Casale – Biella: molto più di un derby…

Casale – Biella: molto più di un derby…

Commenta per primo!
Meno di cinquanta chilometri separano Biella da Casale Monferrato; inferiore sarà la distanza emotiva che domenica 17 dividerà le due città per il più classico dei derby della pallacanestro che conta.
Derby piemontese, derby che sa ancora di massima serie; sono passati infatti solo due anni dal primo storico incontro natalizio di serie A che vide protagonista la Junior già marcata Novipiù  uscire vittoriosa dalla fortezza del Palaferraris contro una Biella competitiva.
Era una Novipiù nel pieno delle proprie forze cestistiche quella che, davanti ad un pubblico accorso numeroso per vivere quello che fu definito un’ evento vero e proprio per lo sport regionale, si aggiudicò il primo round della stagione 2011-2012.
Ben diversa la gara di ritorno della primavera 2012 giocata al Lauretana Forum di Biella; da una parte una Junior oramai dimessa e alle ultime speranze di rimanere nella massima serie, dall’ altra una Biella che si apprestava a sancire, con quella vittoria, l’ ennesima salvezza che le avrebbe garantito un’ altro campionato tra le big d’ Italia.
Casale retrocedeva, come detto,al termine di quella stagione,  amara per l’esito finale, bella per i ricordi, dannata per le troppe partite perse di un soffio; dall’ altra sponda Biella avrebbe cominciato di lì a poco il più tortuoso campionato della sua recente storia e solo 365 giorni dopo la rivale monferrina, si sarebbe accomodata al secondo piano del basket nazionale a farle compagnia.
Sembra passato un secolo da quei trascorsi, e potrebbe sembrare, a detta degli osservatori, un derby con molte ombre e poche luci quello che partirà alle 18 di domenica prossima; così non sarà invece.
Il panorama del basket nazionale è radicalmente cambiato in questa ultima estate: budget ridotti al minimo e sponsor che non hanno più assicurato come in passato la vicinanza incondizionata alle compagini al via sono solo alcuni dei motivi di una crisi che non ha risparmiato il mondo della palla a spicchi.   
Ma si riparte: e lo si fa ancora con questa sfida che si annuncia bella, nuova e interessantissima.
Era la sfida di Malaventura da una parte e di Soragna dall’altra, sarà la sfida del superstite neo-capitano rossoblù Martinoni e la banda di ragazzi terribili Amato, Fall, Giovara contro i già leader  Raspino, Chillo, Lombardi, Laganà, alcuni di questi freschi di oro europeo under 20 all’ ultima competizione continentale.
Tanta Italia e tanto talento in campo: completeranno infatti le compagini Cutolo, Bruttini e Cutolo per Casale, Infante e Berti per Biella. Ma ci saranno anche giocatori stranieri che pian piano si stanno integrando, specialmente per quanto riguarda Casale, negli schemi di gioco; Jackson e Dillard hanno faticato nelle prime giornate di campionato ma hanno contribuito da MVP e da assist-man alla seconda vittoria di Casale nell’ ultimo match  contro Jesi. Hollis sta invece già assicurando presenza nel gioco di Biella e l’ ala di passaporto ugandese appare più integrata e talentuosa degli USA Novipiù .Sarà il secondo derby piemontese per l’ Angelico che ha già suonato di 20 Torino poche settimane fa proprio tra le mura amiche; primo per Casale che si aspetta risposte importanti su un campo difficile. Il pubblico giocherà un ruolo determinante e l’ affluenza sarà massiccia, calorosa, corretta e festosa; Biella riaprirà per l’ occasione anche la campagna abbonamenti a testimonianza di quanto la città creda in questo nuovo progetto, di quanto si senta vicina a questi ragazzi che tra qualche anno potrebbero addirittura vestire la casacca della nazionale maggiore.E’ questo quello che si respira a Biella nell’ immediata vigilia di una sfida affascinante . Casale dal canto suo vorrà rispondere colpo su colpo ai cugini padroni di casa; mi piace e ci piace pensare che la sfida possa essere decisa dall’ atletismo a rimbalzo e dalla faccia tosta  dei due italiani di colore Lombardi di Biella e Fall per la Novipiù. Ci piace sognare che la sfida segni un nuovo punto di partenza del basket tricolore: meno soldi, più Italia, tanta passione e idee concrete di fare sport e impresa. E sono sicuro che sarà un derby tutto da gustare, e da ricordare forse come i più gloriosi di serie A : derby vero, buon derby a tutti !
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy