La Viola chiude il mercato con Fallucca e Radic, mancano solo gli annunci: tramonta Laganà?

Gioco, partita ed incontro. La Viola chiude il cerchio con il basket mercato.

Commenta per primo!

Gioco, partita ed incontro. La Viola chiude il cerchio con il basket mercato.

Marco Laganà? La porta per l’atleta reggino in forza alla Pallacanestro Cantù resta aperta, spalancata verso un ritorno nella sua città natale aspettando l’evolversi e gli sviluppi nella società lombarda. Ma nel frattempo, la Viola prende le sue precauzioni con Matteo Fallucca ed Ivica Radic. Accordi chiusi e sigillati che attendono solamente l’ufficialità, grandi motivazioni per il classe 1993 pronto a rendersi utile per la causa di Coach Paternoster. Molto più tribolata invece la trattativa legata ad Ivica Radic.

E’ lui il secondo straniero per la compagine del Presidente Raffaele Monastero: croato nativo di Spalato, ala/centro classe 1990, alto 208 centimetri, Radic è reduce dalla preparazione estiva svolta con l’Emporio Armani Milano continuata prima con una positiva parentesi a Bologna(sostituì l’infortunato Ed Daniel) e subito dopo con l’avvenuta in Portogallo. Dopo aver effettuato la trafila delle giovanili in patria, il giocatore è arrivato in Italia a gennaio 2015 per vestire la maglia di Veroli (Legadue Gold), con cui ha disputato 8 partite viaggiando a 22,5 punti e 12,3 rimbalzi di media e vincendo anche il titolo di MVP del mese di gennaio. In seguito al ritiro dal campionato della squadra laziale, Radic si è legato alla Reyer Venezia, con la quale ha chiuso la stagione agonistica.

La trattativa? Tutt’altro che agevole. Il giocatore attraverso la sua procura aveva già firmato un accordo con un altro team della Serie A2. La Viola aveva in un primo momento bloccato l’atleta, perso in un secondo momento e recuperato in extremis nelle ultime ore. L’sms del giocatore al Coach Paternoster nelle ore appena trascorse ha rallegrato l’ambiente nero-arancio. L’atleta è impaziente di conoscere la città e si è subito informato attraverso wikipedia sulla storia del club e della città stessa.

La Viola si può, a meno di clamorosi colpi di scena, dichiararsi completa: Marulli e Caroti in regia. Legion e Taflaj in guardia. Fabi e Fallucca in ala piccola. Lupusor e Micevic in ala forte con Radic e Guariglia sotto canestro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy