Tortona a Siena per l’impresa, Ammannato a mezzo servizio

Tortona a Siena per l’impresa, Ammannato a mezzo servizio

Commenta per primo!

Una sola vittoria nelle ultime quattro gare. È questo che accomuna Siena e Derthona in scena nello storico PalaEstra nell’unico posticipo serale alle 20.

Sconfitto a Omegna, coach Ramagli tenterà di fare uno sgambetto al roster di Cavina, puntando sul fattore casa, anche se saranno decine i sostenitori dei leoni che raggiungeranno la città toscana in auto “Sono una squadra con una tradizione e a dispetto della classifica, in casa hanno uno straordinario potere di difendere più che in trasferta – commenta il coach bianconero – punti di forza sono anche i due americani, Roberts e Bryant, dotati di tecnica e forte atletismo, soprattutto nel recupero delle palle vaganti a rimbalzo. Sono una squadra giovane, di talento, con la peculiarità di attaccare velocemente, chiudendosi a riccio sotto il proprio pubblico, forti di questa esuberanza giovanile.

Sono imbattuti in casa nonostante le quattro sconfitte in stagione, questo indica che in un palazzetto con tanta storia l’intensità paga”. “Dal canto nostro – continua Cavina – l’obiettivo era il totale recupero fisico visto il dispendio di energie nell’overtime e un match comunque ad alti ritmi per 40 minuti. Ci siamo riusciti senza approfondire le piccole lacune sulle palle perse, consci di dover essere al top fisicamente per destreggiarci a tenere alti i tiratori senza regalare nulla sotto. Ammannato ha avuto fastidi al ginocchio. Sarà comunque dei nostri e da martedì proveremo a far rientrare il dolore con un recupero ad hoc”. Il vero problema per il roster di Cavina saranno però i falli che Siena storicamente compie sul proprio parquet, complice anche la difficoltà di arbitrare al PalaEstra “Ci vorranno i migliori lunghi della stagione – conclude il coach – e una difesa pronta a ripartire, segnando in contropiede”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy