Nasce la nuova Veroli, obiettivo salvezza

Nasce la nuova Veroli, obiettivo salvezza

Commenta per primo!

Dopo un’estate tribolata, la più difficile nella storia recente del club, il Basket Veroli riparte dal raduno di ieri pomeriggio. Con un nuovo presidente (Uccioli), un nuovo allenatore (Ramondino, vice di Marcelletti nella passata stagione) e un roster rinnovato per intero, ad eccezione del confermato Carenza.

Alla presenza di un gruppo di tifosi, la squadra si e’ presentata al pubblico e ai giornalisti nella sede sociale di via Parco della Rimembranza: tutti presenti, in attesa dei due americani Sanders e Samuels, entrambi ancora negli USA e attesi entro l’inizio della prossima settimana (già giovedì il primo, incerta la data d’arrivo dell’ex Lobe Huesca, appena diventato papa’). C’era anche Brett Blizzard, giunto in mattinata direttamente da Oltreoceano, e l’acquisto dell’ultim’ora Bruno Ondo Mengue, prodotto della Stella Azzurra Roma e firmato stamattina. L’italo-americano, già con Ramondino a Bologna due stagioni fa, sarà il leader carismatico del gruppo e porterà la sua esperienza al servizio della squadra, al pari dell’ex Nazionale Cittadini e del probabile capitano Marco Rossi, al secondo ritorno in giallorosso. A completare il roster, oltre ad un gruppo di giovani pronti a giocarsi una buona opportunità in pre-campionato, ci sono l’ex Cantu Casella e Giovanni Tomassini, rimasto in Ciociaria dopo l’annata a Ferentino e determinato a dimostrare finalmente il suo potenziale in questa categoria. “Una squadra costruita con la società e l’allenatore da un punto di vista tecnico – ha precisato il gm Ferencz Bartocci, fresco di rinnovo biennale – Naturalmente abbiamo dovuto considerare le esigenze di bilancio, motivo per cui quest’anno partiremo con l’obiettivo di lasciarci almeno due squadre alle spalle. Tuttavia, dovremo tenere sempre un occhio alla zona playoff. Veroli e’ una piazza dove si respira basket, i giocatori avvertono il calore della gente: sarà importante conciliare questa esigenza di contatto fisico, ma come sapete anche quest’anno la nostra casa sarà il Palasport di Frosinone”. Con una novità, testimoniata dalla presenza di Massimo Ciotti, papa’ di Tiziano: “Gia’ da questa prima settimana di lavoro, il mercoledì pomeriggio ci alleneremo ad Anagni”, ha continuato Bartocci, prima di comunicare a mezzo comunicato le date del precampionato (da segnalare le impegnative sfide contro Caserta, Torino e Pistoia, intervallate dal 9. Memorial Zeppieri in programma il 14 e 15 settembre con Jesi, Matera e Ferentino). “Inizieremo da subito il lavoro tecnico, affiancato da sedute atletiche – ha spiegato coach Ramondino, alla prima esperienza da capo-allenatore in LegaDue – Sara’ un campionato durissimo, diverse squadre hanno investito molto nella costruzione dei roster e le due retrocessioni alzeranno notevolmente la competitività del campionato rispetto alle ultime due stagioni. Non c’e’ da farsi illusioni, quest’anno il nostro obiettivo e’ la salvezza: bisogna essere chiari fin dall’inizio, siamo una squadra di seconda fascia e sarà importante l’atteggiamento con cui andremo in campo. Da un punto di vista ambientale, invece, mi aspetto grande supporto da una piazza che ho imparato a conoscere lo scorso anno; i giocatori dovranno apprezzare il contributo che i nostri tifosi ci daranno.” Il tecnico avellinese sembra avere le idee chiare e tanta voglia di fare: “Abbiamo costruito con la società e tutto lo staff una squadra giovane, sviluppata intorno a tre punti di riferimento come Blizzard, Cittadini e Rossi. Come struttura, ci interessava costruire un gruppo completo da un punto di vista tecnico e atletico e siamo fiduciosi di esserci riusciti: Tomassini e Carenza, poi, non sono proprio di primo pelo in questa categoria e i due americani hanno già avuto esperienze europee. Le novità sui visti per gli stranieri? Sono l’ultimo arrivato, non sta a me giudicare: di certo rispetto al passato, mi aspetto molti più movimenti di mercato interni al campionato stesso, visto l’impatto che hanno i premi Nas sui bilanci societari (9000 euro per tesseramento)”. Sulla scelta del coach campano e’ sicuro Bartocci: “Nonostante la giovane eta’, Ramondino ha una grande conoscenza dei giocatori, visto che da sempre vive il basket con una gran voglia. Non saprei paragonarlo ad altri allenatori, anche se ormai ci conosciamo da quasi un decennio. Ricordo ancora il nostro primo incontro in un concentramento giovanile (nell’aprile 2005 ad Acquasparta, vinto dalla Fortitudo Bologna di Belinelli, categoria under 21, nda), quando io ero a Fabriano e lui era alla guida di Salerno, in cui giocava Peppe Poeta.” Ai tempi l’head coach della Pallacanestro Salerno in B2 era Andrea Capobianco, mentore di Ramondino: “Basta vedere il mio curriculum per capire che per me e’ un riferimento – aggiunge il nuovo allenatore dei ciociari – Sono legato anche da un punto di vista personale ed e’ naturale che il primo nome che mi viene in mente e’ il suo. Voglio pero’ rendere onore anche a coach Bocchino (reduce dalla semifinale nell’Europeo Under 16 in Ucraina, nda), altra figura importante nella mia crescita professionale: con me e’ sempre stato leale e mi fa piacere rendergli merito.”

 

DATE PRECAMPIONATO

7 settembre Caserta-Veroli

14/15 settembre Torneo “9. Memorial Adolfo Zeppieri” con Ferentino, Jesi e Matera

21 settembre Torino-Veroli

22 settembre Pistoia-Veroli

25 settembre Forlí-Veroli

28/29 settembre Torneo “Citta’ di Roseto” con Ferentino, Roseto e Napoli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy