UFFICIALE: Rieti, da Avellino arriva Ivan Morgillo

UFFICIALE: Rieti, da Avellino arriva Ivan Morgillo

Commenta per primo!

La NPC Rieti ha inserito il penultimo tassello nel roster della Serie A. Si tratta di Ivan Morgillo, napoletano, classe 1992, centro di 206 centimetri. Cresciuto nelle giovanili del Basket Napoli (dove è stato allenato da   coach Alessandro Rossi con il quale ha raggiunto le Finali Nazionali  Under 19 Élite di Udine), il primo anno da professionista l’ha giocato
a Napoli in C1 ed è rientrato nei progetti della Nazionale Under 20. Il passo successivo è stato andare a Trapani in Serie B2, militando in  pianta stabile nel team siciliano.
E’ stata una buona stagione tanto da farlo notare da Avellino di Serie  A1 che lo ha contrattualizzato per due anni, inserendolo nella rosa  dei 12.

“È stato difficile trovare un po’ di spazio – racconta Ivan – ma ho  avuto modo di capire cosa è il professionismo puro. Giocavo poco e  lavoravo intensamente negli allenamenti, avevo compagni di squadra da  cui imparare, alcuni provenivano dall’NBA. Nel complesso sono stati  due anni costruttivi”.

Come hai accolto la chiamata di Rieti?
“Avevo diverse proposte da squadre di Serie B che mi offrivano un  ruolo da protagonista ed il mio obiettivo era di scendere di categoria  per avere più spazio per giocare, ma quando è arrivata la proposta di  Rieti, nonostante sapessi che avrei avuto un ruolo più marginale, mi  ha allettato il fatto di entrare nel pacchetto lunghi di una società
che ha questo bel progetto, che ha conquistato una promozione sul  campo e che gioca in una piazza storica”.

Che aspettative personali hai per questa stagione?
“Venendo da due anni di esperienza in A1 dove però mi mancava un po’  il campo, mi aspetto di dimostrare quello che valgo, mi impegnerò per  cercare di strappare più minuti possibili. La voglia che ho di giocare  è tanta, come quella che ho di contribuire ad ottenere il massimo per  Rieti”.

Ivan oltre ad essere un cestista sei anche uno studente di ingegneria   meccanica, fai l’ingegnere anche in campo?
“(sorride)Sono abbastanza preciso e sono mancino. In A1 ho imparato ad  allontanarmi un po’ più da canestro, mentre prima ero interno, ora  gioco più ala grande, anche se continuo a fare a sportellate sotto  canestro, mi considero un discreto passatore ed un discreto tiratore,  ho mani abbastanza educate”.

E come ti descrivi caratterialmente?
“Sono un ragazzo tranquillo, a volte un po’ timido, ma mi relaziono  con tutti, mi piace conoscere persone nuove”.

Cosa ti senti di dire ai tifosi?
“Devono sapere che darò il massimo per la maglia e per la città che   dopo tanti anni è tornata ora in Serie A e merita di rimanerci.  Partiremo con i piedi per terra per poi arrivare, se si può, a sperare  qualcosa in più ed aspirare ad alti traguardi”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy