PalaTriccoli insidioso per la Fulgor Libertas Forlì

PalaTriccoli insidioso per la Fulgor Libertas Forlì

Commenta per primo!

Archiviata la vittoria con Trapani, la Fulgor Libertas scende in terra marchigiana per affrontare la seconda trasferta stagionale cercando di non interrompere una striscia positiva iniziata davanti al pubblico amico.

Nella tana di Maggioli e Rocca gli uomini di Galli troveranno un terreno infuocato, complice le due sconfitte rimediate dagli “arancio/blu” del nuovo coach Coen ma, senza timore, i romagnoli scenderanno al PalaTriccoli consapevoli dell’ottimo stato di forma mentale che sta vivendo il roster.

Partita ricca di ex quella di domenica che vede di fronte il “play” salvezza Lee Goldwire -22pt media fin’ora- l’americano reduce da un campionato in terra macedone torna a calcare i parquet italiani questa volta nelle Marche dopo una stagione agli ordini di Dell’Agnello a Brescia, non ha bisogno certo di presentazioni l’americano che il popolo biancorosso lo ricorda bene per aver dato la scossa e la sostanza tecnica nella rimonta di tre anni fa.

Il tifo biancorosso rivedrà anche l’ex capitano Stefano Borsato sceso a Jesi quest’anno dopo aver declinato in estate, le avance societarie, player polivalente che può ricoprire il ruolo di guardia e punire sugli scarichi con il suo tiro preciso e utilizzabile anche come playmaker per far rifiatare Goldwire durante il match.

Coach Galli avrà sicuramente studiato la trappola per bloccare il gioco di coach Coen, e sicuramente caricato al punto giusto Tyler Cain che se la vedrà con capitan Maggioli, ma anche con il gioco d’area dell’ex “Sindaco” Napoli, Milano e Bologna: l’USA biancorosso esce domenica scorsa da un partita non altezza delle sue qualità (solo 2pt a referto) ma, il ragazzo ha dimostrato già a Napoli contro Brkic di non temere i veterani della lega, quindi nettamente in grado di duellare anche con l’esperto centro italiano.

In cabina di regia Saccaggi e Ferguson escono dalla partita di domenica scorsa con il morale alle stelle, supportati da un combattivo Sergio e Crown che completano un quintetto iniziale tutta sostanza e tecnica.

L’ex riminese Crow e sicuramente la nota positiva in casa forlivese, reduce da stagioni poco esaltanti in giro per la penisola si è calato nella causa con professionalità e voglia di migliorare che, sta dando ottimi risultati, domenica scorsa con capitan Ferguson e Sacccaggi è stato l’artefice della punizione inflitta a Trapani, andando anche a difendere il pitturato con energia e spirito di sacrificio.

La chimica di squadra tanto cercata in pre-season da coach Galli, sembra dare i propri frutti, il gruppo biancorosso è coeso e combattivo anche con le seconde linee, nonostante la giovane età, la panchina con Basile ed Eliantonio ha dato un ottimo contributo nella prima vittoria stagionale.

Ora si attendono conferme, senza pressioni eccessive ma, con la consapevolezza di poter comunque cresce e giocare magari da protagonisti nella nuova Legadue Adecco Gold.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy