ESCLUSIVA. Viola, a tu per tu con Mario Ghersetti: “Sono argentino, so cosa vuol dire il nero-arancio”

ESCLUSIVA. Viola, a tu per tu con Mario Ghersetti: “Sono argentino, so cosa vuol dire il nero-arancio”

Commenta per primo!

E’ il ventiduesimo argentino della storia della Viola Reggio Calabria. In questo speciale elenco succede all’ottimo Juan Marcos Casini. Mario Ghersetti non è un volto nuovo per il basket italiano, tutt’altro: la sua maestria nel pitturato ha toccato svariate parti dello stivale.

Continua la tradizione argentina a Reggio Calabria. Signor Ghersetti ne ha sentito parlare?

Certo che ne ho  sentito parlare  e tanto! Anche qui in Argentina si ricordano e sanno cosa è Reggio Calabria, e quanto il suo nome sia legato alla storia della pallacanestro Argentina, soprattutto per Manu (Ginobili ha giocato la sua prima esperienza europea alla Viola ndr). Il legame fra la Viola e gli argentini è una storia incredibile: Fra l’altro ho scoperto che la famiglia da mia Mamma proviene proprio da Reggio Calabria.(il suo bisnonno si chiamava Giacinto Cataldi).

Ghersetti più Freeman. E’ ancora presto per dirlo ma dove può arrivare questa Viola?

Mi ricordo bene l’arrivo di Austin Freeman a Forlì: ha fatto quello che voleva in Lega2, dimostrando che è un giocatore con potenzialità incluse quelle per giocare e essere protagonista in Serie A(nella passata stagione ha giocato tra Capo D’Orlando e Roma ndr) dunque sicuramente un acquisto molto importante. Poi c’è Coach Giovanni Benedetto: credo non ci sia una sola persona nell’ambiente che non ne parli solo che bene. Giocare in una piazza come Reggio beh! Lo dice la storia il grande amore che ha la città per questi colori (e per gli argentini!) Sono molto entusiasta e sto seguendo con attenzione i nomi che si fanno per chiudere il roster per continuare ad ingrandire il mio entusiasmo, sono convinto che la Viola possa arrivare a fare grandi cose questa stagione.

Come è nato l’avvicinamento con la sua nuova compagine?

Ho avuto, per fortuna, diversi interessamenti durante questi giorni, mi ha fatto molto piacere il fatto che Reggio mi mettesse al “centro” della loro idea di squadra, le parole del Coach sicuramente sono state molto motivanti e poi parliamo della Viola Reggio Calabria! cos’altro devo aggiungere? :)

Quanto è cambiato il basket nell’ultimo decennio a suo avviso?

Il basket è cambiato tanto da quando sono arrivato in Italia má piu che altro sono cambiate le regole.

Ogni anno cambiano le regole e diventa difficile avere una certa progettualità:anche per noi giocatori è difficile perché non sappiamo mai cosa che sorpresa ci possa aspettare in futuro.

Che giocatore è Mario Ghersetti?

La classe di giocatore che sono io lo farò vedere in campo. Anche se a volte commetterò degli errori ,lascerò come sempre tutto quello che ho in ogni partita e ad ogni pallone. Sicuramente farò del mio meglio per costruire un gran gruppo perché, sono convinto, che se si va in campo tutti insieme e si lotta tutti insieme nessun traguardo sia impossibile.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy