Reyer: cresce l’attesa per la trasferta a Verona

Reyer: cresce l’attesa per la trasferta a Verona

Commenta per primo!

Cresce l’attesa dei tifosi per la trasferta di Verona. Sono infatti in vendita presso il Reyer Store di Mestre gli ultimi 30 biglietti dei 200 messi a disposizione degli appassionati orogranata dalla società scaligera. Tra ieri e questa mattina la corsa al biglietto ha fatto registrare una netta impennata ed è facile prevedere che gli ultimi tagliandi disponibili verranno esauriti in breve tempo.

Da parte sua anche sulla sponda gialloblu ci si attende una massiccia partecipazione di pubblico, considerata la grande posta in palio del derby veneto. 
“Chi come me ha vissuto la stagione dell’Umana Reyer dell’anno scorso – dice Marco Allegretti – sa bene, per averlo provato sulla propria pelle, cosa aspettarsi da Verona. Per loro si tratta di due punti indispensabili in chiave salvezza e saranno duri e determinati. Ma quei due punti non sono certo meno importanti per noi che puntiamo alla testa della classifica e che vogliamo confermare tutto il nostro valore”. 
Umana Reyer chiamata a provare a vincere entrambi gli incontri che mancano alla fine della stagione regolare per poi tuffarsi nei playoff. “Per quanto ci riguarda sappiamo di non avere due partite semplici – continua Allegretti – ma faremo di tutto per provare a vincerle entrambe, sia a Verona che con Barcellona al Taliercio, visto poi che quest’ultima, oltre che essere una diretta rivale, ci permetterebbe anche di equilibrare il trend negativo in casa prima dei playoff”. 
Destini che si incrociano tra la testa e la coda della classifica, in queste due ultime giornate di campionato, che si disputeranno tutte in contemporanea. “Quasi sempre in Legadue succede che nelle ultime giornate si decide tutto e viene emesso ogni verdetto, ci siamo abituati – prosegue l’ala lombarda – chiaro che per il vertice quest’anno tutto è relativo visto che non c’è la promozione diretta e ci si deve invece giocare tutto ai playoff. Ma può dare in ogni caso l’opportunità di contare sul vantaggio del fattore campo, che non è cosa da poco. A livello di avversarie da affrontare direi invece che i valori di questo campionato sono talmente livellati che incontrare ai playoff la quarta o l’ottava francamente non cambia moltissimo perché sono tutte squadre temibili. Conta certamente molto di più come ci si arriva”. 
E proprio perché sarà importante la condizione in cui si arriva ai playoff, la sosta di tre giorni è stata salutata positivamente anche da chi nelle ultime uscite ha dato prova di essere in gran spolvero come appunto Marco Allegretti. “Serviva una sosta, perché il campionato è davvero lungo considerato che abbiamo iniziato a lavorare in agosto e potenzialmente si potrebbe andare avanti fino a fine giugno. Tanto più che quando inizieranno i playoff si giocherà ogni tre giorni e non ci sarà più il tempo per tirare il fiato”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy