Jesi in bilico, sarà in LNP?

Jesi in bilico, sarà in LNP?

Sono giorni burrascosi quelli che sta affrontando tutta la Jesi cestistica, in un periodo che rispecchia benissimo le condizioni metereologi che non proprio adatte all’estate che ognuno di noi si aspetta: un periodo pieno di nuvole e dubbi.

La scorsa settimana l’Amministratore Unico dell’Aurora Basket Jesi Altero Lardinelli ha indetto una conferenza stampa dove faceva il punto di tutta la situazione economica della società leoncella, esponendo tutti i problemi che ci sono e che ci saranno.
Il dirigente ha esordito con il fatto che la società, come tutti gli anni, ha pagato tutti gli stipendi fino all’ultimo centesimo, rispettando dal primo all’ultimo contratto: questa è una cosa di cui va molto fiero Lardinelli, com’è giusto che sia, visto che altre società si prendono l’impegno di partecipare a campionati professionistici di questo livello per poi sparire dopo poco tempo e di certo questa non è una cosa che fa loro onore.
Le parole dello jesino d.o.c. sono schiette, senza lasciar intendere niente a nessuno : dopo aver ringraziato molteplici volte la famiglia Fileni che ha appena concluso il periodo di title-sponsor, “divorzio” già annunciato al termine della stagione 2010/2011, senza usare mezzi termini lancia l’allarme.
Egli dice infatti, tramite il comunicato della società: “L’Aurora, nonostante abbia appena chiuso la stagione 2012/13 con un bilancio in pareggio come sempre nella sua storia , si trova attualmente in difficoltà nel programmare la prossima stagione sportiva. La difficoltà sta nel reperire risorse che permettano al nostro Club di portare in giro per l’Italia il nome di Jesi dignitosamente nel secondo campionato italiano. Come tutti gli anni in questo periodo facciamo il budget preventivo e ad oggi quello che ci possiamo permettere non è la Legadue”.

E’ una situazione veramente problematica dunque, visto che le risorse economiche certamente scarseggiano in qualsiasi settore e sostituire un marchio importante come Fileni di questi tempi sembra veramente un’utopia.
Ma a Jesi, come sempre, non vogliono lasciar niente di intentato.
Si sono messi dunque già a lavoro in società per trovare altre aziende ed imprenditori che possano aderire al “Club 6 con noi” che contribuendo con 1000 euro si hanno 2 abbonamenti ed un ingresso nella lista degli sponsor minori, visto che in questa stagione erano solamente 16 gli iscritti.

Adesso come adesso sarà dura vedere le maglie arancioni e blu dell’ormai storica Aurora Basket Jesi nei campi di tutta Italia della nuova LNP, perché la crisi è arrivata anche nella città del Verdicchio e della scherma e si sta facendo sentire veramente tanto.
Si stanno infatti già diffondendo le prime indiscrezioni (non si sa ancora se infondate o no) che vorrebbero Trapani come una possibile acquirente del titolo di partecipante alla Lega Gold del prossimo anno in LNP al posto proprio dell’Aurora Jesi, ma di questo gli jesini non ne vogliono nemmeno sentir parlare ancora.

Appuntamento ai prossimi aggiornamenti, per sapere se una piazza importante come Jesi l’anno prossimo potrà ancora riunirsi al PalaTriccoli per assistere alle partite della propria squadra di basket e sostenerla fino all’ultimo come il pubblico ha sempre fatto e, siamo certi, continuerà a fare in caso di iscrizione al campionato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy