi” a partita dietro a Verona e Brescia, e da quella sulla valutazione FIBA (79 di media), che la pone alle spalle di Brescia, Verona e Torino.

Fin qui solo cose positive. Ma allora quali sono stati i punti deboli dei biancorossi? Ai numeri Mantova risulta essere tra le squadre meno “cattive” del campionato, con soli 16.5 falli di media, e tra le meno presenti sotto i tabelloni (30.5), due speciali statistiche che vedono gli Stings occupare gli ultimi posti alla pari con Napoli. Male anche nelle palle perse, dove la Dinamica è risultata la squadra più “sprecona” dell’intero campionato a pari merito con Trieste, con 15.4 a partita. La differenza tra le due squadra la fanno però le palle recuperate: mentre Holloway e compagni sono tra i migliori a recuperare i palloni persi, la Dinamica galleggia a metà classifica. Ai numeri, i friulani vincono questo confronto con 9.1 palle recuperate con le 6.1 dei virgiliani.

Chiudiamo l’analisi statistica della Dinamica quantificando l’apporto dato da due dei giocatori più in forma degli Stings nella seconda parte di stagione, ovvero lo svedese l’acquisto di gennaio Jakub Wojciechowski e lo svedese ex Avellino Viktor Gaddefors.

Per l’ex Veroli si evidenzia l’ottimo apporto a referto dal punto di vista offensivo, col 61% da due, ma anche la carenza nel catturare le carambole. Il lungo biancorosso non ha dato quel contributo a rimbalzo che, probabilmente, la dirigenza e i tifosi si aspettavano, con soli 6 rimbalzi di media catturati contro i 7 di Amoroso e i 9.4 di Jefferson.

Gaddefors, invece, dopo un girone d’andata da “vorrei ma non posso”, a partire dalla gara con Trapani ha messo in fila una serie di ottime prestazioni. L’evoluzione dello svedese è evidente anche ai numeri: da 10.4 punti a partita prima di Trapani ai 15.8 nelle gare successive, ma ciò che meglio descrive il suo miglioramento è il confronto con la valutazione pre e post-Trapani: da 9.1 a 19.5 a partita.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy