Siena a Biella per iniziare bene l’anno nuovo, ma l’Angelico vuole superare la crisi

Siena a Biella per iniziare bene l’anno nuovo, ma l’Angelico vuole superare la crisi

Commenta per primo!

Come spesso accade, le strade ad un certo punto si separano, e quel bivio ti fa rimanere il sapore amaro in bocca. Le storie però regalano snche  dei colpi di scena, delle “pazzie” dell’autore quando tutto oramai sembra finito. Sembra un lontano deja vu, eppure è realtà: un’altra partita dal sapore di Serie A di questo Girone Ovest del Campionato di Serie A2, un’altra gara sentita da entrambe le parti, una di quelle che ti fanno rivivere e rivenire in mente gioie e dolori. Signore e signori, siamo vicini a Biella-Siena, in programma domani alle ore 18 al Biella Forum.

L’anno che è iniziato da poco già prepara interessanti incontri sui parquet italiani, e questa è una di queste.  La squadra di Coach Carrea Michele, penultima a 8 punti, viene dal KO di Omegna, col risultato di 73-69 per la Paffoni di Alessandro Magro. Una partita giocata se non altro con orgoglio dai rosso-blù, ma non basta per vincere. Innegabile che la svolta tanto richiesta dalla società passi anche per i punti dell’ex Forlì e Cremona Jazzmarr Ferguson (22.9 punti in 38.07 minuti e 47% da due punti), come anche da un altro veterano dei nostri campi che risponde all’ex Milano, Teramo e Verona Mike Hall, arrivato in corsa (14.3 punti in 32.46 minuti e 13.8 rimbalzi totali): sono loro i più impiegati e prolifici dalla squadra di Carrea (aiutati da Nicolò De Vico e Simone Pierich), che complessivamente mette 73.4 punti e 85% dalla lunetta, ma manca ancora dell’apporto di giovani quali La Torre (al centro di polemiche in settimana).

La Mens Sana 1871, dal canto suo, è ottava a quota 14 punti, e viene dal successo casalingo contro Ferentino per 77-68. I biancoverdi di Coach Alessandro Ramagli, sempre comandati dagli americani Chris Roberts (15.9 centri in 33.33 minuti e 50% dentro l’arco), e Truck Bryant, (15.1 punti in 30.08 minuti e 3.1 assist), si appoggiano anche aDane Diliegro e Mattia Udom, autentiche “colonne di rinforzo” per la società toscana, che di solito mette 75.5 punti e l’incredibile 38.6 rimbalzi totali.
Una delle tante partite dei ricordi passati, sul parquet del Campionato di Serie A, che, da qualche parte, un personaggio sperduto in una parte del mondo della palla a spicchi, ha voluto far lucidare a nuovo. Un buon modo per iniziare questo 2016, augurando a tutte le società un sereno cammino.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy