Inside the A2 Ovest – Agropoli: con Taylor e Langford riparte la nuova stagione, nel nuovo palazzetto

Inside the A2 Ovest – Agropoli: con Taylor e Langford riparte la nuova stagione, nel nuovo palazzetto

La stagione 2016/17 del basket Agropoli, seconda in A2, parte con i cilentani chiamati a difendere le mirabilie mostrate in tutta italia durante lo scorso campionato.

Commenta per primo!

La stagione 2016/17 del basket Agropoli, seconda in A2, parte con i cilentani chiamati a difendere le mirabilie mostrate in tutta italia durante lo scorso campionato. Una stagione con 19 vittorie, di cui 7 in trasferta, con il secondo posto finale alle spalle dell’altra salernitana Scafati; una semifinale di coppa Italia persa per un solo punto e l’approdo ai play off, disputati in campo esterno, contro la corazzata Fortitudo; secondo miglior attacco del girone; 5 affermazioni complessive nel trofeo “miglior giocatore/allenatore del mese” con Roderick (1) ,  Trasolini (3) e Paternoster (1) ad accaparrarsi il prestigioso riconoscimento. Un basket spumeggiante fatto di velocità, capacità realizzativa e spettacolo. Una stagione da incorniciare e affidare ai libri di storia di questo affascinante gioco. Da allora quasi tutto è cambiato: un nuovo presidente con Antonello Scuderi che subentra allo storico Presidente Giulio Russo; un nuovo Cda; un nuovo palazzetto, il PalaCilento di Torchiara, che in attesa dell’adeguamento del PalaDiConcilio ai parametri imposti dalla Fip, ospiterà le gesta dei delfini. Al riguardo proprio ieri è arrivata l’omologazione della struttura cilentana da parte della commissione Fip, presieduta dall’Ing. Paolo Faldo, che consentirà alla compagine agropolese di poter disputare l’intera stagione sul proprio parquet senza dover cercare ospitalità altrove. Un nuovo coach, Alex Finelli, a disegnare un diverso progetto tecnico dall’alto della sua esperienza, fatta anche di campionati di serie A e del suo entusiasmo che dovrà inculcare in un gruppo rinnovato per 9/12. Un nuovo preparatore atletico, Walter Allotta, chiamato a seguire la squadra a tempo pieno. Confermati, invece, il secondo Giuseppe Delia e Alessandro Marzullo. Le difficoltà che si presentano nell’immediato sul cammino cilentano sono 3: il cambio di palazzetto con un gruppo che affronta la prima gara stagionale senza aver potuto prendere conoscenza del nuovo parquet, se non in 2/3 circostanze; l’inserimento degli americani nel gruppo essendo arrivati in città da pochissimo tempo; un calendario che con una prima gara arrivata troppo presto e le 2 successive consecutive trasferte potrebbe creare affrettati giudizi negativi in caso di bottino scarso, per una squadra che, invece, è lecito pensare che entrerà a regime con tempi più lunghi.

IL ROSTER.

IL QUINTETTO – Tre le conferme: il capitano di lungo corso Riccardo Santolamazza, play titolare della squadra, l’ala grande Giovanni Carenza chiamato a dare il meglio di se stesso dopo i tanti infortuni che lo hanno limitato negli anni passati e l’emergente Gabriele Romeo, alla ricerca della stagione magica che lo consacri definitivamente, dopo le belle cose fatte vedere lo scorso anno e in pre campionato. Tutti gli altri sono nuovi e tutti affamati di minuti da giocare per confermarsi o per emergere definitivamente. Si punta su 12 elementi, con tanti giovani di talento, per evitare quanto successo lo scorso anno quando il roster, decimato da infortuni, contava su  6/7 elementi validi.  L’asse play-pivot sarà completato da Kevin Langford, alla prima esperienza italiana ma profondo conoscitore dei migliori campionati europe e delle coppe. Accanto a Santolamazza giocherà Donell Taylor, già miglior realizzatore nella serie A italiana con Reggio Emilia e con esperienze Nba: fisico, esperienza, talento, mentalità, tiro potrebbero regalargli un nuovo titolo individuale a fine stagione e nuove soddisfazioni ai tifosi. Come ala grande è stato chiamato da Varese l’indimenticato ex Lorenzo Molinaro che in pre campionato ha già messo in mostra la grande crescita tecnica e atletica che ha vissuto nelle ultime stagioni. Il figlio d’arte Mirco Turel completa il quintetto con un biglietto da visita importante: miglior realizzatore nel torneo Dalto e nelle gare disputate fin qui con i nuovi compagni e con un discreto tiro da 3 che sommato a quelli di Carenza e Contento fa ben sperare.

 PANCHINA – Se il quintetto titolare va atteso alla prova del campo per verificarne la bontà rispetto a quello della stagione precedente che, con Roderick e Trasolini, poteva ambire a qualsiasi risultato, sembra che la panchina quest’anno possa fare la vera differenza, visti i numeri e la presenza di giocatori giovani ma di talento ed affidabilità. Intanto Giovanni Carenza è in grado di fare la differenza se solo riesce a trovare continuità in passato spesso interrotta dagli incidenti. La squadra ha bisogno delle sue triple che nei periodi di forma non ha fatto mai mancare. Come play di riserva è rimasto l’ex Virtus Roma Gabriele Romeo, giovane promettente (casse ’97) che si è fatto apprezzare gia nel finale della scorsa stagione e durante i play off per la carica agonistica, l’impegno, l’abnegazione e le giocate spettacolari che spesso hanno strappato autentiche ovazioni ai tifosi cilentani. Ad assicurare una rotazione versatile e con predisposizione alla lotta ci pensano Marco Contento, ex Cento, giocatore fumantino, ambizioso e talentuoso con un buon tiro dalla distanza, che se riuscirà a disciplinarsi e ad evitare inutili bagarre potrà raggiungere traguardi importanti e il livornese Jacopo Lucarelli (96), ex Don Bosco, che in pre campionato si è subito ben disimpegnato. A completare il gruppo dei 96 Eugenio Amanti, ex S.Paolo Ostiense, Alessandro Marra, ex Martina Franca, reduce da un infortunio importante ma sulla strada del recupero, un vero talento che aspetta solo di sbocciare alla corte dei cilentani e il gigante Senegalese Fallou Ndiaye (204 cm), ex Stella Azzurra. Un Pivot su cui il basket Agropoli ha investito con decisione,  affidandolo alla sapienza di coach Finelli per tirarne fuori un giocatore capace di assicurare centimetri importanti sotto le plance per i prossimi anni. Le prove fornite nelle gare amichevoli narrano di un giocatore ancora acerbo ma concentrato, volenteroso e che impara rapidamente. Un’altra delle tante frecce nell’arco dei cilentani.

 ACQUISTI:

Mirco Turel (ITA, G, da Treviglio – A2 –  8.9 pts + 2 rb +  0,9 ass);

Jacopo Lucarelli (ITA, AP, da Don Bosco Livorno – B – under);

Marco Contento (ITA, P /G, da Cento – B – 15,7 pts + 3.4 ass);

Lorenzo Molinaro (ITA, AG, da Varese/Ravenna – A/A2 – 4.2 pts + 2 rb);

Eugenio Amanti (ITA. AG/Pivot, da S. Paolo Ostiense – C – Under);

Kevin Langford (USA, AG/C, da Antwerp Giants – A – Europa cup);

Donell Taylor (USA, G/AP, da Lukoil Sofia – A –Vince campionato e partecipa Fibe Europe Cup);

Alessandro Marra (ITA, P/G, da DuEsse Basket Martina . – B –9,1 pts  );

Fallou Ndiaye El Hadji (Senegal, Pivot, da Stella Azzurra/ Vieste – B e C – Under);

CONFERME:

Riccardo Santolamazza (ITA, P – A2 – 7,6 pts + 3.9 rb + 3.4 ass);

Giovanni Carenza (ITA, AG –  A2 – 7,2 pts + 3.8 rb +0,6 ass.);

Gabriele Romeo (ITA, P. -A2 -2,7pts + 1 rb+ 0,3 ass.).

 GLI OBIETTIVI

La permanenza in serie A2 è l’obiettivo dichiarato da tutti, senza alcun dubbio. Il roster a disposizione di coach Finelli pare solido, lungo e in grado di poter garantire la salvezza auspicata. Tuttavia se tutto gira per il verso giusto, con Molinaro e Turel in grado di recitare il ruolo da protagonisti a cui sono chiamati, con Taylor e Langford ad assicurare qualità, quantità e canestri pesanti, con i vari Romeo, Lucarelli , Contento pronti a dare cambi di qualità e con Santolamazza e Carenza a garantire esperienza e continuità i cilentani potranno facilmente recitare un ruolo di primo piano e puntare, oltre che alla salvezza, anche ad uno dei primi 8 posti della classifica per un finale di stagione di nuovo all’insegna dei play off.

COSI’ IN CAMPO: Starting 5: SANTOLAMAZZA (P) – TAYLOR (G) – TUREL (AP) – MOLINARO (AG) – LANGFORD (C).

A disposizione: ROMEO (P) – CONTENTO (G) – LUCARELLI (AP) – AMANTI (C) – CARENZA(AG) – MARRA (G) – NDIAJE (C)

 LA PRESEASON AI RAGGI X

PalaDiConcilio, sabato 27 agosto, contro Sidigas Avellino 67-71 (Turel 15, Contento 13, Molinaro 10, Romeo 9, Carenza 8);

PalaDiConcilio, mercoledi 31 agosto, contro JuveCaserta 62-74 (Turel 18, Molinaro 12, Contento 10);

PalaMangano, sabato 3 settembre, contro Givova Scafati 79 – 67 ( Molinaro 14, Contento 14, Romeo 14, Lucarelli 11);

PalaDiConcilio, sabato 10 settembre, “Torneo V. Dalto”, contro Virtus Bologna 61-90 (Turel 18, Molinaro 14, Lucarelli 9);

PalaDiConcilio, Domenica 11 settembre, “Torneo V. Dalto”, contro Ferentino 91 – 97 (Turel 26, Contento 21, Carenza 18);

PalaMaggio, mercoledi 14 settembre, contro JuveCaserta 89 – 61 (Turel 28, Lucarelli 11, Carenza 9);

PalaDiMauro (Av) sabato 17 settembre, “Trofeo V.Lepore” contro Scandone Avellino 81-51 (Turel 16, Carenza 10, Contento 9);

PalaDiConcilio, mercoledi 21 settembre, contro Virtus Cassino 72-62 (Turel 17, Langford 14, Romeo 12);

PalaGrande , sabato 24 settembre, contro Ferentino 86-74 (Langford 20, Taylor 18, Turel 16, Molinaro 10)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy