Memorial Basciano, Semifinali – Trapani stronca Agrigento dopo 10′, ottima prova degli italiani

Memorial Basciano, Semifinali – Trapani stronca Agrigento dopo 10′, ottima prova degli italiani

Commenta per primo!

Nella semifinale del Memorial David Basciano la Pallacanestro Trapani si aggiudica la sfida contro Agrigento, controllando per tutti i 40’ il match nonostante gli ospiti più volte si siano portati a contatto. Trapani si presenta al gran completo, coach Ciani deve invece fare a meno del playmaker titolare Piazza.

Trapani parte bene, sfruttando le iniziative di Ferrero che raggiunge quota 9 in un amen. Dopo i primi 5’ lo score è 15-9 per i granata. Mian e soci non stanno a guardare ed impattano da lì a poco (15-15). Coach Lardo fa leva sulle rotazioni (ben 10 giocatori già utilizzati nel primo periodo), Trapani costruisce un buon parziale (14-4) chiuso dalla bomba dell’ottimo Bossi. Alla prima mini sirena il tabellone recita 29-19 per i padroni di casa. Nel secondo periodo prima Agrigento ricuce lo strappo (33-31), poi altro break per Trapani che nel frangente si affida alla verve di Baldassarre. Così si va alla pausa lunga sul punteggio di 43-34 per i ragazzi di coach Lardo che però non sfruttano a dovere un tecnico fischiato alla panchina ospite. Per i granata già due giocatori in doppia cifra, Ferrero (11) e Baldassarre (10). Al rientro dagli spogliatoi la gara diviene più frizzante, Agrigento piazza subito un break di 7-0 (43-41), Trapani lì ha un sussulto, si affida all’under Bossi per un contro parziale di 11-2 chiuso da una bomba di Ferrero (54-43). Mian sul finire del periodo ricuce parzialmente lo strappo, 64-59 lo score al 30’. Ultimi 10’: ci pensa Di Viccaro con una tripla a dare la carica ai suoi (66-65), riportando a contatto Agrigento. Trapani lì cambia marcia, aumenta l’intensità difensiva e piazza subito un parziale di 5-0 (bomba di Bossi) che ristabilisce le distanze (71-65). Coach Lardo opta per il doppio playmaker in campo (Bossi – Parker) con Lowery da “tre”, la scelta sortisce buoni dividendi e la prima bomba di Parker (76-67) mette il match quasi in ghiaccio, chiuso poi definitivamente da un incredibile tripla allo scadere dei 24’’ di Renzi che di fatto mette fine alle ostilità (81-70) quando mancano meno di 2’ alla fine. Le acrobatiche iniziative di Lowery mandano poi i titoli di coda. I soli 11 punti subiti nell’ultimo periodo sono musica per le orecchie di coach Lardo che sin dall’inizio non ha fatto mistero che dalla difesa devono iniziare le fortune di Trapani. 86-70 il punteggio conclusivo. Da segnalare il buon atteggiamento della formazione granata, che s’è cercata in attacco, sbattendosi nella propria metà campo, ancor di più nell’ultimo quarto, nonostante la condizione non sia ancora ottimale ed il fiato quindi scarseggi. Adesso la finale contro Barcellona che nell’altra semifinale ha avuto la meglio contro l’Orlandina di Gianmarco Pozzecco con un sontuoso ultimo periodo del playmaker Andre Collins.

Pall. Trapani – Moncada Agrigento 86-70 (29-19; 43-34; 64-59)
Pallacanestro Trapani: Renzi 8, Bartoli, Lowery 17, Baldassarre 12, Bossi 15, Rizzitiello 8, Ianes, Tabbi, Parker 7, Ferrero 19, Costadura n.e. Coach: Lardo.
Moncada Agrigento: Anello 2, Portannese, Di Viccaro 8, Mian 19, Chiarastella 9, Giovanatto, De Laurentiis 4, Mocavero 12, Vaughn 16, Piazza n.e. Coach: Ciani.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy