Biella convince nell’ultimo impegno pre-season

Biella convince nell’ultimo impegno pre-season

Commenta per primo!

Le tribune non sono proprio pienissime per questa ultima amichevole di precampionato, ma chi è rimasto a casa, complice un fortunale davvero intenso, si è perso del buon basket: rapido, veloce e intenso. Lo sparring partner scelto da Biella non è forse dei più quotati ma tiene sulla corda Pallacanestro Biella fino alla fine. Il punteggio finale dice 93 a 80. Biella ha giocato in modo rapido, veloce con schemi semplici, mentre Lugano a parte un immenso Watson mattatore per i suoi alla fine con 29 punti, non ha impressionato. Buone le percentuali dalla lunga distanza per Biella un 38 % che avrebbe fatto comodo lo scorso anno. Se proprio si vuole cercare una pecca di Biella, al quinto successo consecutivo, va ricercata sotto i tabelloni; ma l’affiatamento del gruppo c’è e si vede. Infante allenatore in campo; Lombardi uno esplosivo, Laganà autore di canestri pregevoli; mentre il bombardiere Voskuil ha messo a referto 7 triple. Al fischio di inizio di fronte a un migliaio di spettatori Corbani mette in campo Raspino, Laganà, Infante Voskuil e Hollis che sarà presumibilmente il quintetto titolare in casa la prossima per la prima di campionato contro Veroli. A cui l’allenatore ticinese risponde con Dovcevic Watson, Gibson Sweetney e Schneidermann. Hollis gioca il primo pallone ma è Voskuil a incendiare la curva con un perfetto centro dall’arco a cui peraltro risponde subito Sweetney dalla stessa distanza. Nei primi minuti le squadre si temono e si sfidano, nessuno prende il sopravvento Biella meglio da tre mentre Lugano rimane agganciata da sotto. Alla fine dei primi dieci minuti solo tre i punti di vantaggio. Lombardi è un fulmine a rimbalzo ma è Laganà la vera sorpresa sicuramente maturato e più responsabile. Il terzo fallo di Infante non spaventa Corbani che ha ottime risposte dalle seconde linee. Un parziale di 8 a zero indirizza la partita. Biella chiude sul più undici l’intervallo. Alla ripresa il Lugano è più determinato spinto da un Watson decisamente cecchino e da una migliore circolazione di palla. Lugano rientra in partita grazie anche a una pessima prestazione di Infante dall’arco. Il pareggio viene raggiunto a due minuti dalla fine del terzo quarto ma poi da qui alla fine del match è solo Biella. Voskuil riprende a segnare con continuità e anche Chillo e berti vanno a referto. Alla fine il tabellone dice + 13 per Biella e come si dice chi ben comincia . Appuntamento con Veroli per domenica prossima. Angelico Biella Lugano Tigers 93 – 80 (23 – 20; 49 – 38; 65 – 62) Angelico Biella : Murta Luca 0, 5 Chillo Matteo 9, Raspino Tommaso 4; Marco Laganà 20; Luca Infante 6; Erik Lombardi 12; Simone Berti 4; Slanini Prokop 2; Alan Vosjuil 24; De Vico 0; Damian Hollis 12. All: Corbani Lugano Tigers: Travis Watson 29; Marin Dovcevic 2; Rickey Gibson 7; Marco Magnani 5; Devin Sweetney 8, Ferdinando Mussongo 0; Derek Stockalper 14; Gianluca Fontanini n.e.; Matt Schneidermann 15. All: Andrea Petpierre Le pagelle Murta 6:  gioca per più di quindici minuti ma non riesce a incidere manca il tabellino con due liberi ma sotto canestro difende con grinta Chillo 6,5 buon impatto del ragazzo che mette a referto quasi dieci punti e tutti sotto canestro, può essere un buon rincalzo per coach Corbani Raspino 7: il capitano si muove bene ottimo regista tra i vari blocchi attira su di se i giochi nemici e sa liberare bene al tiro i compagni 8 i suoi assist Laganà 8 si muove con maturità per tutto il campo segna cn costanza sia da due che da tre ruba palla va in contropiede e schiaccia, qualche volta si fa prendere dalla foga ma sono peccati di gioventù. I venti punti sono un buon biglietto da visita. Talento puro Luca Infante 6:  allenatore in campo si perde di più in consigli che in tiri e la sua mira non è ancora quella dei momenti migliori, i tre falli fischiati nei primi quindici minuti costringono il coach a limitarne l’azione Lombardi 7: cecchino infallibile dai liberi e con una potenza esplosiva nella gambe che lo fanno letteralmente saltare è un utile pedina capace di ricoprire diversi ruoli Berti 6: Non incide ancora ed entra quando la partita è ormai incanalata, probabilmente essere arrivato dopo non lo ha ancora portato a essere inserito del tutto negli schemi Slanina 6,5: giocare solo per poco più di un minuto ma mettere a referto un bel canestro da sotto darà sicuramente stimoli al giovane De Vico 6: non incide nel gioco ma deve farsi trovare pronto negli spiccioli di gioco che Corbani gli darà nel corso dell’anno, fa a sportellate sotto canestro ma lo aspettiamo a prove più convincenti Hollis 7: percentuale mostruosa per il centro biellese un 70 % al tiro sia da due che da tre ne fanno potenzialmente l’arma in più per Biella e in grado di cambiare il corso della partita Voskuil 8: Averlo avuto lo scorso anno sarebbe stata unavera e propria manna, il Di Caprio de noartri non ci pensa mai su due volte appena vede il tabellone tira da sei sette e anche dieci metri. Il guaio per gli avversari è che centra pure la retina. La media da tre è stratosferica 50% se la tiene per tutto l’anno son dolori per gli avversari Corbani 7: aveva promesso una squadra di corsa e che doveva far divertire entrambe le promesse son mantenute adesso sarebbe bello che il pubblico venisse a vederle di persona

Fotogallery a cura di Alberto Tesoro

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy