Agropoli a Tortona per un finale degno di Hitchcock

Agropoli a Tortona per un finale degno di Hitchcock

Dopo l’ultimo quarto di gara al cardiopalma nell’ultima in casa contro Latina, la Bcc Basket Agropoli è attesa a Tortona nell’ultima partita della regular season.

Commenta per primo!

Di Giovanni Petrizzo

Dopo l’ultimo quarto di gara al cardiopalma nell’ultima in casa contro Latina, la Bcc Basket Agropoli è attesa a Tortona nell’ultima partita della regular season che regala un finale di campionato degno di un film di Hitchcock: le prime quattro in classifica si incontrano tra loro e anche per il Basket Agropoli c’è la possibilità di arrivare al primo posto in caso di vittoria e contemporanea sconfitta di Scafati.

Nonostante la sconfitta sul fil di sirena, i piemontesi, insieme a Ferentino, nello scorcio finale di campionato sono apparsi i più convincenti, tanto da portarsi in testa appaiati a Scafati che sembrava inarrivabile.

Ruolino di marcia casalingo che, per Tortona, fa registrare 12 vittorie e solo due stop. Cavina e Casalone fanno del gioco di squadra il proprio punto di forza imperniato sulla fase difensiva (seconda miglior difesa con 2107 punti incassati)

Basket Agropoli che ormai convive alla grande con gli infortuni dei propri atleti e trova negli under quelle risorse che le hanno consentito di arrivare alla salvezza anticipata e a giocarsi il primato con le migliori. Bolpin, fresco di convocazione in Nazionale Under 20, Romeo, Bovo, Stano, Manfrè, oltre l’apporto in settimana, stanno facendo la loro bella figura anche durante le partite con lo staff tecnico agropolese  sempre pronto a dar loro fiducia. Discorso a parte merita Federico Di Prampero, anch’rgli giovanissimo, arrivato in sordina ad Agropoli ma che pian piano si è ritagliato il suo spazio e più di una volta è risultato determinante.

Naturalmente i cilentani imperniano le proprie fortune sul gioco offensivo (secondo miglior attacco con 2358 punti segnati) in virtù della presenza di due dei migliori giocatori della stagione, Terrence Roderick e Marc Trasolini, ma in questo finale è risultato determinante il recupero di Spizzichini che ha restituito ai cilentani peso e centimetri sotto le plance.

Agropoli che non ha nulla da perdere e che, come sempre, si giocherà la partita senza timore reverenziale e con l’intera città ferma davanti agli schermi a tifare per questo inatteso finale di campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy