Agrigento sfida il blasone Mens Sana, match da post-season al PalaEstra

Agrigento sfida il blasone Mens Sana, match da post-season al PalaEstra

Le porte del PalaEstra si riaprono per una sfida ad alta quota. Siena, dopo essere stata pesantemente sconfitta da Tortona, ospita Agrigento reduce dalla vittoria casalinga contro Rieti.

Commenta per primo!

Le porte del PalaEstra si riaprono per una sfida ad alta quota. Siena, dopo essere stata pesantemente sconfitta da Tortona, ospita Agrigento reduce dalla vittoria casalinga contro Rieti. Proprio domenica scorsa, in occasione del match contro Rieti, Alessandro Piazza si è fermato per la terza volta in questa stagione che sembra davvero maledetta per lui. In attesa di possibili scenari di mercato sará ancora Saccaggi a prendersi la responsabilità del costruire le azioni d’attacco per gli ospiti, cosa giá successa all’andata quando la Mens Sana dominó Agrigento in Sicilia e si aggiudicó una vittoria pesantissima che lanció una serie di risultati positivi straordinaria per la squadra di coach Ramagli. Agrigento vuole continuare la rincorsa a Scafati ma deve guardarsi anche dietro, dove Ferentino, Tortona, Agropoli e la stessa Siena non sembrano volersi fermare.

Per i padroni di casa, in cabina di regia, ci sarà l’americano Bryant, miglior realizzatore della squadra e decisivo in diverse partite della stagione(17 pt, 3.2 ass), all’andata mise a segno 16 punti giocando un grande match, ma il suo high score è stato registrato  contro Barcellona (31 pt). Il secondo americano è Chris Roberts (16.2 pt), giocatore dotato di grandissime abilità tecniche ed atletiche, si prospetta un pazzesco duello fra lui e Martin, all’andata fu il miglior realizzatore della gara con 24 punti e sfiorò il suo high score stagionale che poi sarà registrato contro CasalPusterlengo con 25 punti. Il capitano della squadra è Alex Ranuzzi, unico giocatore ad aver raggiunto la promozione insieme alla Mens Sana la stagione scorsa, quest’anno sta dimostrando alla grande di reggere la categoria( 8.6 pt, 3.9 rim). L’ex di turno è invece Mattia Udom, l’anno scorso protagonista della favola non a lieto fine di Agrigento giocando un’ottima stagione regolare, rimasto molto legato alla piazza siciliana, ne sono testimoni gli applausi per lui nella partita di andata. Per Udom(8.7 pt, 6.2 rim) high score contro Trapani (18 pt). Il centro della squadra è impersonificato da Diliegro (13.1 pt, 9.8rim), leader del campionato per doppia doppia punti-rimbalzi, ben 10 registrate con partite straordinarie come quella contro Reggio Calabria (28 pt e 16 rim). Questo il quintetto di Siena, dalla panchina sarà fondamentale l’apporto di Borsato (6.8 pt, 1.7 ass), playmaker che darà il cambio all’americano Bryant, e dei giovani Cucci (5.7 pt) e Bucarelli (1.7) che porteranno grinta e freschezza nei momenti più intensi della gara.

Siena ospita Agrigento che dovrà difendere il secondo posto proprio contro i padroni di casa, la spunteranno i padroni di casa che per 40 minuti dimenticheranno i problemi societari o gli ospiti che saranno capaci di sopperire alla stanchezza dovuta ai numerosi infortuni? Appuntamento alle 18 al PalaEstra domenica 28 febbraio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy