Match tirato e d’attacco al PalaFantozzi, ma l’Orlandina se la cava con una Trapani in crescita

Match tirato e d’attacco al PalaFantozzi, ma l’Orlandina se la cava con una Trapani in crescita

Commenta per primo!
Foto Calogero Germanà

L’Orlandina vince il secondo test del suo precampionato contro la Pallacanestro Trapani per 88-86. Uno scrimmage settembrino, da cui è uscita, però, una gara tirata, dal ritmo elevato, ricca di giocate individuali e corali. Al PalaFantozzi, infatti, nel pomeriggio di oggi, Trapani e Capo d’Orlando, si sono date battaglia infiammando il pubblico presente che ha partecipato con enfasi.

Il match inizia forte con le due compagini che corrono tanto e da subito. Alle triple di Baldassarre e Parker rispondono Portannese e Archie e il primo periodo di gioco sembra terminare in sostanziale equilibrio. A romperlo ci pensa il duo americano dell’Upea: Archie dalla media trova la retina con continuità e Wright piazza la bomba che chiude il quarto sul 27-20 per l’Orlandina. Il secondo periodo di gioco è dominato totalmente dai padroni di casa. Applaude lo staff tecnico dalla panca, ma applaudono anche dagli spalti perché i paladini in questo frangente divertono e si divertono. Coach Pozzecco ruota i suoi, ma la qualità e la determinazione del quintetto in campo non cambia. Ecco allora che Tommy Laquintana si esibisce in un alley-oop per Dominique Archie che inchioda la schiacciata e fa balzare tutti in piedi. Si va all’intervallo sul 57-33 per l’Upea.

Anche la ripresa del gioco dopo la pausa lunga si apre con un alley-oop, è Derek Wright stavolta il socio di Archie nella prodezza. Sul finire della terza frazione, invece, torna in partita la squadra di Coach Lardo e accorcia il distacco all’ultimo parziale (72-56). Negli ultimi dieci minuti i trapanesi sperano in una rimonta, ma l’Upea tiene e porta a casa la partita.

«Sono felice della crescita dei miei rispetto al primo test amichevole contro Agrigento – dichiara il Poz nel dopo gara – c’è ancora da lavorare, ma il percorso è quello giusto». In un momento in cui non è possibile sfruttare al meglio i due campioni italiani, Soragna e Basile, si fanno conoscere e apprezzare gli americani: «Avevo paura per il loro impatto nella pallacanestro italiana – continua il coach – invece stanno imparando in fretta e oggi hanno disputato una buona gara. Wright ha nelle corde la qualità e la volontà di coinvolgere tutti nel gioco e questo è importante perché fa sentire tutti partecipi e importanti. Davvero bravo Dominique oggi, ma bravi anche tutti gli altri».

Parole di ottimismo e fiducia anche per Lino Lardo, che per un mese avrà  disposizione Gints Antrops, convincente già contro la Viola l’altro ieri, e che poche ore fa ha risposto all’appello con nove personali a referto: “Il bilancio delle due amichevoli è positivo. In quella contro la Viola Reggio Calabria, pur tenendo conto che giocavamo contro un’avversaria di categoria inferiore, ho visto diverse cose buone sia in difesa che in attacco. In questo momento, giocare due partite in due giorni non è l’ideale: ma anche i quaranta minuti contro Capo d’Orlando hanno dato segnali positivi. Il primo quarto è stato equilibrato e ben giocato, anche se subito ho avuto la sensazione che Capo d’Orlando fosse più brillante di noi dal punto di vista fisico. Infatti, nel secondo periodo, quando loro hanno iniziato a fare canestro con regolarità, abbiamo vissuto un passaggio a vuoto. Terzo e quarto parziale li abbiamo giocati con orgoglio, difendendo forte e aumentando le rotazioni per consentire ai giocatori di rimanere in campo tre o quattro minuti e dare così il massimo. Insomma, va bene così. Siamo consapevoli di dover lavorare ancora tantissimo ma il dato emergente importante è che i ragazzi provano sempre a giocare insieme. Coltivare e sviluppare quest’attitudine sarà determinante ai fini del raggiungimento di qualsiasi obiettivo. Cosa non mi è piaciuto? Direi che dobbiamo imparare a rimanere compatti anche quando giungono i minuti di difficoltà. Ma sono certo che svilupperemo questa qualità con il trascorrere del tempo”.

Upea Capo d’Orlando-Pallacanestro Trapani 88-86 (27-20; 30-13; 15-23; 16-30)

Orlandina Basket: Laquintana 10, Benevelli 10, Nicevic 4, Portannese 13, Archie 20, Ciribeni 10, Wright 14, Cefarelli 7, Soragna, Basile ne. All. Pozzecco.

Pallacanestro Trapani: Renzi, Bartoli 9, Costadura 2, Lowery 16, Baldassarre 10, Bossi, Rizzitiello 7, Ianes 6, Tabbi, Parker 9, Ferrero 18, Vallone, Antrops 9. All. Lardo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy