Scafati – Viola: è comunque un big match

Scafati – Viola: è comunque un big match

Commenta per primo!

Big Match? A guardare la classifica la risposta è: assolutamente no. Le argomentazioni, però, non mancano e la gara domenicale tra Givova Scafati e Bermè Viola Reggio Calabria.

I campani sono la  capolista del girone di A2 ma sono tutt’altro che imbattibili:nell’ultimo Loschi e soci hanno perdo a Siena, contro ogni pronostico. La voglia di riscatto è doppia per gli atleti di Coach Perdichizzi considerando che, nella sfida di andata, persero 81  70 al PalaCalafiore di Reggio Calabria.

Differenza canestri? Con dieci punti di gap tra le due compagini sarebbe al momento improponibile pensare anche a questa variabile. Nella sfida di andata scesero in campo due formazioni diverse: la Givova lamentò una problematica dovuta all’alimentazione in terra calabra che mise k.o. l’estro del forte Portannese e debilitò larga parte del roster.

La Viola? Era un’altra squadra con Mordente,Ghersetti e Freeman. Oggi, i reggini sono reduci da un grande momento. Cinque vittorie nelle ultime otto gare, un Dobbins che gira a mille ed un Crosariol straordinario. Esordio per il nuovo innesto, il nuovo play arrivato da Caserta, Ogo Adegboye giocatore di cui si parla un gran bene. Il nigeriano con passaporto inglese non comprometterà al momento la permanenza a Reggio Calabria dell’ex di turno Valerio Spinelli. Gara bivio per pesare la salute della Bermè: una vittoria significherebbe dare un bel segnale al campionato, allontanarsi dalla zona salvezza e guardare avanti con entusiasmo.

La lista degli ex non finisce qui considerano che accanto al vice-allenatore dei reggini Massimo Bianchi, gloria nero-arancio con un passato lavorativo a Scafati troviamo Max Rezzano, uomo di fiducia negli anni di Matera ed a Reggio di Coach Benedetto e l’ex Capitano Marco Ammannato alla corte della Givova.

Arbitrano i signori Roberto Materdomini di Grottaglie(Ta), Antonio Migotto di Santo Stino di Livenza(Ve) e Luca Maffei  di Preganziol(Tv).

QUI SCAFATI

Giovanni Perdichizzi (allenatore) – “Abbiamo la possibilità sia di riscattare la cattiva prestazione di Siena, la prima stagionale che abbiamo toppato dal punto di vista mentale e dell’atteggiamento, sia di vendicare la sconfitta subita all’andata a Reggio Calabria per i problemi noti di quel virus che ne ha condizionato la prestazione. Giochiamo in casa, vogliamo disputare 40 minuti intensi, cercando di imporre il nostro ritmo e vogliamo sfruttare l’occasione per fare un passo ulteriore nella crescita continua, che ci deve poi portare nella migliore condizione possibile ai play-off. La Viola era partita ad inizio stagione con ambizioni importanti, ma è stata condizionata un po’ dagli infortuni ed un po’ da un ritardo nella preparazione atletica. La società ha apportato parecchi aggiustamenti in corsa all’organico, togliendo Mordente e Ghersetti, ma inserendo l’americano Dobbins, che ha sempre giocato ad alti livelli in Francia in serie A1, ed ora ha ingaggiato anche Adegboye, un playmaker di grande energia. Nel settore lunghi, Brackins e Crosariol hanno trovato una condizione fisica accettabile, in più Spinelli è un giocatore importante, che non necessita di presentazione. Non va trascurato infine l’apporto che Rullo, soprattutto in termini realizzativi, ha saputo dare in maniera crescente alla squadra, permettendole di risalire la classifica”.

Massimo Rezzano (giocatore) – “Nonostante la sconfitta di Siena, lo spogliatoio, come sempre, è unito. Abbiamo analizzato cosa non ha funzionato, abbiamo capito di aver sbagliato l’approccio alla sfida e che, al di là del livello tecnico dell’avversario, senza intensità, non si vince contro nessuno; così, siamo scesi ad allenarci in settimana più forti di prima, in vista di una gara importante come quella che ci attende domenica contro Reggio Calabria. Sarà una gara che vivrò da ex, ho molto rispetto della società reggina e dei suoi tifosi, che all’andata mi hanno accolto benissimo, ma per me oggi è una partita da affrontare con il medesimo spirito delle altre. La Viola è una squadra che è partita lunghissima, con tanti atleti, dotata di molta esperienza, ma probabilmente poco affiatata, che ha fatto fatica in tutto il girone di andata. Attualmente è in crescita, è reduce anche da due vittorie di fila ed ha voglia di risalire una classifica talmente corta da dare loro ancora la possibilità di giocarsi parecchie chance di qualificazione ai play-off”.

QUI VUOLA

Giovanni Benedetto (allenatore) – “Quella di domenica contro Scafati sarà una partita difficile. Affrontiamo la capolista del campionato, squadra esperta e costruita per vincere. Siamo consapevoli della forza del nostro avversario, ma per noi è doveroso proseguire sul percorso positivo intrapreso da tempo. In settimana abbiamo lavorato bene. Abbiamo cercato di affinare alcune situazioni tattiche, cercando di apportare qualche modifica al nostro assetto, peraltro ben collaudato, considerato l’arrivo del neo acquisto Adegboye. Ogo ci darà una grossa mano e porterà quella brillantezza di cui abbiamo bisogno”.

Andrea Crosariol (giocatore) – “La sfida contro Scafati si presenta proibitiva e ricca di insidie. Incontriamo la squadra che guida con merito il nostro campionato. Proveremo ad affrontare il nostro avversario con la massima attenzione, cercando di sbagliare il meno possibile e consapevoli della sua forza. Da parte nostra vogliamo confermare quanto di buono fatto nelle ultime giornate”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy