Lacrime, nostalgia, felicità: la Viola Reggio Calabria fa festa per il suo Old Star Game

Lacrime, nostalgia, felicità: la Viola Reggio Calabria fa festa per il suo Old Star Game

Commenta per primo!

Lacrime, felcità, il ritrovarsi uniti alla palla a spicchi. Reggio Calabria esplode di gioia. Sono più di tremila gli spettatori di “Old Star Game” serata benefica per festeggiare i cinquant’anni della Cestistica Piero Viola.

Le emozioni sono nate dal pre-gara: il fondatore Peppino Viola ed il Presidente storico della grande Panasonic, Gianni Scambia erano presenti all’evento tra l’emozione di tutto il pubblico presente. C’era molto cuore e molta storia nero-arancio a calcare nuovamente il parquet del palasport reggino, tutti quei giocatori che nel corso degli ultimi 50 anni (1966-2016) hanno onorato con impegno e passione la canotta della Viola. La serata ha visto scendere in campo una selezione nero-arancio allenata da Tonino Zorzi, Gaetano Gebbia,Massimo Bianchi e Kim Hughes contro la Nazionale Over 45.

L’iniziativa è stata promossa da un super-tifoso, Ale Nava: la partita oltre a celebrare l’anniversario della Viola ha voluto testimoniare un forte impegno sociale nei confronti della Fondazione “Operation Smile” presieduta da Santo Versace.

Hanno fatto ritorno in riva allo Stretto giocatori molto cari al pubblico e ai tifosi di Reggio Calabria, quali Stefano Attruia, Hugo Sconochini, Donato Avenia, Sandro Santoro, Kim Hughes, Gustavo Tolotti, Lucio Lagana’, Giovanni Spataro, Marco Spangaro, Davide Lamma, Agostino Li Vecchi, Paolo Giuliani, Mario Porto,Rocco Famà e Gerardo Brienza. Grande gioia anche tra la tifoseria organizzata che ha rispolverato gli storici striscioni della curva “Rappoccio” con i cori personalizzati che hanno accompagnato l’ingresso di ogni giocatore: da “Un Capitano” rivolto a Sandro Santoro al celeberrimo “Curre curre guaglio” dedicato a Donato Avenia. Ma di applausi ne ha ricevuti anche la Nazionale Master che puo’ vantare grandi presenze quali quelle di Antonello Riva, Roberto Brunamonti, Giovanni Dalla Libera e l’ex Viola Cristiano Grapasonni. Tutti giocatori che stabilmente vincono comunque primeggiano nei Mondiali ed Europei di categoria con la Nazionale Master.

Tutti hanno voluto dare un piccolo contributo alla buona riuscita dell’evento, dai componenti dello staff medico-riabilitativo, con il dott. Gianni Calafiore, Lillo Barreca e Filippo Marcianò, passando all’ex addetto stampa Massimo Calabro’. Il primo quintetto della Viola scende sul parquet con Lamma, Sconochini, Giuliani, Tolotti e Santoro. L’Italia Master con Longobardi, Dalla Libera, Tirel, Riva e Brunamonti. Nel corso dei minuti e’ un susseguirsi di emozioni ad ogni canestro, con i giocatori della Viola pronti anche tentare vivaci azioni per deliziare il pubblico. Netto il predominio degli azzurri master sin dalle prime battute, a dimostrazione di una maggiore compattezza e concretezza nel proprio gioco. La Viola tenta una rimonta straordinaria con i colpi di magia di Ugo Sconochini e le triple di Lamma(festeggiato a gran voce dal pubblico) e Famà ma non basta per risalire. Il risultato sportivo passa quasi inosservato anche perché il clima rimane festoso dall’inizio alla fine.

Viola Old Star – Italia Master: 81 – 90 (10-22, 23-51, 43-71)
Viola: Santoro 3, Attruia 5, Lamma 24, Avenia, Tolotti, Spangaro 6, Lagana’ 3, Li Vecchi, Giuliani 14, Sconocchini 9, Hughes, Fama’ 14, Porto 2. Coach Tonino Zorzi. Vice coach Gaetano Gebbia
Italia Master: Tirel, Ponzoni, Ambrosecchia 7, Dalla Libera 25, Riva 10, Sbarra 8, Longobardi 14, Grappasonni 12, Brunamonti 14, Bianchi. Coach Bucci (assente).
Arbitri: Ielo, Pratico’, Scarfo’

Fotogallery a cura di Fabiana Amodeo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy