Omegna ad Agrigento per tentare l’impresa

Omegna ad Agrigento per tentare l’impresa

Commenta per primo!

Nell’ultima giornata del campionato di Serie A2 girone Ovest, si affronteranno la capolista Moncada Agrigento contro la Paffoni Fulgor Omegna. La squadra allenata da coach Franco Ciani (eletto anche miglior allenatore del mese), arriva da 5 vittorie consecutive contro Latina, Casale Monferrato, Scafati, Reggio Calabria e Trapani. L’ultima in ordine di tempo è appunta quella nel Derby al PalaConad, vinta dopo un tempo supplementare 94 a 86. L’ultima battuta d’arresto di Agrigento risale alla partita casalinga del 22 novembre contro Siena (59-77). Anche Omegna arriva da un momento positivo dopo la vittoria nel Derby contro Biella (73-69), un PalaBattisti più che mai gremito. E questa vittoria sommata a quella casalinga contro Agropoli di tre settimane fa, hanno portato i lupi rossoverdi ad avere un po’ più di fiducia e ad avere prima dell’ultima partita al giro di boa, 10 punti. Rimane sempre il rammarico per le vittorie sfumate di un punto contro Scafati (ora capolista insieme ad Agrigento) e contro Rieti in casa, e quella in trasferta contro la Virtus Roma. Con quei 6 punti in più ora la Paffoni si troverebbe in zone molto più alte di classifica.
Per quanto riguarda i numeri di squadra, Agrigento tira con il 52% da due, il 40% da tre e il 76% dai tiri liberi. Percentuali un po’ più basse per Omegna, come dimostra anche la diversa posizione in classifica; la squadra di coach Magro tira infatti con il 50% da due, il 32% da tre, e il 75 % dai tiri liberi.

Per quanto riguarda i singoli, Agrigento scenderà in campo con il quintetto formato da Piazza play, 6 punti contro Trapani ma non ancora al meglio della condizione dopo l’infortunio e l’operazione alla mano destra di due mesi fa, Martin come guardia, 15 punti nell’ultima partita e primo nella classifica individuale per media palle recuperate con 2.4, Evangelisti come ala piccola, top scorer nel derby con 24 punti, quinto nella classifica per percentuale di realizzazione dei tiri liberi con 66/71 e 93 %, Chiarastella come ala grande, 11 punti contro Trapani, e Eatherton come centro, 9 punti nell’ultima partita. Riserva ed ex di lusso per gli anni passati ad Omegna, è Andrea Saccaggi, guardia che viaggia a 16.9 di media a partita, 13 volte su 14 è andato almeno in doppia cifra e ha il 43% da 3 punti su 7.5 tentativi di media a partita. Per quanto riguarda le classifiche individuali è quarto in quella della media palle perse con 3.4, è quinto in quella della media palle recuperate con 1.6, in quella dei falli fatti totali con 48 e sempre quinto in quella dei falli subiti totali con 69. Partiranno dalla panchina anche De Laurentiis e Vai, ma anche il loro contributo sarà fondamentale visti i punti segnati nell’ultima partita, rispettivamente 10 e 6, per dimostrare ancora una volta come Agrigento sia una squadra completa in tutti i ruoli.

Per quanto riguarda Omegna invece, i lupi di coach Magro scenderanno in campo con il quintetto formato da Zanelli play, 9 punti contro Biella e quarto nella classifica per percentuale di realizzazione dei tiri liberi con 38/41 e 93%, Moore come guardia, 2 punti e di nuovo in affanno dopo due ottime partite, Casella come ala piccola, 11 punti nell’ultima partita, Smith come ala grande, 17 punti, quinto nella classifica per media rimbalzi totali con 8.9, in quella dei rimbalzi totali con 124, e in quella dei rimbalzi difensivi totali con 79, Iannuzzi come centro, top scorer della Paffoni contro Biella con 18 punti, secondo nella classifica per media falli subiti con 5.6, sempre secondo in quella della media palle perse con 3.8, e primo in quella dei falli subiti totali con 79. Importanti per i lupi rossoverdi saranno anche Cappelletti, 10 punti contro Biella e 5 solo nell’ultimo quarto, Gurini, tornato dopo l’infortunio e non ancora al meglio della condizione, e Terenzi, sempre fondamentale nelle rotazioni di Coach Magro.

L’appuntamento è q uindi per il 3 gennaio alle ore 18.00 al PalaMoncada di Agrigento, per vedere se la Paffoni riuscirà a battere la squadra casalinga e fermare le sue cinque vittorie consecutive, o se i pronostici verranno rispettati e Agrigento chiuderà l’anno in testa alla classifica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy