Ferentino completa il “trittico” siciliano contro una Barcellona alla ricerca di reazione e risultati

Ferentino completa il “trittico” siciliano contro una Barcellona alla ricerca di reazione e risultati

  Alla vigilia della palla a due appare evidente una disparità tra i due roster sia in termini di posizione nella classifica di serie A2 girone ovest che per quanto concerne lo stato emotivo. Distanziate di 6 punti Ferentino e Barcellona ai nastri di partenza del secondo torneo nazionale di pallacanestro maschile partono ovviamente con obiettivi ben differenti ed il campo pian piano sta evidenziando tale divario con la parziale attenuante per Barcellona che, esclusa la prima partita d’esordio contro Agropoli, non ha mai potuto schierare la formazione ideale in virtù dell’assenza di Lenzelle Smith Jr., il giocatore maggiormente talentuoso dei siciliani, rientrato giovedì scorso in occasione del turno infrasettimanale contro Tortona occasione in cui si è registrata, ironia della sorte, l’assenza del capitano Franco Migliori. E si è fatto sentire (in positivo) il rientro del “faro” di Barcellona che ha predicato pallacanestro su tutti i lati del campo. Purtroppo per Barcellona il rientro “col botto” del colored americano, il quale ha bombardato Tortona (26 punti con 5/10 oltre l’arco, 4/8 dalla media, 9 rimbalzi, 3 assist e 22 di valutazione in 43 minuti!) non è coinciso con la parola “vittoria”. E come si è detto nella precedente preview un giocatore da solo non può certo vincere le partite anche se, in verità, Smith Jr. ci stava riuscendo! Emblematica l’ultima azione nei tempi regolamentari quando Barcellona era due punti sotto a 3″ dal termine con l’americano in lunetta che sbagliava il primo per poi ripertersi (volutamente) al secondo tiro dalla linea della carità, facendo carambolare la sfera tra le sue mani e realizzare il canestro del pareggio in lay up che ha poi portato i suoi compagni all’overtime. E nel supplementare evidentemente Barcellona non ne aveva più evidenziando altresì tutti i limiti amplificati ancor di più dall’assenza del capitano Migliori, dal calo inevitabile di Smith il quale, al rientro dopo un mese, era in ovvio debito di ossigeno e con un Loubeau gravato di 4 falli (per lo più commessi nei primi tre quarti) il quale ha giocato per forza di cose con il freno a mano tirato nella fase difensiva. La squadra di coach Bartocci ha comunque palesato la consueta difficoltà durante tutto l’arco del match alla voce “playmaking” in cui sia Centanni che Maccaferri hanno dimostrato poca lucidità e quel “difetto di gioventù” che va assolutamente rimodellato soprattutto per ciò che riguarda le “palle perse” con gli ennesimi regali all’avversario di turno. Nella sconfitta contro Derthona si è visto chiaramente come lo stesso Lenzelle Smith si sia preso la squadra per mano anche in termini di fornitura e assistenza ai compagni oltre al prezioso contributo di realizzazione. Tutto ciò rappresenta un chiaro problema da risolvere nell’immediato poiché innescare Smith e Migliori (quando rientrerà) con tempi e meccanismi adeguati è un’arma fondamentale per risollevare le sorti dei siciliani spostando il gioco fuori dal perimetro in maniera più fluida ed efficace. Certamente, in un gioco di squadra, meriti e soprattutto le colpe vanno condivise e non devono essere imputate solo ai due giovani playmaker, poiché regalando complessivamente 29 possessi all’avversario (e nella saga tutta la squadra è coinvolta) non si va da nessuna parte e l’onta del fondo della classifica si avvicina sempre più rapidamente. Buona la gara di Fallucca e Bianconi maggiormente coinvolti in virtù dell’assenza di Migliori. Passo indietro per Capitanelli rispetto al suo inizio “sprint” di campionato. Loubeau il solito lottatore (fin troppo in fase di rimbalzo offensivo e forse punito oltre il dovuto dalla terna arbitrale). Cefarelli senza infamia e senza lode! L’avversario di domenica sarà di quelli tosti! Uno dei top-team del campionato, Ferentino è stata costruito dal GM Ferencz Bartocci per soggiornare stabilmente tra i piani alti della classifica e recitare un ruolo da protagonista alla post season. Il roster a disposizione del giovane coach Federico Fucà è di altissimo livello. Il play titolare è Matteo Imbró classe ’94, con esperienza al piano di sopra con la Virtus Bologna. L’agrigentino sta segnando 10.7 punti con 4.4 assist in 25 minuti di utilizzo medio, minutaggio che solitamente divide con la uno dei “Signori della Serie A2” Massimo Bulleri che normalmente parte dalla panchina. Il “Bullo” (8.7 punti, 2.1 assist e 2° miglior tiratore oltre l’arco del girone ovest con il 57%) alla tenera età delle 38 primavere ha deciso di scendere in A2 nel suo finale di carriera con nuovi stimoli e traguardi seguendo un po l’onta del suo ex compagno di nazionale Gianluca Basile. Guardia titolare è l’americano Timothy Bowers (classe ’82, 9.7 punti, 3.9 rimbalzi e 4.6 assist di media), il cui utilizzo contro Barcellona è in dubbio per un infortunio che il colored si è procurato nel vittorioso match infrasettimanale ad Agrigento, giocatore di sostanza e tanta esperienza nel nostro campionato tra serie A e A2 (ex Caserta, Venezia e Torino). L’ala piccola del quintetto è Tommaso Raspino, piemontese classe ’89 di Vercelli, scuola Biella, proveniente dalla V.L. Pesaro, il quale sta viaggiando alla media di 7.9 punti, 4.1 rimbalzi e 2 assist a partita. Cambio di guardia e ala è Tommaso Carnovali, classe ’93 197 cm. reduce dall’esperienza di Treviglio in Silver, il quale non sta pagando più di tanto il “relativo” salto di categoria segnando 6.1 punti in 18.4 minuti di utilizzo medio. Ma è sotto le plance che Ferentino replica un potenziale altrettanto straordinario con Benjamin BJ Raymond, “swingman” atipico di 198 cm per 100 kg. , classe ’87 con spiccate doti tecniche e fisiche che lo rendono pericoloso sia vicino che lontano dal pitturato. L’americano giramondo è reduce dall’esperienza di Biella lo scorso campionato ed in questo inizio di stagione con Ferentino sta realizzando 16.3 punti con il 56% dalla media, terzo miglior tiratore di liberi con il 96% e 5° miglior rimbalzista difensivo con 6.6 palloni catturati a partita sotto canestro. Sarà un bel duello contro il miglior rimbalzista offensivo del torneo d’ovest David Loubeau (5.3) e quinto nei rimbalzi totali (8.7). Il centro del quintetto ciociaro non ha certo bisogno di particolari presentazioni.  Nato in Sudafrica a Pietermaritzburg, Angelo Gigli è italiano a tutti gli effetti vestendo per 109 volte la canotta della Nazionale italiana con 551 punti messi a referto. Di scuola Reggio Emilia, dove ha militato per quattro stagioni complessivamente, ha indossato le maglie in serie A di Treviso (conquistando Coppa Italia nel 2007 e Supercoppa Italiana nel 2006), Virtus Roma, Virtus Bologna e Olimpia Milano. Insieme a Bullo è sceso al piano di sotto con Ferentino dove sta segnando 14.9 punti e catturando 7.1 rimbalzi di media. Primo cambio dei lunghi è Andrea Benevelli (classe ’85) ex Orlandina di provenienza Leonessa Brescia. Il pesarese, fedele scudiero del GM Bartocci con Brescia e Fabriano, sta segnando 7.6 punti catturando 3.9 rimbalzi in 17.3 minuti di utilizzo medio. Completano il roster di patron Vittorio Ficchi i giovani Lorenzo Benvenuti (centro di scuola Don Bosco Livorno) e Giorgio Galuppi. La FMC Ferentino ha il terzo miglior attacco del girone ovest di Serie A2 con la media di 82 punti realizzati a partita e nelle sette gare sinora disputate ha ottenuto 5 vittorie (nei derby contro Rieti e Roma, contro la Viola Reggio Calabria, Trapani e Agrigento) e 2 sconfitte contro Agropoli e Biella entrambe fuori casa. Pertanto il “Ponte Grande” è a tutt’oggi imbattuto. In dubbio la presenza di Tim Bowers per Ferentino e molto più probabile l’assenza di Franco Migliori per Barcellona vittima di un guaio muscolare. Curiosità: Ferentino completerà, nel turno contro il Basket Barcellona, il “trittico” siciliano che ha visto i ciociari uscire già vittoriosi negli ultimi due match di campionato contro Trapani e Agrigento. Appuntamento domenica 15 novembre alle 18.00 presso il “Ponte Grande” di Ferentino. Arbitri dell’incontro saranno Bonfante, Maschietto e Pecorella.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy