Basket Club ceduto alla cordata bolognese. A Ferrara il basket non muore: si ripartirà dalla B dil.

Basket Club ceduto alla cordata bolognese. A Ferrara il basket non muore: si ripartirà dalla B dil.

Commenta per primo!

E’ stato l’onorevole Giancarlo Tesini a fare gli onori di casa, per la conferenza stampa di presentazione della sinergia, nella storica sede di S.G. Fortitudo: “Per noi oggi è una giornata molto importante. Quando circa un anno fa, in luglio, fu bocciata dalla federazione l’iscrizione alla Legadue ci trovammo in una situazione di estrema precarietà; vedevamo crollare un lavoro di decenni. Allora abbiamo trovato l’amico Romagnoli, che si rese disponibile a darci una mano, con un titolo che ci permettesse di fare un campionato nazionale. Accogliemmo quella disponibilità e partì una collaborazione sulla base di una promessa: lavorare per costruire assieme il rilancio della Fortitudo. Vorrei anche dire all’amico Mascellani che noi non andiamo a rubare niente a Ferrara, ma con Ferrara ci mettiamo assieme per un progetto ancora più ampio, legato soprattutto alla valorizzazione dei giovani. Oggi inizia ufficialmente una nuova avventura, che coinvolgerà tante persone”.

Poi la parola è andata al presidente di Fortitudo 2011, Giulio Romagnoli, che ha sottolineato i valori morali del progetto: “Quando gli impegni vengono assunti, poi vanno anche onorati, e oggi lo stiamo facendo. Arriviamo al traguardo all’ultimo secondo, dopo averci sempre creduto; in fondo fa parte del DNA della Effe. Ripartiamo dal professionismo, qualcosa che la Fortitudo meritava, grazie alla mobilitazione di energie e risorse di tanti bolognesi. Ma oggi parte in realtà un progetto di più largo respiro. Non viene sottratta pallacanestro a nessuno: Budrio e Ferrara avranno una propria prima squadra in loco, e in più nascerà una rete di collaborazione trasversale. Oggi abbiamo una grande responsabilità, ripartendo da zero ma con ideali condivisi: per un modello sportivo sano e sostenibile, per la crescita umana dei nostri ragazzi”.

Roberto Mascellani ha salutato il mondo della pallacanestro, che in parte ha contribuito a rendere più vitale, con un pizzico di commozione. Queste le sue ultime parole da presidente del Basket Club, dopo aver incassato il sincero applauso di tutta la platea: “Ringrazio Giulio Romagnoli per la tenacia e la forza del progetto che ci ha presentato. Per me oggi è l’ultimo giorno di scuola. Saluto il mondo della pallacanestro, dal quale domani mi allontanerò per prendermi almeno un anno sabbatico. Credo che siamo riusciti a fare una bella operazione: abbiamo restituito a Bologna quel palcoscenico che in fondo anche noi del Basket Club avevamo contribuito a farle perdere; in prospettiva abbiamo anche restituito alla città di Bologna la possibilità di arrivare a un derby vero; tutto questo senza che a Ferrara il basket muoia. Ripartiremo umilmente dalla B dilettanti, dalla categoria che realisticamente il tessuto produttivo può permettersi, e da circa 700 ragazzi inseriti in una rete più ampia. Se un imprenditore esce dallo sport, altri ne sono entrati: a Bologna per rendere di nuovo grande la Fortitudo; a Ferrara per raccogliere il testimone del sottoscritto. E’ il sintomo di quanto il basket sia vitale, pulito, capace di appassionare ed educare”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy