Inside the A2 ovest – Legnano: obiettivo salvezza e sogno playoff

Inside the A2 ovest – Legnano: obiettivo salvezza e sogno playoff

Legnano ha confermato quasi tutto il roster della passata stagione e ha aggiunto due tasselli importanti come Ihedioha e Mosley. Le possibilità di realizzare il sogno playoff passano dall’inserimento positivo dei nuovi e da una maggiore buona sorte rispetto allo scorso campionato

Commenta per primo!

Le prime parole che vengono in mente a un tifoso dei Legnano Knights se ripensa alla stagione 2015-2016 sono con ogni probabilità “infortuni” e “sfortuna”. Infatti è inevitabile che nonostante la bella salvezza (ottenuta senza dover disputare i playout e con diverse giornate d’anticipo) il pensiero vada immediatamente all’incredibile serie di problemi fisici che hanno colpito praticamente tutti i componenti del roster legnanese dalla fine del girone d’andata in poi.

Tutto è iniziato il 27 dicembre 2015 in occasione della gara interna contro Trieste. In quell’occasione Matteo Frassineti,tentando di tenere in gioco una palla in attacco sbatte un ginocchio contro un tabellone pubblicitario e riporta la lesione del legamento crociato. Stagione finita e ambiente Legnanese sotto choc per un infortunio davvero traumatico. Fino a quel punto i Knights,nonostante un rendimento casalingo nettamente deficitario,stavano disputando un grande campionato. Avevano ottenuto infatti vittorie di enorme prestigio a Ferrara e soprattutto Verona e Treviso e si stavano candidando a sorpresa totale del campionato ritrovandosi in piena zona playoff,che sarebbero stati un traguardo storico incredibile per Legnano. L’infortunio di Frassineti,fin lì uno degli uomini chiave del team allenato da Mattia Ferrari,è stato il primo duro colpo per i sogni legnanesi.

A questo (e alla surreale sconfitta nella stessa partita proprio all’ultimo secondo di gioco) è seguita una incredibile quantità di problemi fisici di ogni tipo che ha martoriato il roster,limitando il rendimento di molti giocatori e costringendo in alcuni casi Ferrari a schierare,già negli starting five,dei giovanissimi praticamente ai loro esordi in categoria. La sfortuna,unita anche a un calo di concentrazione e di fiducia,ha portato a una lunga serie di sconfitte consecutive e Legnano è stata risucchiata nei bassifondi della classifica. Dal sogno playoff i Knights sono passati all’incubo playout,poi evitati grazie a ottime prestazioni contro tutte le dirette concorrenti per la salvezza negli scontri chiave di fine campionato.

La tripla di Matteo Palermo allo scadere nella sfida a Jesi il 13 marzo 2016 è il vero ricordo bello del 2015-2016 dei Knights,un momento che rappresenta una sorta di inversione di tendenza,con l’arrivo della buona sorte finalmente a favorire anche Legnano dopo tanta sfortuna e proprio in uno scontro diretto.

Per la stagione 2016-2017 Legnano,come sempre guidata dalla favolosa coppia Tajana-Basilico (presidente e general manager da oltre dieci anni) ha pensato di dare fiducia praticamente a tutto il roster che tanto bene aveva fatto nella prima parte della scorsa stagione. Così dopo anni di stravolgimenti quasi totali,sono stati fatti solo due cambi,rivolti al rafforzamento della squadra e alla possibilità di ricominciare a inseguire il sogno playoff.

IL ROSTER

IL QUINTETTO

Tre dei cinque componenti dello starting five della passata stagione sono stati confermati. In cabina di regia ci sarà ancora Matteo Palermo,reduce da una stagione positiva e con ampi margini di miglioramento all’orizzonte. Come guardia è stato confermato Nick Raivio,uno dei migliori giocatori dell’intero campionato,e l’unico assieme a capitan Maiocco risparmiato dagli infortuni. MVP del mese di ottobre 2015 e spesso autore di prestazioni all around irreali,aveva richieste anche dalla A1 ma sarà ancora un Knight. La terza conferma è nel ruolo di ala piccola,dove proprio Matteo Frassineti,tornato nel frattempo in ottime condizioni fisiche,è enormemente desideroso di rimettersi in gioco e mostrare a Legnano la propria gratitudine per averlo atteso dopo il gravissimo infortunio.

Le novità del quintetto arrivano entrambe da Latina,una direttamente e una indirettamente. Nel ruolo di ala piccola è arrivato dalla squadra laziale Francesco “Ike” Ihedioha,giocatore esperto della categoria,potente fisicamente,bravo sotto i tabelloni ma con anche mani ben educate. Prenderà il posto di A.J. Pacher,il vero bocciato della passata stagione. I vari acciacchi patiti dallo statunitense non bastano a giustificare una lunga serie di prestazioni insufficienti. Pacher è stato spesso deludente nel tiro dall’arco e praticamente sempre a rimbalzo,dove non ha mai fatto valere il suo fisico e ha sempre dato l’impressione di non giocare con la giusta intensità fisica e soprattutto mentale.

Nel ruolo di centro è arrivato invece William Mosley. Vero colpo di mercato per Legnano,economicamente molto oneroso,Mosley è un regalo che Tajana ha fatto alla propria squadra e ai tifosi. Mosley,liberato a febbraio da Latina a causa delle sue condizioni fisiche precarie,è uno dei giocatori più spettacolari e atletici del campionato,e sarà lui a dover far fare il salto di qualità definitivo a Legnano. Giocherà al posto di capitan Maiocco,che nella passata stagione ha dovuto affrontare un minutaggio da ventenne a causa dell’emergenza infortuni e ha dovuto sacrificarsi spesso a giocare da centro.

PANCHINA

Anche per la panchina sono arrivate molte conferme,precisamente quattro. Alberto Navarini,pur ancora molto giovane,è ormai un veterano a Legnano. Anche per la prossima stagione sarà il validissimo backup di Palermo in regia,sperando che per il “Principino” arrivi anche l’atteso salto di qualità.

Un’altra conferma è quella di Matteo Martini,reduce da una bella stagione in cui ha portato punti,dinamismo e voglia di fare dalla panchina,mostrandosi anche molto duttile e in grado di ricoprire indifferentemente il ruolo di ala piccola e quello di guardia,giocando all’occorrenza anche da playmaker.

Nel ruolo di ala grande e all’occorrenza anche di centro ci sarà,per la quinta stagione consecutiva,la bandiera dei Knights,il capitano Federico Maiocco. Se tutto andrà bene il capitano potrà avere un minutaggio alto ma non da stakanovista come nella passata stagione e darà il suo contributo di esperienza,difesa e anche triple.

La quarta e ultima conferma è quella di Michael Sacchettini. Arrivato in sordina l’anno scorso come centro di riserva,ha saputo ritagliarsi ampi spazi e un buon minutaggio,complice anche il deludentissimo Allodi (poi liberato a metà stagione e sostituito con il volonteroso ma non eccezionale Fattori). Sacchettini ha mostrato sempre grande forza fisica e soprattutto un impegno veramente notevole. Sicuramente anche in questa stagione che sta per iniziare saprà ritagliarsi ampi spazi e strapperà applausi.

A completare la panchina ci saranno a turno gli under,prontissimi a mettersi in mostra e a ritagliarsi minuti preziosi.

ACQUISTI

Francesco Ihedioha (ITA, AG, da Latina -A2- 10.4 pts+3.5 rb)

William Mosley (USA, C, da Latina -A2- 11.7 pts+6 rb)

CONFERME

Matteo Palermo (ITA, PM, 10.2 pts+2.6 ass)

Nicholas Raivio (USA, G, 17.3 pts+7.9 rb)

Matteo Frassineti (ITA, AP, 16.1 pts+3.2 rb)

Alberto Navarini (ITA, P, 3.1 pts+1 ass)

Matteo Martini (ITA, AP/G, 7.5 pts+2.3 rb)

Federico Maiocco (ITA, AG/C, 7.8 pts+3.7 rb)

Michael Sacchettini (ITA, C, 1.8 pts+2 rb)

Luca Battilana (ITA, AG, giovanili)

Edoardo Tognati (ITA, G, giovanili)

GLI OBIETTIVI

Legnano è inserita nel girone ovest,che ha qualche nome altisonante in meno del girone est ma presenta trasferte mediamente molto più lunghe e impegnative a livello temporale e logistico.

Il primo obiettivo,dichiarato da tutti,partendo da Tajana passando da coach Ferrari e arrivando ai giocatori,è la salvezza. Legnano è una piazza che è riuscita a guadagnarsi un posto al sole nel panorama cestistico italiano pur trovandosi in mezzo al triangolo Milano-Varese-Cantù,e il fatto di riuscire a restare nella seconda categoria più importante d’Italia è una sorta di miracolo sportivo,frutto di una straordinaria pianificazione decennale da parte della società,di poche chiacchiere,tantissima serietà e duro lavoro.

Un altro obiettivo importante è regalare ai tifosi un numero maggiore di vittorie interne rispetto alla passata stagione,in cui la salvezza è stata conquistata quasi tutta in trasferta.

Ovviamente il sogno è poi quello di centrare l’obiettivo dei playoff,che sarebbe un traguardo incredibile per i Knights. Per riuscirci servirà che la sfortuna cerchi un altro indirizzo,lontano da Legnano. Frassineti è pienamente recuperato e desideroso di giocare una grande stagione. La squadra è unita dentro e fuori dal campo,coach Ferrari (alla sua quarta stagione sulla panchina legnanese) è una garanzia e la società è un esempio virtuoso in tutta Italia. Ma ci sono alcuni fattori che potrebbero tenere lontana Legnano dai propri sogni.

A parte ovviamente le avversarie del girone ovest,che venderanno cara la pelle,resta da capire come si integreranno i nuovi acquisti. Il nuovo quintetto è nettamente più fisico e potente di quello della scorsa stagione. Mosley e Ihedioha risolveranno i problemi sotto i tabelloni,ma ci sono un paio di incognite. La prima è legata alle condizioni fisiche di Mosley. Ora lo statunitense sta bene ma il timore che non riesca a giocare al meglio tutta la stagione esiste. La seconda è di carattere più tecnico-tattico. Pacher nello scorso campionato,per quanto spesso deludente, garantiva molti punti,quasi 20 a partita,ed era una delle tre bocche da fuoco di Legnano assieme a Raivio e Frassineti. Mosley e Ihedioha nella scorsa stagione hanno segnato rispettivamente 11.7 e 10.4 punti a partita. La loro media punti combinata è superiore a quella di Pacher,ma in un contesto di gioco completamente diverso da quello di Latina riusciranno a compensare la produzione di punti dell’ex statunitense di Legnano? Se ci riusciranno,allora un posto tra le prime 8 non sembra affatto irraggiungibile.

COSI’ IN CAMPO

Starting 5: PALERMO (PM) – RAIVIO (G) – FRASSINETI (AP) – IHEDIHOA (AG) – MOSLEY (C)

A disposizione: NAVARINI (PM) – MARTINI (AP/G) – MAIOCCO (AG/C) – SACCHETTINI (C)

LA PRE SEASON AI RAGGI X

Bormio, domenica 28 agosto: Olimpia EA7 Milano-Legnano 87-73 (Raivio 22,Frassineti 18,Martini 10)

Reggio Emilia, giovedi 1 settembre: Grissin Bon Reggio Emilia-Legnano 95-68 (Frassineti e Mosley 16,Raivio 10)

San Giorgio su Legnano, domenica 4 settembre, memorial Tarcisio Vaghi: Sangiorgese-Legnano 58-77 (Frassineti 15,Martini 14,Ihedioha 13)

Lugano, sabato 10 settembre: Tigers Lugano-Legnano 77-84 (Raivio 26,Martini 17,Maiocco 16)

Desio, venerdi 16 settembre, Trofeo Lombardia: Cantù-Legnano 78-75 (Frassineti 16,Mosley 14,Palermo 12)

Desio, domenica 18 settembre, Trofeo Lombardia: Legnano-Treviglio 80-93 (Maiocco 23,Mosley 20,Sacchettini 11)

Legnano, venerdi 23 settembre: Legnano-Sassari 67-101 (Ihedioha 15,Raivio 14,Maiocco 10)

Legnano, sabato 24 settembre, memorial Morelli: Legnano-Robur Varese 81-73 (Mosley 24,Palermo 19,Raivio 17)

Castellanza, domenica 25 settembre, memorial Morelli: Legnano-Reggio Calabria 60-74 (Maiocco e Palermo 15,Raivio 12)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy