Sfida verità per la Virtus Roma, ospite a Trapani

Sfida verità per la Virtus Roma, ospite a Trapani

Commenta per primo!

Alle 20 di domenica 13 dicembre  al Pala Conad di Trapani, andrà in scena la partita Pallacanestro Trapani – Acea Virtus Roma.

Entrambe le squadre si trovano a metà classifica, i siciliani però sono in vantaggio di due lunghezze sui romani. Mentre i ragazzi dell’allenatore di Trapani, Ugo Ducarello, sono reduci da una sconfitta in trasferta rimediata contro Agropoli, quelli di coach Attilio Caja stanno attraversando un momento magico, cinque vittorie consecutive dopo una serie negativa di sei sconfitte.

Per il playmaker di Roma, Guido Meini, si tratta di una partita molto calda. Fino alla scorsa estate militava proprio tra le fila di Trapani. Ha impiegato un po’ di tempo prima di ambientarsi, come tutti i giocatori della Virtus, ma adesso sta sfoderando tutta la sua esperienza accumulata in tanti anni di professionismo nella pallacanestro. Appena tre anni fa faceva parte del quintetto che ha condotto Pistoia in Serie A. Dall’inizio del campionato viaggia con una media di 4.7 punti, 2.8 rimbalzi e 2.6 assist a partita. Un altro uomo di punta su cui fare affidamento è Alan Vaskuil, guardia americana con passaporto danese, per via della precisione dei suoi tiri dalla lunga distanza. I numeri parlano chiaro: 17.2 punti, 4.4 rimbalzi e 3 assist per incontro. Sul perimetro troviamo Giuliano Maresca, atleta sempre molto presente sia negli schemi offensivi, con i tiri da fuori,  che difensivi. Dopo le esperienze nella massima serie, nella Capitale sta vivendo una seconda giovinezza e i numeri attuali ne sono chiara testimonianza: 12.9 punti, 3.5 rimbalzi, 2.1 assist e 3.1 palle perse (unico neo di questo inizio di stagione) a gara.

Invece, nella formazione siciliana è da tenere d’occhio Andrea Renzi, dal 2013 presente nella Pallacanestro Trapani, ha all’attivo qualche presenza con la  nazionale maggiore, ed anche in quelle minori, U-16 e U-18. Grande difensore, eccezionale agonista, è Kenneth Viglianisi, nato e cresciuto a Scilla (RC). Ottenuta l’estate scorsa la promozione in Serie A con il Torino è passato al Trapani proprio quest’anno. È In grado di ricoprire sia il ruolo di guardia che quello di regista.

Sono presenti molti giovani, per lo più italiani. Si prospetta una sfida equilibrata, ma nessuna delle due formazioni può permettersi altri passi falsi. La differenza più grande è che Trapani ovviamente può contare sul supporto del pubblico di casa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy