Dichiarazioni di Giulio Romagnoli a seguito delle decisioni del Consiglio Federale del 16 luglio 2011

Dichiarazioni di Giulio Romagnoli a seguito delle decisioni del Consiglio Federale del 16 luglio 2011

Nei prossimi giorni vaglieremo con attenzione gli ulteriori passaggi burocratici da compiere, ma una cosa è certa: la documentazione presentata da parte nostra è completamente regolare, e il trasferimento a Bologna è pienamente efficace. Ciò che per noi conta, oggi, è aver riportato lo spirito e il simbolo della Fortitudo a Bologna, a competere in un campionato professionistico. Per il resto, la storia della Fortitudo è ricca di ostacoli, ferite e colpi da sopportare: supereremo anche questi. E a prescindere dalle carte intestate, dai cavilli burocratici e dalle prese di posizione aprioristiche, il simbolo della Effe Scudata e i valori che esso incarna saranno sulle nostre maglie e nei nostri cuori.
Queste certezze e l’appoggio che la nostra compagna di viaggio, la casa madre SG Fortitudo, non ci ha mai fatto mancare, ci spingono ad andare avanti. E a farlo con una determinazione ancora maggiore”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy