Mercato A2, i rumors e i fatti del giorno

Mercato A2, i rumors e i fatti del giorno

Commenta per primo!

Più che i giocatori, sono le condizioni delle società a tenere banco in queste ore, nella grande agorà dell’A2.

Partiamo da Verona, dove nell’atmosfera amarcord che si è respirata attorno alla possibilità di un ritorno da dirigente di Mike Iuzzolino, prendono corpo anche le voci di una rinascita scaligera guidata da Andrea Mazzon, tecnico simbolo della Mash Jeans e dell’era Fadini, culminata con la conquista della Korac. C’è chi però non esclude che l’apprendistato di Sandrino De Pol alle spalle di Ramagli sia stato sufficiente, e che le chiavi della prima squadra possano essere le sue, le alternative alle soluzioni più di casa sono Dalmasson, Franco Ciani e Marco Ramondino, ma anche Marco Crespi.

Situazione più delineata ma con rotture quella di Torino, con il Presidente Forni e il fondatore del progetto PMS Paolo Terzoli ormai pronti a imboccare strade diverse: mentre la Manital lotta per conquistare la A, a breve annuncerà una collaborazione con il Cus Torino, il ripristino del marchio Auxilium e la sparizione del nome Pms dalle proprie maglie, Paolo Terzolo rilancia il progetto che nel 2009 aveva portato all’unione di Moncalieri e San Mauro dando origine proprio alla Pms. E’ lo stesso Terzolo ad annunciare la richiesta di partecipazione alla B con la squadra Under 20, il progetto si alimenterà anche del sostegno del Gruppo Elah Dufour Novi, sponsor ma non socio in quel di Casale.

Chiudiamo con due piazze meridionali (e in agonia), i segnali per Barcellona e Napoli sono contraddittori. Nel Longano, ottenuta una miracolosa salvezza, pesa la mancata assemblea dei soci, in programma una settimana fa: si parla persino di un ritorno faraonico di Bonina, ma la verità è che ad oggi l’unico sotto contratto è Maresca, col rischio che altri fedelissimi -da Da Ros a Perdichizzi- possano scegliere altri lidi molto presto. Su Napoli fresche di giornata le dichiarazioni dell’AD Fabio Muro sul “Roma”, sembra rafforzarsi l’ipotesi di un nuovo CdA a stretto giro con l’uscita sua e del Presidente Balbi: si parla di un gruppo acquirente solido e concreto, di risposte che arriveranno entro la prossima settimana, di debiti che verranno divisi tra vecchia e nuova proprietà. Staremo a vedere…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy