Tortona e Assigeco a caccia di punti pesanti

Tortona e Assigeco a caccia di punti pesanti

Al ‘PalaOltrepo’ si incrociano due squadre con obiettivi differenti e lontani. La ricerca della miglior posizione di classifica in vista dei play off per i ‘leoni’ padroni di casa e il bisogno assoluto di punti dell’Assigeco per smuovere l’arida classifica, saranno il pepe che surriscalderà l’incontro di sabato sera.

Là in alto, appena sotto la capolista Scafati, l’Orsi Tortona di capitan Alexander Simoncelli, si gode la meritata posizione di privilegio, tenendo sempre fisso nel mirino l’obiettivo di sostituirsi ai campani nel ruolo di lepre. Il passo costante, sempre col vento in poppa, dei bianconeri, è stato recentemente rallentato, ma solo momentaneamente e senza apparenti conseguenze, dalla scivolata interna con una lanciatissima Ferentino, che in questo girone di ritorno raccoglie i benefici di un azzeccato cambio alla guida tecnica. La netta vittoria dei ‘leoni’ a Reggio Calabria, nell’ultimo turno prima della sosta pasquale, doppia l’impresa della domenica precedente, quando a Scafati coach Demis Cavina guida i suoi alla conquista di un infuocato, ma alla fine domato, PalaMangano. Il momento è particolarmente succulento e gustoso, piccante per i tifosi e stuzzicante per le ambizioni dei piemontesi. Dopo la proficua trasferta di Reggio, ancora senza il capitano, coach Cavina sottolinea quanto “Alex sia un giocatore importante per noi”, ed al contempo elogia “un gruppo che anche nelle difficoltà ha sempre agito nella maniera giusta”. Parlando finalmente di play off, dice che “anche e soprattutto ora, non cambia di una virgola il nostro atteggiamento. Vogliamo continuare a correre. Anche nei play off”.

Assestato l’impianto di gioco, Tortona corre verso i risultati sperati per ottenere le meritate soddisfazioni. Tre sono nel roster della Orsi, i ragazzi che in Assigeco hanno vissuto l’esperienza del Campus di Via Papa Giovanni: il già citato capitano Alex Simoncelli, Fabio Maghet e Marco Spissu che, con il gioco e un mortifero tiro da tre, si è ritagliato un suo importante spazio e viaggia con media punti in doppia cifra. Ma tanto di più ha da offrire il gruppo. I momenti di maggior pericolo li creano sicuramente De’Mon Bayaia Brooks, Luca Garri e Andrea Iannilli che, da sotto l’anello sanno imporre centimetri e capacità di movimento. Davide Reati e Derrick Michael Marks dal perimetro perdonano raramente e incidono sempre in maniera importante sul referto finale.

La tiratissima gara d’andata con l’Assigeco, finita dopo un over time, premia con i due punti le fatiche dei rossoblu di casa e, con un’esaltante e divertente partita, il palato fine delle due tifoserie assiepate sugli spalti del PalaCampus di Codogno.

In casa Assigeco, però, ora si vive un periodo di vacche magre. Le tre sconfitte consecutive maturate al Campus con Biella e Ferentino, intervallate dalla arida trasferta sullo Stretto contro la Viola, oscurano completamente le esaltanti, vittoriose uscite di Agrigento e Omegna. Stagione sfortunata, quella rossoblu, che fin dall’inizio vede una assidua frequentazione dell’infermeria da parte di troppi elementi, per poter contare su un lavoro in continuità.

Ultima, pesantissima defezione, l’infortunio che Kyle Austin riporta al tendine collaterale del ginocchio destro nel finale della gara con Ferentino. Campionato finito per l’ala di Pasadena e dirigenza Assigeco alla ricerca di una soluzione, per consentire allo staff tecnico di portare a termine la stagione senza ulteriori difficoltà. In settimana, alla ripresa degli allenamenti, coach Finelli si trova con gruppo decimato da infortuni e assenze giustificate. Sono pioggia sul bagnato le notizie dei guai fisici che Mitchell Poletti riporta nella vittoriosa amichevole di mezza settimana contro l’Edimes Pavia e l’imperfetto stato di Daniel Donzelli che, tornato acciaccato dal raduno della Nazionale Under20 di coach Sacripanti, salterà Tortona e chissà cos’altro.

Per gli allenamenti si pesca nell’Under18 e i giovani Luca Rota e Andrea Peviani accorrono in soccorso al gruppo dei ‘grandi’. Si cerca di tenere alti morale e fiducia, con un intenso lavoro di preparazione alla trasferta di domenica prossima, dopo che l’obiettivo minimo della salvezza è ridiventato primario. Fino a un mese fa dalle parti del Campus si intravvedeva la possibilità di giocarsi la post season delle zone alte. Improvvisamente, è iniziata a spirare una pesante e asfissiante aria di bassa classifica, che aspetta solo risultati di rilievo per essere spazzata via con decisione.

Coach Finelli confida nel lavoro e nel fatto che “siamo abituati fin dall’inizio del campionato all’emergenza e abbiamo già dimostrato di saper moltiplicare gli sforzi nei momenti difficili”. Punta anche sulle riconosciute potenzialità dei suoi ragazzi e “ancora una volta cercheremo di tirare fuori risorse inaspettate nell’emergenza, scavando e cercando, oltre che nella tecnica, anche nella tattica, per farci trovare pronti alla partita difficile di Tortona”.

Saranno motivazioni e aspettative differenti e lontane, ad armare sabato sera le volontà e le velleità delle due squadre sul parquet del ‘PalaOltrepo’. Sicuramente nessuno si tirerà indietro. Sicuramente si vedrà del buon basket. Sicuramente ci sarà più di un motivo per applaudire. L’appuntamento è fissato per sabato due aprile alle ore 21:00 al ‘PalaOltrepo’ di Voghera.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy