Presentata la nuova Lega Nazionale Pallacanestro: le parole di Coldebella e Graziella Bragaglio

Presentata la nuova Lega Nazionale Pallacanestro: le parole di Coldebella e Graziella Bragaglio

Commenta per primo!

Milano – La nuova sede di Adecco Italia ha ospitato la presentazione ufficiale della nuova Lega Nazionale Pallacanestro. Alla presenza di rappresentanti dei media, dirigenti di club, addetti ai lavori ed operatori del mondo del marketing e della comunicazione il presidente di LNP, Graziella Bragaglio, il vice presidente Marco Tajana ed il neo direttore generale Claudio Coldebella hanno indicato le prime linee programmatiche della nuovo soggetto, nato in seguito alla riforma dei campionati decisa dalla Fip.

Ha aperto l’incontro il saluto del dott. Andrea Malacrida, direttore commerciale di Adecco Italia, ricordando la vicinanza dell’azienda nel basket, già partner di Olimpia Milano, e nell’occasione lieta di tenere a battesimo questa nuova realtà del panorama italiano.

“Unità e collaborazione devono essere le linee guida della nuova LNP – ha subito illustrato il presidente Graziella Bragaglio – Una Lega che si vuole porre come società di servizi a disposizione delle società. I campionati li organizza la Federazione, il nostro percorso, che inizia oggi, deve essere quello di rappresentare il giusto supporto per le società rendendo loro meno complessa possibile la riorganizzazione che seguire il passaggio dal professionismo al dilettantismo. Che però deve restare sinonimo di professionalità. Per questo, uscendo dai controlli della Comtec, istituiremo un nostro comitato di controllo sulla gestione operativa degli associati, nel loro stesso interesse. In questi mesi abbiamo lavorato molto e comunicato poco, ma avevamo poco tempo per conciliare questo grande cambiamento, non facile. Nei confronti della Federazione vogliamo porci con un ruolo propositivo, ricordando che al tempo stesso che chi investe nello sport non va spremuto, ma aiutato”.”Oggi è anche il giorno in cui presentiamo ufficialmente il nostro nuovo direttore generale – ha proseguito la Bragaglio – Quella caduta su Claudio Coldebella è una scelta perseguita con grande convinzione. Sarà lui a coordinare tutto il lavoro, compresa la parte commerciale e di marketing grazie alle sue esperienze del passato. Il vice presidente Tajana sarà prezioso nell’opera di raccordo con il mondo della DNB e DNC.E con noi ci sarà ancora Pino Gonella, mettendo a nostra disposizione la sua profonda conoscenza del mondo dei dilettanti. La prima parte del percorso è tracciata, siamo convinti di essere sulla strada giusta in vista dell’assemblea elettiva del prossimo30 settembre. Il valore aggiunto di LNP è l’essere in tanti. La differenza la farà l’essere uniti”.

Ha poi preso la parola il dg Claudio Coldebella: “Ringrazio chi mi ha dato la fiducia per questo incarico: il Presidente, i Consiglieri, l’Assemblea. La Fip ha ideato e varato questa riforma, noi dobbiamo trovare un modo comune di ricollocarci all’interno di questa riorganizzazione. Ci deve essere un desiderio di collaborazione fra tutte le componenti: al di là del grande lavoro che i general manager fanno nel loro ruolo sarà necessario il coinvolgimento dei proprietari, non solo del loro apporto economico. E la presenza qui di due presidenti di società come Bragaglio e Tajana ne è l’esempio. Uno dei miei obiettivi è coinvolgerli, motivarli, stimolarli a dare il loro contributo di idee. L’idea che abbiamo è ssere una Lega che offra opportunità ai club. Che sono tanti, 183, coprono tutto il territorio nazionale. e tra le altre, piazze storiche, che tornano come Torino e Napoli, o che hanno vinto coppe europee come Verona, o Trieste che ci è andata vicino. Poi il grande fermento in Sicilia. Ed in Silver ci sono Bari, Reggio Calabria ,Firenze ed una piazza sempre appassionata come Roseto”.; ed in DNB abbiamo la Fortitudo Bologna e Treviso, Rimini ed Udine che iniziano la loro ripartenza”.
“Il giorno della mia investitura ho viaggiato verso Roma. Sentendo parlare di grandi difficoltà con le componenti con le quali mi sarei incontrato a breve. Invece con Fip, Giba, Usap e Procuratori ho constatato una voglia comune di collaborazione. Sul piano sportivo vogliamo essere fonte di opportunità di crescita per i giovani. Il basket è per antonomasia lo sport che guarda in alto ed è bello vedere che in questo momento di difficoltà sono i giovani dell’Under 20 a dare l’esempio, con l’oro agli Europei. E più di metà Nazionale viene dai nostri campionati. Dove non giocheranno perché devono farlo: da ex-giocatore dico che a loro disposizione ci sarà l’opportunità di farlo. E che gli stranieri li aiuteranno aumentando il livello di gioco di competitività, necessaria per crescere”.
“La comunicazione? Siamo all’inizio: analizzando la questione televisiva, che analizzandola a 360 gradi è complessa per la Nazionale come per la Serie A; varando a breve un nuovo portale (www.legapallacanestro.com); valutando un progetto di web tv; inseguendo una grande apertura ai social network”.
“La priorità? Metterci al più presto al lavoro con il nostro staff al completo. E’ bello che il testimone sia passato da un ex giocatore, Marco Bonamico, ad un altro: per chi mi conosce sa che ho sempre prediletto il gioco di squadra. E così cercherò di fare anche in questa veste”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy