Siena, parte l’operazione salvataggio della Mens Sana

Siena, parte l’operazione salvataggio della Mens Sana

I primi passi dell’associazione dei tifosi, niente cessioni sul fronte roster.

Commenta per primo!

In base a quanto riportato dai colleghi di Radio Antenna Esse, prende corpo il progetto di salvataggio della Mens Sana. In piena zona playoff nel Girone Ovest di A2, la crisi palese della nuova società, nata nell’estate 2014 sulle ceneri della Mens Sana Basket, inizia l’8 febbraio scorso, dopo le dimissioni in blocco del GM Lorenzo Marruganti, insieme a due consiglieri d’amministrazione, seguite a stretto giro da quelle di Piero Ricci, presidente della Polisportiva Mens Sana, azionista di maggioranza.

Il budget previsto per l’annata supera di poco il milione, le spese sostenute toccano i 600mila euro, ma serve uno sforzo per raggiungere il pareggio, per accumulare quei 3-400mila euro necessari a chiudere la stagione (fonte Gazzetta dello Sport). Il 18 febbraio scorso di sarebbe dovuto tenere un Consiglio di Amministrazione formato “resa dei conti”, ma il suo rinvio ha anticipato una possibile ancora di salvezza, oggi più concreta. Infatti, dopo che il 20 febbraio si è tenuta un’ assemblea pubblica presso l’Hotel Garden di Siena focalizzata sull’operazione di salvataggio, è di oggi il primo passo ufficiale legato al piano:la nomina di Alfredo Barlucchi (ex giocatore menssanino) a Presidente della nuova Associazione Sportiva “Io tifo Mens Sana”.

Il rogito è stato stipulato presso il Notaio Cambiaggi, la mission della nuova realtà sarà quella di dare un contributo verso il risanamento della situazione economica biancoverde, insieme a un pool di piccoli imprenditori locali ed ex giocatori biancoverdi molto legati ad ambiente e società, fra cui Gigi Cagnazzo, Piero Franceschini e Letterio Visigalli e Giangastone Bruni. L’obiettivo è raccogliere almeno 300mila euro,  il tutto avverrà tramite donazioni a un conto corrente, ma nulla partirà senza adeguate rassicurazioni da parte della Polisportiva sulla conferma dell’intero roster (incontro previsto per domani, la deadline per il mercato in A2 è fissata per il 28).

In parallelo, Franceschini starebbe lavorando per costituire una nuova srl, affiancata da un consorzio che raccolga finanziamenti e aiuti economici. I due organi quindi si potranno presentare dalla Polisportiva per avere in mano le carte e i conti precisi del bilancio, in modo da definire gli importi in funzione delle date di scadenza. L’azione di trust e consorzio servirà a ricostituire il capitale sociale, con un piano triennale che stimoli ulteriori interessi, a partire da Giammarco Bisogno, patron della società di pallavolo Emma Villas, senza dimenticare l’azienda costruttrice di reti wireless Rete Ivo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy