Jesi: obiettivi budget, Maggioli e Santiangeli

Jesi: obiettivi budget, Maggioli e Santiangeli

Commenta per primo!

Una stagione fallimentare. A definire così il 2012/13 dell’Aurora Basket non è solo l’amministratore unico Altero Lardinelli sull’house organ societario Basket Notizie. Ma anche e soprattutto il colpo d’occhio da minimo storico offerto dal PalaTriccoli nelle ultime due uscite inteme della Fileni Bpa. E sembra proprio che dal punto di vista dell’entusiasmo e del coinvolgimento della piazza che l’annata della Fileni Bpa, tredicesima a fine fase regolare, sia stata sotto le attese. Non ha aiutato il clima attorno alla squadra l’aver imposto un obiettivo troppo ambizioso, rispetto alla struttura del soter. Come non ha aiutato la credibilità di un campionato messa in discussione dopo tre giornate con l’esclusione di Napoli, l’eliminazione del pericolo retrocessione e le squadre in smobilitazione.

La palla ora passa all’assemblea dei soci che nei prossimi giorni si riunirà per definire quale sarà il futuro del basket jesino. A partire dalle condizioni economiche che dovrebbero fare i conti con un’ulteriore diminuzione.
Ma se la serata contro Trieste lascia una traccia, un messaggio, questo trova sponda nei risultati personali ottenuti da Michele Maggioli e Marco Santiangeli. Praticamente veterano e recluta su cui ripartirà, se ripartirà, la nuova stagione del basket jesino. Il capitano ha confermato la leadership di miglior realizzatore del campionato con 589 punti segnati per una media di 21,04 a partita. Per ciò che riguarda Santiangeli, domenica sera il giovane aurorino ha chiuso con 20 punti grazie al 4/6 da due ed al 2/5 da tre oltre al 6/7 ai liberi. Prestazione nettamente al di sopra delle sue medie e questo la dice molto sul fatto che il giocatore deve ancora maturare per diventare un vero leader.

Anche perché se la Fileni ripartirà sicuramente Santiangeli, oltre a Maggioli e, quasi certamente, a Gaspardo, saranno i punti fermi della nuova squadra. Adesso la vera partita sarà giocata dalla società. La crisi di risultati e di motivazioni, quella economica, il nuovo status giuridico del nuovo campionato che si trasformerà dal professionismo al dilettantismo potrebbe cambiare tutto e di più. Anche l’annuncio, datato, dello sponsor Fileni di chiudere il suo impegno al 30 giugno 2013 potrebbe far precipitare ogni speranza fino a chiudere la possibilità di ripartenza. Nei giorni scorsi l’amministratore unico Altero Lardinoli ha presentato la situazione al sindaco di Jesi, Bacci, chiedendo aiuto, impegno e sostegno.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy