Ferentino, la conferenza stampa di Gramenzi sa di addio

Ferentino, la conferenza stampa di Gramenzi sa di addio

Un secco 3 – 0 che ha lasciato molta amarezza in casa amaranto, ma anche la consapevolezza di aver incontrato un avversario più forte, in questo momento il candidato numero 1 alla vittoria del campionato.

La conferenza stampa di coach Gramenzi dopo la gara sa molto di addio da parte dell’allenatore abruzzese, giunto alla scadenza del suo contratto. Il tecnico inoltre ha fatto intendere che il clima nello spogliatoio ciociaro non era eccezionale ma non ha voluto sbilanciarsi molto, preferendo rimandare questo tipo di considerazioni a dopo un confronto con la squadra e i singoli atleti. Questi i passaggi salienti delle sue dichiarazioni.

“Abbiamo incontrato una squadra diversa rispetto alla regular season, Torino è forte in difesa, fisica, esperta e ha il carattere per metterti in difficoltà, peccato che alcuni non siano arrivati all’appuntamento in condizioni ottimali. Non mi riferisco a un problema fisico, ma mentale, di carattere e personalità, ci sono delle situazioni interne di cui non è giusto parlare adesso. Qualcosa si è rotto, dopo la Coppa Italia c’è stata presunzione. Thomas e Biligha? Non soltanto loro due non hanno reso al meglio, ma non è giusto parlare di singoli perché a caldo potrei usare termini sbagliati.
Per competere con la Manital serviva giocare ad alto livello e la mia colpa è stata non riuscire a portare i giocatori a questo livello. Ho dato fiducia ad alcuni atleti e mi aspettavo se non riconoscenza, almeno apprezzamento; invece dall’altra parte non ho trovato corrispondenza.
Ho superato momenti difficili, ho lottato e vinto ma è chiaro che un ciclo potrebbe essere finito, adesso sarà la società a valutare. A Ferentino sto bene, ho la mia vita privata, non so se farò ancora basket qui. Non ho problemi a rimettermi in gioco e ripartire. Sono stati quattro anni e mezzo con momenti bellissimi, con la promozione e tre anni di esperienza in A2. Credo che la società e l’ambiente siano cresciuti molto, Ferentino è una piccola realtà fatta di grandi persone che bisogna ringraziare per il loro impegno.
Chiudo con un pensiero riguardo la mamma del presidente, che era la nostra prima tifosa: purtroppo ricorderemo la stagione anche per questo.”

Di seguito il video della conferenza stampa integrale. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy